Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18

Discussione: giacca M16

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    57

    giacca M16

    Ciao a tutti.
    Recentemente ho avuto questa giacca in incredibilmente buone condizioni.
    Marcel.DSC_0012.JPG

    - - - Aggiornato - - -

    DSC_0014.JPG

    - - - Aggiornato - - -

    DSC_0013.JPG

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151217_093703.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151217_093723.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151217_092114.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151217_095736.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151217_092319.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151216_144937.jpg

    - - - Aggiornato - - -

    IMG_20151216_184131.jpgQualcuno legge questo marcatura 1917 e il produttore?

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088
    Urca urca... Einheitsbluse M. 1916...
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  3. #3
    Moderatore L'avatar di icarus68
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    2,549
    Bellissima...che colpaccio!!!

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,088
    Nel dicembre del 1916 venne pubblicata sul foglio d’ordini dell’esercito austro-ungarico una circolare che introduceva l’uniforme "unica" per tutte le armi, corpi e servizi, a piedi ed a cavallo, dell’esercito austro-ungarico, da confezionarsi in panno grigio campo che, per ragioni di economia, non veniva neanche tinto, ritenendo sufficientemente mimetica la tonalità marrone grigiastra tipica del panno appena prodotto.

    Mentre con la circolare venivano introdotti giubba, pantaloni e cappotto uguali per tutti, non veniva fatto cenno alcuno al modello del berretto.

    Per logica si potrebbe supporre che il modello unificato sia stato quello per le armi a piedi, ma non ci sentiamo di affermarlo con sicurezza, dato che questa soluzione non avrebbe compreso le esigenze dei soldati musulmani.


    Si introduceva anche un nuovo sistema di identificazione attraverso combinazioni di lettere, simboli e numeri stampigliati su cinque rettangolini di tela e cuciti due sulle spalline della giacca, due su quelle del cappotto e uno sul lato sinistro del berretto.

    Ufficiali, cadetti, aspiranti ufficiali, volontari per un anno e sottufficiali raffermati potevano portare lettere, simboli e numeri ricamati, cuciti in panno o realizzati a rilievo in metallo.

    Veniva anche regolamentata e autorizzata la diffusissima consuetudine di applicare sul lato destro del berretto distintivi metallici commemorativi e patriottici, da portare in ogni occasione al fronte, solo fuori servizio in patria, e comunque solo per la durata della guerra.

    Contemporaneamente era vietato applicare sul berretto distintivi appartenenti agli eserciti avversari, come la stelletta italiana o la coccarda russa.

    Sempre per ragioni di economia, accanto al panno di lana anche di preda bellica, per confezionare uniformi vennero usate stoffe scadenti ricavate da materiali vegetali, come le fibre d’ortica e per gli interni addirittura fibre ricavate dalla carta straccia.

    Vennero anche riutilizzate le uniformi di preda bellica, quelle rumene, dal similare colore grigio azzurro, e soprattutto quelle italiane, catturate dopo l’offensiva sugli altopiani del giugno 1916 e in grandissime quantità dopo lo sfondamento di Plezzo e Tolmino dell’ottobre 1917.

    Per ragioni comprensibili quest’ultime uniformi non vennero distribuite ai reparti destinati alla prima linea, ma riservate ai reparti delle retrovie.

    Nell'immagine un mio bambino con la Einheitsbluse M. 16 confezionata con panno riciclato.
    Una vera schifezza come tessuto...

    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    57
    kleiner pal sì è.Fine del potere uniformi di guerra da materiali alternativi
    Ersatzstoff.Ho anche io ho una collezione di tasca della giacca e M16 sono realizzati in materiale simile a un sacco di patate.DSC_0030.JPG

    - - - Aggiornato - - -

    DSC_0027.JPG

    - - - Aggiornato - - -

    DSC_0024.JPG

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    57
    190920131639.jpgsacche di sacchetti per patate

  7. #7
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3,886
    Davvero splendida!

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    57
    xx502.jpg detail.

  9. #9
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    6,574
    Complimenti... Veramente splendide
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Doppeladlerkorb
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Bassa Austria
    Messaggi
    891
    Che qualita' collezionista dei pezzi mostrati--non da credere.....anche' il commento accurato di k.p. e' molto informativo! !
    "Scio me nihil scire"----"Sine ira et studio"

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato