Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 24

Discussione: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    Riprendo volentieri questo topic e ritengo che la 4.a medaglia sia quella di Benemerenza dei volontari 1940-43, uguale a quella del 1915/18 e con il nastro in colore c.d. "rosso solferino" .

    [attachment=0:270bkqof]Spazio mostrine GG.jpg[/attachment:270bkqof]

    Per quanto riguarda, invece, la Lungo comando probabilmente non l'aveva conseguita in quanto bisognava aver esercitato per almeno 10 anni, per la "bronzo", il comando effettivo di truppa. Infatti l'ultima riga riporta 6 pezzi invece dei 7 riportati sopra pertanto non vedo il motivo non portarla se conseguita...

    Un caro saluto

    Furiere Maggiore :P

    P.S. posso sapere il motivo di questa tua curiosità* visto che hai chiesto anche in altri due forum
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    E' la somma che fa il totale.

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    53

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    Citazione Originariamente Scritto da Furiere Maggiore
    Riprendo volentieri questo topic e ritengo che la 4.a medaglia sia quella di Benemerenza dei volontari 1940-43, uguale a quella del 1915/18 e con il nastro in colore c.d. "rosso solferino" .

    [attachment=1:1ytdqlvr]Spazio mostrine GG.jpg[/attachment:1ytdqlvr]

    Per quanto riguarda, invece, la Lungo comando probabilmente non l'aveva conseguita in quanto bisognava aver esercitato per almeno 10 anni, per la "bronzo", il comando effettivo di truppa. Infatti l'ultima riga riporta 6 pezzi invece dei 7 riportati sopra pertanto non vedo il motivo non portarla se conseguita...

    Un caro saluto

    Furiere Maggiore :P

    P.S. posso sapere il motivo di questa tua curiosità* visto che hai chiesto anche in altri due forum
    Ciao Furiere Maggiore,

    Innanzi tutto grazie per aver dedicato 5 minuti del tuo tempo per rispondere alla mia domanda.

    Il motivo della mia curiosità* lo troverai leggendo la mia introduzione a : viewtopic.php?f=64&t=19713


    Ritornando alle medaglie del Gen. Bastiani, ho visto sopra che hai postato la foto con il suo gruppo di nastrini. Posso sapere – se possibile - da dove hai preso tale figura e da chi è stata effettuata tale ricostruzione ?

    Inoltre mi confermi che la 3° medaglia (da dx nell`ultima fila in basso) è proprio la ‘Medaglia Commemorativa della guerra 1940-43` ??


    In ultimo, ma non meno importante per cominciare ad imparare qualcosa sulla faleristica italiana, vorrei sapere se la ‘Medaglia Volontari della 2° G.M.` – (istituita con R.D.L. 27 Gennaio 1944 nr. 54, è stata conferita a tutti coloro che dalla data dell`Armistizio (8/9/1943) alla data dell` 8/5/1945 si siano messi, attraversando le linee nemiche, a disposizione del Governo Nazionale costituitosi a Brindisi prima e a Salerno poi nelle zone liberate dagli alleati [in poche parole che hanno partecipato alla guerra di Liberazione]) – può essere concessa assieme alla ‘Medaglia Commemorativa della guerra 1940-43` oppure No.

    Lo chiedo poiché, visto quanto disposto dal suo (della Medaglia Volontari della 2° G.M.) decreto istitutivo mi sembra che questa dovrebbe essere conferita in concomitanza all`altra medaglia, la ‘Medaglia Commemorativa della Guerra di Liberazione 1943-45`, o mi sbaglio ??


    Per quanto riguarda il colore del nastro della ‘Medaglia Volontari della 2° G.M.` non potrebbe avere usato anche quello della foto sotto, invece di quello solo in 'rosso solferino' (in fin dei conti, proprio questo particolare, dalla foto è indistinguibile) ???

    Mi sai dire qual'è la differenza tra i due diversi colori di questi nastri ?


    Rimango in attesa di un tuo Gentile riscontro


    Saluti

    Mauro
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #13
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    ... non si tratta della "Volontari..." istituita ai sensi del r.d.l. 54/1944 ma di quella istituita ai sensi della l. 1054/1948.

    Mentre quella del 1944 era conferita come descritta da te quella del 1948 era conferita, riprendendo gli estremi di quella del 1923, per coloro che "... non avendo obblighi militari volontariamente si arruolavano e combattevano ecc.ecc."

    Sono anche diverse nel conio, infatti mentre quella del '44 non porta date, cosi:

    [attachment=1:2vrk5sc8]1m.jpg[/attachment:2vrk5sc8]

    quella del 1948 porta le date MCMXL-MCMXLV oppure 1940-1945 così...

    [attachment=0:2vrk5sc8]Volontari.jpg[/attachment:2vrk5sc8]

    ...
    Per quanto riguarda il nastrini entrambi sono, per decreto, in "rosso solferino" mentre quello postato da te non è ufficiale ma confezionato dall'industria privata...

    Per quanto riguarda i conferimento "assieme" ad altre decorazioni non capisco e ti rispondo con un esempio: i "volontari" oltre a quella della "guerra 1940/43" (nastro verde a righe rosse) avevano diritto anche alla "volontari" del 1944 oppure del 1948. I militari "obbligati" hanno avuto solo quella con il nastro a verde a righe rosse...

    La ricostruzione l'ho fatta io "copiando" quanto il Bastiani portava al petto nella foto postata da me, ho fatto un copia-incolla da immagini prese da libretti che ho...

    Un caro saluto

    F.M.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    E' la somma che fa il totale.

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    53

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    Ciao F.M.,

    ti ringrazio per la chiarissima spiegazione che mi hai dato : ne farò tesoro.

    A presto

    Mauro

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    157

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    Il libro su Bastiani che citi è molto probabilmente

    Leonida Fazi,"I guerriglieri del mal d'africa", ed. I libri del no, Roma, 1968

    in realtà* è la storia di Bastiani raccontata dallo stesso al Fazi che, appunto, ne ha fatto un libro...in realtà* si tratta di una edizione alquanto miserrima, per una miserrima casa editrice, con conseguente scarso numero di tiratura e limitata distribuzione...

    io lo trovai in un magazzino di roba usata per 2€, anche se non ne avevo mai sentito parlare prima...

    la storia è molto avvincente e dà* l'idea di essere proprio di prima mano (in effetti l'"autore" si limitò solo a scrivere quello che Bastiani gli disse), da sorvolare invece l'introduzione nostalgica e fascisteggiante del Fazi....

    sembra che Bastiani fosse una persona molto riservata, probabilmente è anche per questo che non ci furono più riedizioni o stampe di sue memorie....

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    33

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    Sopra ai nastrini, a fianco delle 2 promozioni per merito di guerra (se non erro), c'è una testa di leone. Cosa sta a rappresentare?

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    4

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    ... forse...divisione Liguria?.....

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Gen. Bastiani e Ten. Renato Arpaia

    ... il leone indicava l'appartenenza al 157° rgt. di ftr. Liguria che faceva parte della divisione di fanteria Cremona. Sia il reggimento che la divisione sono stati disciolti...

    Questa un'altra versione del distintivo:

    [attachment=2:342f29o5]IMG.jpg[/attachment:342f29o5]

    Una cartolina anni '50-'60:

    [attachment=0:342f29o5]157 pb.jpg[/attachment:342f29o5]

    Queste le mostrine e le decorazioni del 157° fanteria:

    [attachment=1:342f29o5]spazio vuoto per mostrine ggg.jpg[/attachment:342f29o5]

    Saluti

    F.M.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    E' la somma che fa il totale.

  9. #19
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    A integrazione di quanto scritto dagli altri forumisti aggiungo altre informazioni su Angelo Bastiani, il "diavolo zoppo". Egli nacque a Licciana Nardi (Massa Carrara) il 31 ottobre 1913, figlio di Icilio e Teresa Ridolfi. All'età di diciannove anni iniziò a svolgere l'attività di apprendista giornalista presso un quotidiano di La Spezia. Nel 1933 si arruolò nel Regio Esercito in qualità di soldato semplice, operando come volontario in Libia, assegnato al 3° Cacciatori. Prese parte ad operazioni di polizia coloniale a Tripoli e a Bengasi, e nell'aprile 1935 sbarcò a Massaua (Eritrea) con il grado di Caporalmaggiore, assegnato allo Stato maggiore della 1ª Divisione eritrea. Prese parte alla Guerra d'Etiopia distinguendosi nella battaglia di Mai Ceu, dove fu decorato al valor militare. Militare di carriera, fu assegnato in servizio alla Banda di Dessiè, poi intorno al settembre 1937, con il grado di sergente gli fu affidata una banda irregolare (composta da lui, da due sottufficiali indigeni e da 160 guerrieri Amhara scelti rigorosamente tra i migliori) che portò il suo nome, “banda Bastiani”, con cui operò fino alla resa di Gondar nel 1941. Alla testa della sua unità prese parte a numerose operazioni di grande polizia coloniale contro la guerriglia etiopica. Dopo aver conquistato Ghiscià, raggiunse zone dell’altipiano abissino (il Mens, l’Ambassel, Mishe Mariam, il Beghemeder, il Lasta) che, fino a quel momento, erano considerate santuari della guerriglia abissina, bene accolto dalle popolazioni locali fortemente taglieggiate dai ribelli. Nell'aprile 1940, durante un combattimento, rimase ferito ad una gamba e poco tempo dopo, durante uno scontro contro i ribelli del capo sciftà Iggigù si fece portare in prima linea su di una barella di fortuna. Ricoverato in ospedale ne uscì il 28 novembre, ormai in piena seconda guerra mondiale, raggiungendo immediatamente i suoi uomini. Inviato nel Semien a contrastare il Degiac Negasc che si era asserragliato sull’Amba Cinerfà, il Negus, che appoggiava il capo ribelle mise sulla sua testa una taglia di 10.000 talleri. Dopo aver conquistato l' Amba Cinerfà fu decorato con un'altra Medaglia d'argento al valor militare, e la taglia sulla sua testa venne ulteriormente aumentata. Nell'aprile 1941 fu chiamato presso il forte di Zerimà dal comando di Gondar, ma poco l'arrivo dei suoi uomini il fortino venne assediato dagli uomini di Negasc, e per spezzare l'assedio
    lanciò un contrattacco che ruppe le linee avversarie e consentì al suo reparto di raggiungere Debrivar. Per questa azione il generale
    Guglielmo Nasi lo promosse al grado di sottotenente per merito di guerra. Riunitosi con i suoi irregolari al presidio di Uolchefit, composto da 1.500 uomini al comando del colonnello Gonella, durante una fase della battaglia di Gondar lanciò un contrattacco all'arma bianca alla testa della sua unità, ottenendo la distruzione del presidio nemico e la rioccupazione del passo Cinà. Nel corso di questa operazione, fatta irruzione nell’ accampamento degli assedianti anglo-abissini catturò personalmente ras Ajaleu Burrù e per questo alla fine della guerra venne decorato di Medaglia d'oro al valor militare. La guarnigione di Uolchefit resistette ad ogni attacco nemico, e si arrese solo perché ridotta alla fame il 28 settembre 1941. Vista l’ ineluttabilità della resa, Bastiani progettò di gettarsi alla macchia con la sua banda per continuare la guerriglia contro gli occupanti, profittando dei vasti territori dell’ AOI e del favore degli indigeni (come Amedeo Guillet tentò effettivamente di fare) ma gli fu vietato, per ordine diretto del generale Nasi. Gli inglesi resero a lui, al tenente colonnello Gonella, e ai loro uomini l'onore delle armi. Rientrato in Italia al termine del conflitto, continuò la carriera militare nel rinato Esercito Italiano sino a raggiungere il grado di generale di C.d’ A. Dopo il congedo fu a lungo presidente del Gruppo Medaglie d'Oro, associazione ex combattentistica dei decorati della massima onorificenza militare italiana. Si spense a Roma, presso l'Ospedale militare del Celio, il 19 giugno 1996, all'età di 83 anni.
    _________________________________________

    Lettera che lo
    sciumbasci Belai Scibesci, dall'Eritrea, scrisse ad Angelo Sante Bastiani in occasione d'una delle ultime promozioni, riportata nel libro "Ascari K7":
    <<Notizia tu stare vivo e promosso grande gioia per tutti noi, tuoi
    ascari banda del Mens, dell'Ancober, dell'Ambassel, del Beghemeder, del Semien, dell'Uolchefit, che tu hai portato vittoriosamente al combattimento e hai visti morire gloriosamente per l'Italia. Tutti con te abbiamo troppo combattuto e sempre vinto, morti e vivi. Ma oggi nostri fratelli morti tornati in piedi e con noi fare grande fantasia in tuo onore, Ambesà Bastiani, e speriamo tornare tra noi in questi nostri paesi, se inglisi lo vorranno. Ora noi pregare tanto per Mariam, Cristos e Ghiorghis perché ti facciano ritornare con noi, perché noi figli rimasti senza padre. Speriamo così abbia a essere. Così sia>>





    Così in un articolo dedicato nel 1985 a Bastiani su “La Domenica del Corriere” il generale ricordò per sommi capi le circostanze che fecero di un semplice graduato del nostro esercito il più amato e temuto comandante di banda indigena .


    In considerazione della familiarità che avevo con gli indigeni di cui cominciavo a capire la lingua e le inclinazioni, il comando di Dessiè mi aveva affidato il cosidetto “ufficio politico”: in altre parole il compito di andare nei villaggi dell’ interno e convincere gli abissini a consegnare le armi. Fu in quella situazione che nacque l’ idea della banda a cavallo: ne avrebbero dovuto far parte 200 indigeni comandati da un ufficiale italiano. Gli uomini avrebbero dovuto portare fucile e cavalli: non avrebbero ricevuto paga ma premi in danaro per le armi recuperate o per i capi ribelli ridotti alla ragione. Sulle prime, la proposta suscitò l’ ilarità degli ufficiali ai quali l’ illustrai. Pareva non se ne dovesse più parlare; e invece nel giro di qualche mese tornò a galla …
    Fatto sta che un giorno mi chiamarono al Ghebì e mi chiesero di arruolare centocinquanta o duecento indigeni e mi ordinarono di partire per la nuova avventura …
    Rientrando a Dessiè dopo due mesi mi aspettavo un’ accoglienza nei migliori dei casi gelida. Pensavo che se tutto fosse andato bene mi avrebbero rimandato in Italia, dati i guai che avevo combinato rimanendo sull’ altopiano senza autorizzazione del comando, suscitando scontri cruenti e apprensioni gravi. Mi accolsero invece come un eroe: mi fu conferita una medaglia d’ argento, la prima “sul campo”…
    Il riposo durò solo tre giorni …
    Dovetti frettolosamente arruolare altri duecento uomini e partire …
    Rimasi sull’ altipiano dal ’37 al ’41.
    ________________________


    ______________________________________________
    DECORAZIONI



    Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana

    — 27 dicembre 1990
    __________________________________________________ __________________



    Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana

    — 16 ottobre 1973
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'oro al valor militare

    «Comandante ed unico nazionale di banda irregolare intestata al suo nome compiva leggendarie gesta di valore, di capacità e di sublimi eroismi, scrivendo col sangue fulgide, gloriose pagine nella storia dei reparti coloniali. Strenuo difensore di Uolchefit prendeva parte a tutte le epiche imprese di quel glorioso baluardo Gondarino, affrontando alla testa dei suoi gregari i più duri cimenti, compiendo i più epici eroismi, sfidando continuamente la morte in una serie di ardimentosi combattimenti che lo imponevano all’ammirazione nemica. Nell’azione di Passo Cinà contro potente agguerrita formazione, incurante del pericolo della morte che derivava da una grossa taglia già posta sul suo capo, nascondeva le gravi condizioni di salute in cui trovavasi per sopravvenute gravi infermità ed elevato stato febbrile, aggravato da quattro ferite di guerra non ancora rimarginate e sdegnava il ricovero in ospedale per condurre ancora una volta i suoi valorosi gregari alla durissima prova ed alla vittoria. Incuneatosi abilmente nello schieramento nemico, con leggendaria temerarietà e sfidando rischi e pericoli mortali piombava di sorpresa, fulmineo e travolgente, sul posto di comando avversario, catturando personalmente il Ras comandante ed annientando in furiosi prolungati corpo a corpo la fortissima schiera che lo circondava. Facendo tacere con indomita forza dello spirito, le sue gravi condizioni fisiche, guidando ancora con irrefrenabile slancio a successivi cruenti assalti all’ arma bianca i suoi prodi, catturava larga messe di prigionieri, di materiali, di armi e munizioni e determinava il crollo politico-militare della resistenza nemica, riconfermando le sue preclari virtù di intrepido soldato e di comandante valoroso.»
    — Passo Cinà (A.O.), Uolchefit dell'Amara, 22 giugno 1941
    — 1941
    __________________________________________________ __________________



    Medaglia d'argento al valor militare

    «Sottufficiale comandante di banda, allo scopo di sanare una compromessa situazione politico-militare, decideva di attaccare forti nuclei di ribelli disloccati in posizione dominante. In undici ore di marcia notturna in terreno difficile e superando un dislivello di 1500 metri, sorprendeva ed attaccava i nemici, che opponevano accanita resistenza. Dopo aspro combattimento riusciva ad avere ragione dell'avversario che si dava a disordinata fuga, lasciando sul terreno numerosi morti, armi e munizioni.»
    — Cineferà (A.O.), 10 dicembre 1940.
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Comandante di una banda, colpito a morte l'ufficiale comandante di altra banda con la quale trovavasi in ricognizione in terreno difficile ed insidiato da forti formazioni nemiche, benché ferito, assumeva il comando dei due reparti e, dando e controllando l'esecuzione degli ordini e animando gli uomini con la parola e con l'esempio, proseguiva l'azione che ultimava brillantemente con l'occupazione di importanti posizioni dalla quali batteva efficacemente il nemico costringendolo a retrocedere mentre predisponeva, organizzava e proteggeva lo sgombero dell'ufficiale ferito – poi deceduto – e delle altre perdite della giornata sino al posto di medicazione. Rientrava a missione ultimata in perfetto ordine dopo aver inflitto ai nemici rilevanti perdite. Già distintosi in precedenti azioni per capacità di comando, spirito di sacrificio e sprezzo della vita.»
    — Libò Ghiorghis, 16 gennaio 1940.
    — Regio Decreto 18 maggio 1942
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Sottufficiale dotato di coraggio ed arditezza non comune, ha dato cosciente prova di cosciente capacità di comando di reparti coloniali, che ha sempre condotto a molteplici e brillanti operazioni belliche. Con una banda ai suoi ordini attaccava decisamente preponderanti forze nemiche, riuscendo a sconfiggerle. Riattaccato da rinforzi sopraggiunti sosteneva brillantemente l'azione e benché ferito una seconda volta nella giornata, continuava, dalla barella, ad infiammare ed incitare i suoi gregari, che lanciati all'assalto, disperdevano definitivamente i nemici in fuga. Non lasciva il reparto, ma ne guidava il rientro, dopo aver provveduto al recupero dei caduti e dei feriti. Magnifico esempio di alte virtù militari.»
    — Cam-Cam, 22 aprile 1940.
    — Regio Decreto 4 gennaio 1942
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Comandante di una banda d'irregolari, la guidava contro forti nuclei di ribelli, trascinando ed animando con l'esempio i propri gregari. Durante un combattimento, rimasto con metà degli uomini a causa delle perdite subite, teneva salda la posizione, contrattaccando ripetutamente il nemico alla baionetta e spezzando la morsa che l'avversario stava stringendo attorno al suo reparto. Ricevuto l'ordine di ripiegare, con pochi uomini, ritardava l'azione dei ribelli. Esempio di coraggio e di elevato sentimento del dovere.»
    — Meschà Uollalè, Irrata Mens, 5 febbraio 1938.
    — Regio Decreto 19 luglio 1940
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Comandante di banda indigeni, si distingueva per capacità, spirito d'iniziativa ed esemplare ardimento nei combattimenti di Passo Assellei, Deivà Ghiorghis e Ambessà Masserià. Nel combattimento di Siftà Cuolisà, si lanciava impetuosamente alla testa dei propri uomini, all'attacoc di forti posizioni nemiche. Dopo lungo ed aspro combattimento, superando notevoli difficoltà di terreno, riusciva ad infrangere, nonostante le sensibili perdite, l'accanita resistenza nemica. Inseguiva poi con impeto travolgente, per lungo tratto, l'avversario al quale infliggeva gravi perdite.»
    — Passo Assellei - Deivà Ghiorghis - Ambessà Masserià - Siftà Cuolisà (A.O.I.), 4-7 aprile 1938 -13 ottobre 1938 -6 luglio 1939.
    — Decreto Presidenziale 6 gennaio 1966
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Valorosissimo sottufficiale comandante di banda sempre distintosi per virtù militari, perizia, valore personale, audacia. Alla testa della sua banda si lanciava all'attacco di una munitissima posizione tenacemente difesa; la raggiungeva tra i primi, ingaggiava furiosa lotta corpo a corpo, infliggendo all'avversario gravi perdite ed obbligandolo alla fuga. Lo inseguiva, penetrava profondamente nello schieramento avversario, catturando un ras – il maggiore esponente della ribellione – armi, materiali e prigionieri. Esempio sommo di virtù militari.»
    — Passo Cinà, 22 giugno 1941.
    — Regio Decreto 2 febbraio 1943
    __________________________________________________ __________________


    Medaglia d'argento al valor militare

    «Sottufficiale comandante di banda regolare più volte distintosi per valore e capacità di comando. In un duro contrattacco contro formazioni ribelli e numerose forze regolari nemiche che avevano conquistato una nostra importante posizione, con ardimento e perizia trascinava i propri ascari all'assalto e dopo violenta lotta, poneva in fuga l'avversario infliggendogli gravissime perdite. Superba figura di combattente e trascinatore.»
    — Debarek, 28-31 maggio 1941.
    — Regio Decreto 2 febbraio 1943
    __________________________________________________ __________________



    Medaglia di bronzo al valor militare

    «Comandante di banda indigeni, durante un arduo combattimento svoltosi in terreno aspro e boscoso, trascinava ripetutamente all'attacco i propri uomini, dando prova di slancio e di non comune ardimento. Contrattaccato, reagiva prontamente ed alla testa del reparto, dopo ardua lotta ravvicinata, travolgeva la tenace resistenza nemica. Inseguiva poi l'avversario per lungo tratto e gli infliggeva nuove gravi perdite.»
    — Livò Ghiorghis (A.O.I.), 28-29 novembre 1939.
    — Decreto Presidenziale 6 gennaio 1966
    __________________________________________________ __________________


    Croce al valore militare

    «Durante un aspro combattimento, recapitava più volte ordine ai reparti di prima linea sotto un nutrito fuoco avversario, dando prova di abnegazione e sprezzo del pericolo.»
    — Mai Ceù, 31 marzo 1936-XIV.
    __________________________________________________ __________________


    4 Croci al merito di guerra

    __________________________________________________ __________________




    Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)

    __________________________________________________ __________________

    Medaglia commemorativa delle operazioni in Africa Orientale (ruolo combattenti)
    __________________________________________________ __________________







    Medaglia commemorativa della guerra 1940 – 1943

    __________________________________________________ __________________



  10. #20
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Immagini correlate al Generale Bastiani.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato