Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Giornale militare

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    224

    Giornale militare

    Salve a tutti,
    con questo nuovo argomento intendo introdurre il nostro progetto per il Centenario.
    Lo abbiamo chiamato GIORNALE MILITARE perchè entro i limiti del possibile intendiamo seguire l'evoluzione delle divise, equipaggiamenti, gradi e fregi del Regio Esercito in tempo reale mano a mano che si susseguono le disposizioni del Ministero della Guerra.
    Putroppo tutto non è possibile mettere in campo per questioni di costi ma anche di fattibilità di certi pezzi di equipaggiamento ma insomma noi ci proviamo.
    A seguire le foto realizzate in data 24 Maggio 2015 in località DOGANA VECCHIA, tra San Vito di Cadore e Cortina; foto realizzate durante la nostra marcia commemoritiva sulla direttrice che i nostri soldati percorsero 100 anni fa in qul fatidico giorno; il nostro modo di iniziare il Centenario...senza troppi clamori..
    Le foto le commenterò brevemente e benvengano critiche, suggerimenti, consigli ed informazioni.
    Ogni volta che vi saranno cambiamenti significativi nelle tenute dei nostri soldati sarà nostra cura realizzare le foto e postarle!!
    Grazie e buona giornata
    Remo
    Le Sentinelle del Lagazuoi

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    224
    Ed ecco la prima foto!!! Mi levo subito dalle scatole con questo mio ritratto che non è tanto per me quanto per la mia tenuta!!
    In questo caso la tenuta di marcia per sottufficiali: divisa da truppa con fregistica prevista in seta grigioverde, gradi primo tipo introdotti nell'Aprile del 15.
    L'equipaggiamento è quello notato in molte fotografie addosso ai sottufficiali; un giberna singola, mod.1907 o 1891(come questa) tinta in grigioverde a seguito delle disposizioni sull'equipaggiamento, il cinturino reggigiberne manca volutamente in quanto ho osservato su certe foto che veniva ommesso. Pistola a rotazione Bodeo Mod.1889, fucile e baionetta Mod.1891. Zaino, tascapane e borraccia Mod.1907, indossati come prescritto da regolamento.
    11354806_10205286706786291_1630308250_n.jpg

  3. #3
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,794
    Grazie marche, direi un'ottima ed interessante iniziativ, bella foto a parte il losco soggetto!! Non vedo l'ora di vedere ogni evoluzione uniformologica delle divise, utile a imparare qualcosa di più in merito.

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    224
    Grazie Squalone!!! dai nulla di nuovo in verità, il divertente è provarci!! Ecco altre foto con un trittico di zappatori di fanteria con alcuni attrezzi specifici al loro compito. Due di loro calzano gli stivaletti mod.12 per armi a piedi, uno tinto nero e l'altro in cuoi naturale ingrassato, mentre il terzo indossa ghette in tela bigia mod.12 con le scarpe basse chiodate,ampiamente distribuite alla mobilitazione per sopperire alla mancanza dei previsti stivaletti.
    Altro elemento diciamo da "mobilitazione" è lo zaino interamente in tela e con lacci al posto delle cinghie in cuoio. Questo zaino lo ho "incontrato" di persona in alcune collezioni, lo ho visto su una pubblicazione e ne trovai uno in una soffitta di Alano di Piave molti anni fa.Uno è conservato pure presso il museo di Passo Fedaia. Da un documento di fine 15 si desume che tale oggetto possa essere stato prodotto per soddifare, rapidamente ed a poco costo, l'imponente domanda di equipaggiamenti per tutti gli uomini mobilitati nel giro di poco tempo e che sia poi stato distribuito fino ad esaurimento delle scorte. Premetto...questo ragionamento è una nostra deduzione personale basata però sugli elementi sopra esposti.....chi ne sa di più è amichevolmente invitato ad intervenire!
    Grazie.
    Ciao
    Remo11356270_10205286707146300_1826494853_n.jpg11348897_10205286707026297_395523287_n.jpg

  5. #5
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,794
    Questo tipo di ricerche storiche hanno un fascino incredibile, in particolare per la passione lo studio e gli approfondimenti che portano ad avere una visione ampia dell'intero panorama uniformologico dell'epoca.
    Grazie a questo tipo di studio possiamo tutti imparare molto, invito tutti gli esperti di settore di ogni livello e grado a dare un contributo, anche con critiche ma costruttive, questo serve per fare Cultura.

    ChM

    Vice Amministratore
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    224
    Grazie Squalone!!
    Di seguito posto le immagini che ritraggono un Assistente di Sanità.
    Stellone in filo rosso sul berretto; verrà sostituito da quello in filo nero a metà del '16 così come per tutti gli altri fregi colorati di inizio guerra.
    L'equipaggiamento è composto da cinturino da truppa portato sopra la giubba in questo caso con la daga Mod.1843 che venne distribuita fino ad aesaurimento delle scorte fino a fine guerra a truppe ausiliarie come arma/attrezzo ( sanità, artiglieria).
    A tracolla porta il tasapane mod.1907/09 per gli effetti personali e sopra di esso la borraccia Gugliemlinetti di vecchio modello con correggia in cuoio, in uso a fino all'adozione del Modello 1907. Dall'altro lato uno dei tanti contenitori specifici per i Sanitari, in questo caso la borsa per contenere garze e fasciature e primi medicamenti; la taschetta rettangolare cucita in basso serviva a contenere i cartellini di evacuazione che l'Assistente compliava dopo una rapida diagnosi del ferito e che attaccava alla giubba determinando così...ahimè...la salvabilità o meno del ferito!! Brutta responsabilità!!
    Sopra la borsa sanitaria la borraccia in alluminio Mod.1909 da 2 litri per i liquidi riservati al conforto dei feriti; essa è completata dal suo gavettino di alluminio incastrato nel fondo della stessa.
    La divisa è la 1909 classica per armi a piedi ad anche in questo caso è completata dall ghette in tela bigia Mod.12/14 della tenuta da fatica largamente adoperate dall'inizio del conflitto alla fine a seconda delle varie situazioni.
    Bene spero che anche questa ricostruzione sia stata di gradimento.....un saluto alla prossima puntata di GIORNALE MILITARE
    Un saluto
    Remo
    Le Sentinelle11117670_10205312565432741_887882648_n.jpg11119679_10205312565352739_1560964594_n.jpg11263846_10205286706426282_1015307028_n.jpg11301591_10205286706506284_2145413005_n.jpg del Lagazuoi

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Fiore92
    Data Registrazione
    May 2015
    Località
    Fiume Veneto (PN) / Trieste
    Messaggi
    1
    Graditissima :-D ! Attendo con ansia la prossima puntata ;-)

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato