Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 18 di 18

Discussione: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Citazione Originariamente Scritto da Il Cav.
    Se interessa potrei dilungarmi sull' argomento...
    Dilungati, dilungati...

  2. #12
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    L' invasione dell' Urss creò il fenomeno dei bambini di strada, i cosiddetti "Besprizorni", che avevano perso i genitori morti o deportati o profughi, e vagavano per le campagne vivendo di elemosina. Molti di loro non avevano simpatia per il potere sovietico, così quando giunsero in Ucraina i soldati italiani del CSIR e poi dell' ARMIR, visto che non erano come i tedeschi che li scacciavano o li uccidevano - considerandoli in toto spie sovietiche - li avvicinarono per elemosinare i resti del rancio. Gradualmente molti di essi furono adottati dai reparti, in specie autieri e motorizzati in quanto conoscevano le strade e sapevano leggere il cirillico (non era raro il caso che chiedendo informazioni su una data località a civili costoro indicassero la direzione sbagliata o avviassero le colonne ignare in bocca all' Armata Rossa). Questi ragazzini erano perciò preziosi come interpreti e giude, da ciò il nome "scout" e furono rivestiti in grigioverde vivendo le vicissitudini dei reparti.
    Dopo la "grande ritirata" fra le truppe italiane superstiti ce n' erano ancora moltissimi: quasi un migliaio, che vestite "abusivamente" le stellette giunsero in Italia e furono presi in carico dallo Stato che li suddivise per età e indole tra Collegi GIL, Collegi militari del R.E., Istituti professionali religiosi (in massima parte Salesiani) a Roma e Venezia (Tipografia Artigianelli) dove avrebbero potuto imparare un mestiere. Dopo l' 8 settembre il collasso dello Stato coinvolse anche loro: alcuni, scambiati per militari italiani furono catturati dai tedeschi , altri si sbandarono, rifugiandosi presso famiglie amiche o conventi - uno fra tutti il Russicum di Roma - altri ancora combatterono la guerra civile nella RSI o nella Resistenza, molti altri aderirono al ROA di Vlassov o si unirono ai Cosacchi di Krasnov in Friuli.
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  3. #13
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Alla fine del conflitto gli Alleati restituirono a Stalin tutti quelli che gli capitarono fra le mani, ma alcuni rimasero in Italia, acquisendone poi la cittadinanza: uno di loro raccontò la sua storia in un programma RAI di Arrigo Petacco a metà degli anni '80. Per inciso faccio notare che è documentata fotograficamente la presenza di ragazzi russi arruolatisi nella X^ e nei Bersaglieri del MUSSOLINI. Anche uno dei delatori che fecero arrestare Don Pietro Pappagallo era tale Piotr l' Ucraino, un ex- scout che si era messo al servizio delle SS di Roma.
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Molto interessante Cav., grazie

  5. #15
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    A proposito, sapevate che i cosacchi "italiani" furono divisi in tre sotnie montate (compagnie) ed era previsto il loro invio in Albania per la lotta alle bande? All' 8 settembre aspettavano ancora i mitra Beretta coi quali avrebbero dovuto totalmente equipaggiarsi, in sostituzione dei PPSh...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Citazione Originariamente Scritto da Il Cav.
    A proposito, sapevate che i cosacchi "italiani" furono divisi in tre sotnie montate (compagnie) ed era previsto il loro invio in Albania per la lotta alle bande? All' 8 settembre aspettavano ancora i mitra Beretta coi quali avrebbero dovuto totalmente equipaggiarsi, in sostituzione dei PPSh...
    Allora stavano freschi... No, non sapevo che ne era stato previsto l'impiego in Albania.

  7. #17
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Si, visti i buoni risultati ottenuti dalla WH prima col "Corpo Russo in Serbia" e poi coi Cosacchi di Pannwitz...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  8. #18
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: Gruppo aut. Cosacchi Savoia

    Citazione Originariamente Scritto da Il Cav.
    Alla fine del conflitto gli Alleati restituirono a Stalin tutti quelli che gli capitarono fra le mani, ma alcuni rimasero in Italia, acquisendone poi la cittadinanza: uno di loro raccontò la sua storia in un programma RAI di Arrigo Petacco a metà degli anni '80. Per inciso faccio notare che è documentata fotograficamente la presenza di ragazzi russi arruolatisi nella X^ e nei Bersaglieri del MUSSOLINI. Anche uno dei delatori che fecero arrestare Don Pietro Pappagallo era tale Piotr l' Ucraino, un ex- scout che si era messo al servizio delle SS di Roma.
    _____________


    Ops... scusate il refuso, ma nel mio intervento mi riferivo a Don Morosini, quello che ispirò "Roma Città Aperta", non Don Pappagallo!
    Sorry!
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato