Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 29

Discussione: Giacca divisione Acqui

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036

    Re: Giacca divisione Acqui

    E il bavero? PaoloM

  2. #12
    Moderatore
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Piombino, Toscana
    Messaggi
    761

    Re: Giacca divisione Acqui

    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    E il bavero? PaoloM
    Ciao Paolo,
    110.gif ovviamente il bavero di panno nero è stato sostituito con uno in panno grigioverde..
    nel caso degli ufficiali e della loro giubba in diagonale il bavero era in velluto.
    Spesso, nel caso delle truppe territoriali e costiere, il bavero non veniva sostituito.
    Un caro saluto
    :P
    cerco qualsiasi materiale, fotografico o documentale, precedente al 1945 relativo all'Isola d'Elba e dintorni.. anche in copia!

    Non amo la spada per la sua lama tagliente, né la freccia per la sua rapidità, né il guerriero per la sua gloria. Amo solo ciò che difendo..

  3. #13
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036

    Re: Giacca divisione Acqui

    Apro una parentesi: avendo avuto parenti ed affini gia' nel Regio Esercito prima
    dell'entrata in guerra dell'Italia (Giugno 1940), mi sono preso la briga di chiedere
    come si regolassero, soldati, sottufficiali ed ufficiali per l'adeguamento delle uniformi
    al tempo di guerra.Molto semplice:la truppa era l'ultima per questo adeguamento, specie
    se aveva a disposizione giubbe M.37 o precedenti;tutto dipendeva dal colonnello:se
    questi era un pignolo, sartorie locali provvedevano alla modifica al piu' presto.I sottufficiali e gli
    ufficiali avevano sartorie particolari che sagomavano anche le giubbe.Pero' mi e' stato
    detto che alcuni non ebbero alcun ordine, sicché mantennero le vecchie giubbe
    fino alla prigionia o alla fine della guerra. In un caso solamente,e si tratta di un
    granatiere di truppa, egli ricevette direttamente la giubba M.40.Per il resto, mi e' stato
    fatto capire che il nostro esercito, tale 'adeguamento' lo ha visto non come obbligatorio,
    ma essenzialmente come 'consigliato', sicché gran parte delle giubbe rimasero com'erano
    prima. Lo testimoniano in effetti centinaia di foto che si possono ancora vedere.
    Su alcune in effetti, si notano ancora degli scudetti divisionali. PaoloM

  4. #14
    Moderatore
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Piombino, Toscana
    Messaggi
    761

    Re: Giacca divisione Acqui

    Confermo Paolo,
    ad esempio nel caso dei reparti schierati lungo il litorale livornese e sulle isole le uniformi rimasero per lo più quelle prebelliche..
    sembra che le uniformi M40 fossero distribuite con priorità* ai reparti destinati fuori dei confini nazionali, per lo più Russia e Balcani.
    Riguardo il caso degli ufficiali, però, devo dire che coloro che non si adeguarono almeno alla sostituzione del bavero furono una minoranza, nel totale.
    Personalmente ho una M37 appartenuta ad un sergente della 206° Costiera senza alcuna modifica sostanziale ed una mod.40 appartenuta ad un sergente maggiore di un btg TM pressochè identica a quella qui postata, compresa la modifica ai passanti ed l'aggiunta del bottone nonostante sia stata confezionata nel tardo 1942 con il panno doppia faccia..

    Guarda l'immagine sotto e considera che è del gennaio 1943!!
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    cerco qualsiasi materiale, fotografico o documentale, precedente al 1945 relativo all'Isola d'Elba e dintorni.. anche in copia!

    Non amo la spada per la sua lama tagliente, né la freccia per la sua rapidità, né il guerriero per la sua gloria. Amo solo ciò che difendo..

  5. #15
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Giacca divisione Acqui

    Giane:

    Ho le registrazioni del reduce e a breve appena ascoltate metterò sul forum le sue memorie. Pazientate solo un po' e sarete accontentati.
    ... le aspeto con ansia ...

    Ciao

    F.M. :P
    E' la somma che fa il totale.

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    224

    Re: Giacca divisione Acqui

    Domandona:
    ma le giubbe M40 in panno grigioverde per Sottufficiali avevano sempre il paramano a punta??? oppure con la guerra esso divenne dritto come truppa e ufficiali????
    grazie

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Trento
    Messaggi
    53

    Re: Giacca divisione Acqui

    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    Niente da dire, mi pare una bella giubba di panno M.40 da sottufficiale!
    Interessante sapere come ha fatto questo militare a scamparla da Cefalonia!! PaoloM
    salve...il sgt.maggiore Baldessari, di Roncegno T. Valsugana, che mi donò
    la divisa, rientrò in Italia con i 1300 reduci Div. Acqui, denominati Banditi
    Acqui credo nel 1945.
    rimasti sull' Isola di Cefalonia al servizio dei tedeschi e al comando del
    Cpt.Apollonio, furono gli unici che rientrarono in divisa.

    mio padre, per esempio, come altri suoi commilitoni, la persero nell' affondamento
    della nave Ardena il 28 settembre 1943, dove persero la vita circa 720 militari.
    in quel frangente si salvarono solo un centinaio di soldati, perchè imbarcati sul ponte...

    tanto per dare notizia a chi magari interessa rendo noto che l'anno scorso una troupe
    di sommozzatori trovò la nave aperta in 2 tronconi e molte ossa dei caduti all'interno.

    Autie of Monroe
    Autie of Monroe
    Aquensem Legionem Time

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036

    Re: Giacca divisione Acqui

    Grazie per l'aggiornamento! PaoloM

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Trento
    Messaggi
    53

    Re: Giacca divisione Acqui

    Citazione Originariamente Scritto da AUTIE
    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    Niente da dire, mi pare una bella giubba di panno M.40 da sottufficiale!
    Interessante sapere come ha fatto questo militare a scamparla da Cefalonia!! PaoloM
    salve...il sgt.maggiore Baldessari, di Roncegno T. Valsugana, che mi donò
    la divisa, rientrò in Italia con i 1300 reduci Div. Acqui, denominati Banditi
    Acqui credo nel 1945.
    rimasti sull' Isola di Cefalonia al servizio dei tedeschi e al comando del
    Cpt.Apollonio, furono gli unici che rientrarono in divisa.

    mio padre, per esempio, come altri suoi commilitoni, la persero nell' affondamento
    della nave Ardena il 28 settembre 1943, dove persero la vita circa 720 militari.
    in quel frangente si salvarono solo un centinaio di soldati, perchè imbarcati sul ponte...

    tanto per dare notizia a chi magari interessa rendo noto che l'anno scorso una troupe
    di sommozzatori trovò la nave aperta in 2 tronconi e molte ossa dei caduti all'interno.


    salve, scomparso qualche giorno fa l'ex sgt mgg Luigi Baldessari della Div.Acqui,
    proprietario della divisa posta da Giane.
    classe 1916 ha partecipato alle campagne della divisione fino all'epilogo di Cefalonia
    che ha sempre ricordato con grande commozione.
    anche da ultimo,sebbene la memoria lo tradisse spesso,ricordava i fatti senza retorica
    e preciso come sempre.
    un altro pezzo di storia se ne è andato.
    Autie of Monroe
    Autie of Monroe
    Aquensem Legionem Time

  10. #20
    Collaboratore L'avatar di milit73
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Verona,Italia
    Messaggi
    1,422

    Re: Giacca divisione Acqui

    Ciao a tutti,

    da quel che so io,con il termine "Banditi dell'Acqui" si rappresentava una sparuta unità* militare formata da pochi superstiti della Divisione che assieme ai Partigiani Greci hanno combattuto i tedeschi.

    Trovo strano,come riferito da AUTIE,che fossero al servizio dei tedeschi.
    Concordo sul fatto che furono una delle poche unità* militari italiane a rientrare in Patria in divisa e con relativa Bandiera.

    Se avessero combattuto con i tedeschi,questo sarebbe stato molto difficile.

    La giacca,ritornando all'oggetto del topic,è bellissima e spero abbia trovato giusta dimora nel Museo della Guerra.

    Ciao
    Michele

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato