Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: GER - M42 no decal CKL66

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    80

    GER - M42 no decal CKL66

    <font face="Arial"></font id="Arial"><font color="black"></font id="black">
    Salve a tutti gli amici del forum,
    vi posto il mio M42 CKL66 senza decal, perchè ho dei dubbi sull`imbottitura e sul soggolo.
    L`elmo esternamente si presenta in ottimo stato, vernice originale feldgrau liscia al 95%, mentre all`interno, il guscio, che ha ancora il timbro di omologazione della fabbrica, si presenta butterato con vernice al 65% (probabilmente è stato per molto tempo conservato capovolto come si può ipotizzare dal guscio interno e dalla "colatura" dell`ossidazione sul rivetto in foto 2). L`imbottitura è in pelle spessa e dura, non presenta la classica cucitura lunga. Le linguette dell`imbottitura hanno strane macchie e sulla parte posteriore la pelle si è scurita presentando un segno netto per tutta la circonferenza. Il soggolo marchiato WALLISCH & Co 1942 WIEN ha 13 fori circolari e conserva ancora i bordi spigolosi. I rivetti nella parte esterna conservano la vernice originale; gli anteriori hanno un leggero gioco e internamente si presentano arrugginiti senza presunti segni di manomissione.
    La parola a voi più esperti !!! Faccio bene ad avere dei dubbi ?
    Grazie ha tutti!

    Immagine:

    70,14*KB

    Immagine:

    75,17*KB

    Immagine:

    77,53*KB

    Immagine:

    77*KB

    Immagine:

    72,06*KB

    Immagine:

    84,43*KB

    Immagine:

    74,04*KB
    Tanti saluti .
    Marco S.
    -P.S.: CERCO MATERIALE WWII E VENTENNIO -

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    280
    Ciao Marco,
    certo che le tue sembrano più esami che non domande...ma meglio così offrono molti spunti.
    Nell'insieme il mio giudizio personale sull'elmo è negativo. Nel particolare ti segnalo ciò che non mi piace: il soggolo, sembra una replica adeguatamente trattata per far risaltare l'invecchiamento. Ti dico ciò per la forma dei fori, la forma della fibbia in metallo e per il colore rossiccio che indica presenza di elementi chimici trattanti. Prova ad annusarla e vedi subito che sensazione ti da.
    Anche il marchio sembra corrispondere ad una nota replica;
    altro elemento che non mi piace è l'estrema ossidazione dei rivetti paragonata ad una totale o quasi assenza di ossidazione nel cerchio. E' vero che questo era zincato ma il discorso non cambia molto, una certa ossidazione (che sullo zinco tende ad assumere l'aspetto nero quando non è ancora profonda) deve farla a contatto con altre parti (i rivetti) molto ossidate. Nella foto di sinistra è assente qualsiasi ossidazione;
    il cuoio, sinceramente non ho mai visto un cuoio di quella fattura e di quel colore. La cucitura è ovvio che non si estende fino all'estremità* di una linguetta perchè è stata fatta al centro però ti ripeto che colore e fattura non mi convincono. Anche le macchie sembrano "costruite";
    da ultimo i rivetti, hanno un colore diverso (almeno sembra dalla foto) dal resto della vernice. E' vero che si incontano molti elmi con rivetti di colore tendenzialmente diverso perchè sembra che venissero forniti ai fabbricanti già* dipinti e spettava a quest'ultimi il corretto assemblaggio con i colori più corrispondenti possibili. Però questo aggiunge negatività* al resto del discorso.
    Non so cos'altro dirti, se puoi restituirlo meglio, a mio parere.
    Spero di esserti stato utile e soprattutto "COSTRUTTIVO".
    Andrea
    andrea

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •