Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: HEERES HEMD

  1. #1
    Moderatore L'avatar di der graf
    Data Registrazione
    May 2007
    LocalitÓ
    Marche
    Messaggi
    569

    HEERES HEMD

    NEL vasto panorama della militaria tedesca ci sono ancora dei punti oscuri. Alcuni argomenti non sono stati trattati in maniera analitica e ci˛ Ŕ venuto generando confusione e disinformazione nei collezionisti come spesso appare. La saggistica storica attuale focalizza la trattazione sugli argomenti principali (schirmmutze,feldbluse, ecc) tralasciando altri argomenti di carattere secondario ma altrettanto interessanti e degni di approfondimento.
    Questo modesto studio,su richiesta di alcuni amici collezionisti,vuole dare un contributo razionale sugli indumenti indossati sotto la feldbluse prendendo in esame l'evoluzione delle camicie d'ordinanaza dell'esercito tedesco (Wehrmacht-Heer)e analizzandone alcune metodologie e caratteristiche costruttive. Saranno esclusi dalla presente trattazione gli indumenti di lana che meritano uno studio separato e,ovviamente, le camicie di derivazione civile impiegate egualmente dai soldati e specie dagli ufficiali.
    Ho potuto appurare che pochi conoscono l`evoluzione tipologica delle camicie utilizzate dalla WH, oggigiorno sono indumenti assai rari e in circolazione appaiono quasi esclusivamente ottime riproduzioni.

    CARATTERISTICHE GENERALI e MATERIALI COSTRUTTIVI:

    Le stoffe impiegate per tutti i modelli sono a base di cotone sia in tipologia "tessuta" che in tipologia a " maglina"(aertex o jersey). Per le varianti invernali delle camicie, in luogo dell`aertex poteva essere utilizzato del cotone felpato pesante, anche se principalmente troviamo l`aertex principalmente impiegato, almeno nella maggior parte dei modelli giunti fino a noi.
    La camicia veniva indossata infilandola dall'alto e aveva una bottoniera che arrivava circa a metÓ* petto, la lunghezza poteva arrivare fino il ginocchio e a dx e sn in fondo erano presenti degli spacchi rinforzati da piccoli triangolini di stoffa. Nella tipologia militare tedesca la bottoniera presentava un bottone ad asola orizzontale per il collo e 2 o 3 bottoni (a seconda dei fabbricanti) uno sotto l`altro per lo sparato del petto, con asole verticali. Nei primi modelli il collo Ŕ del tipo "a cinturino"in quanto veniva usato il "falso collo"o Kragenbinde nella feldbluse,in seguito diventerÓ* un collo di tipo "ribattuto"con caratteristica di avere le punte alquanto pronunciate rispetto il resto e verrÓ* portato in alcuni casi sovrapposto a quello della feldbluse. I polsi erano chiusi generalmente da 1 bottone. La tipologia di bottoni impiegati poteva variare. Nei primi esemplari troviamo bottoni ricoperti in stoffa con due fori rivettati metallici,in seguito i tipici bottoni in cartone pressato, del tipo da camicia, sempre a 2 fori,mentre in altri modelli appaiono bottoni in resina o plastica o compositi a 4 fori. Il bottone a due fori si utilizzava piu spesso nelle camicie per facilitarne la cucitura anche da mani meno esperte. Posteriormente era evidenziata la cucitura dello "spallone"dal quale potevano dipartirsi "pinces"che percorrevano in senso longitudinale il corpo della camicia oppure puo` essere presente un rinforzo di foggia semicircolare sotto il colletto.

    EVOLUZIONE DEI MODELLI:

    Immagine:

    46,18┬*KB
    CAMICIA MOD.1933,introdotta con il primo modello di feldbluse.L'esemplare presentato Ŕ in tela di cotone battuto e presenta 3 bottoni complessivi.

    Immagine:

    44,84┬*KB
    CAMICIA MOD.1933,come sopra ma realizzata in aertex. Queste camicie furono distribuite fino l'estate del'43 ad esaurimento scorte, sovrapponendosi ad altri modelli. Alcuni esemplari verranno tinti in feldgrau.

    Immagine:

    62,03┬*KB
    particolare bottoniera 4 bottoni complessivi.

    Immagine:

    66,07┬*KB
    particolare del tessuto aertex e del bottone specifico.

    Immagine:

    108,43┬*KB
    nello "spallone"Ŕ presente un rinforzo semicircolare sotto il collo.


    NEL 1941 venne prodotto e distribuito un nuovo modello di camicia con collo di tipo ribattuto a punte pronunciate in aertex e in tessuto di colore feldgrau:
    Immagine:

    57,73┬*KB

    Immagine:

    60,33┬*KB
    particolare bottoniera e foggia colletto.

    Immagine:

    74,58┬*KB
    il bottone in CP a due fori specifico da camicia e il tessuto in dettaglio.Questo tessuto (aertex) era composto di cotone, lana e fibre sintetiche di derivazione cellulosica con lavorazione a "maglina". Ancora oggi Ŕ possibile ritrovare dei minuscoli pezzettini di legno nel filato che sono ottimo indice di originalitÓ*.

    Immagine:

    124,99┬*KB
    anche in questo caso Ŕ presente un rinforzo semicircolare posteriore.

    Un altro esemplare di camicia mod.41,ma realizzata in pannetto a trama battuta.
    Immagine:

    65,53┬*KB
    Immagine:

    62,08┬*KB
    particolare della bottoniera e del colletto.I bottoni sono del tipo a 4 fori in resina, del tipo riscontrabile sulle fldbl.42-43.

    SUCCESSIVAMENTE, nel 1942 furono aggiunte a questa tipologia di camicia, TASCHE PETTORALI con soffietto e patta con leggera punta centrale (mod.42). Alcuni soldati vi monteranno aquila e spalline su iniziativa personale.
    NEL GIUGNO 1943 viene introdotto un nuovo modello come sopra, ma con tasche a patta diritta senza soffietto centrale(mod.43). VerrÓ* fabbricato utilizzando aertex o robusto popeline di cotone.
    Produzioni di questa tipologia includeranno anche passanti per spalline e i modelli finali avranno un`abbottonatura integrale completa come le camicie di oggigiorno.I bottoni utilizzati saranno di varie e usuali tipologie come giÓ* riscontrate sulle feldbluse.


    CAMICIE IN DOTAZIONE A UNITA` PANZER E STURMARTILLERIE.

    SOTTO GLI SPECIALI capi di abbigliamento introdotti specificamente per queste unitÓ*, erano previste camicie in cotone e/o maglina aertex di cotone, prive di tasche, nei colori grigio-topo , grigio-scuro con colletto ribattuto e abbottonatura parziale simili alla mod.41 per l'Heer sopradescritta. Era previsto il porto di una cravatta nera. Su personale iniziativa saranno portate anche camicie di altri colori (bianche ,nere ecc) che non saranno prese in considerazione in questo studio.
    In seguito,nel giugno `43, venne introdotta la camicia mod.43 tipologicamente identica a quella per l`esercito (Heer) con tasche a patta dritta, ma in colore grigio scuro.Successivamente con un`ordinanza del gennaio `44 tale camicia fu rimpiazzata con quella feldgrau giÓ* in uso all`Heer.


    CAMICIE IN DOTAZIONE A REPARTI OPERANTI SU FRONTI TROPICALI.

    QUESTE CAMICIE erano fabbricate esclusivamente in tela di cotone con colorazione variabile dal verde salvia al marrone, passando per svariate tonalitÓ* sabbia.Mantenevano la stessa tipologia delle camicie giÓ* descritte e possedevano un collo ribattuto per un uso con la cravatta in occasioni formali .Possiamo distinguere principalmente 3 modelli utilizzati:

    1 MODELLO,provvisto di abbottonatura parziale a 3 bottoni, senza tasche e realizzato in cotone tinto verde salvia.(mod.40)

    2MODELLO,provvisto di abbottonatura parziale a 4 bottoni, dotato di tasche pettorali con soffietto e patta a punta con bottone, passanti per spalline con bottoni, questi ultimi uguali a quelli della feldbl.e rimovibili con anello ad "s". Sui polsini erano presenti due bottoni del tipo da camicia.(mod.41).

    MODELLO DI PRESA FRANCESE. Questo modello di camicia fu largamente utilizzato e indossato anche in altri fronti, oltre che nello scacchiere africano. Simile nel disegno e nel colore alle camicie tropicali in uso all`esercito tedesco possedeva un`abbottonatura parziale con 3 bottoni in materiale plastico a 4 fori, tasche pettorali, colletto fermato nelle punte e posteriormente da un bottone.Enormi quantitÓ* di queste camicie furono requisite dopo la caduta della Francia fino tutto il 1942 e ridistribuite alle truppe tedesche, con alcune modifiche quali: il"ridisegno"delle tasche pettorali su foggia tedesca con bottone e l`aggiunta di passanti per spalline sempre con bottone tipico delle fldbl. e rimovibile con anello ad "s".Furono anche utilizzate camicie francesi non modificate e terminati gli stock di preda bellica le fabbriche francesi furono convertite alla fabbricazione di camicie regolamentari di disegno tedesco, tant`Ŕ che molte camicie tropicali sono state manifatturate in Francia, come del resto altro materiale di vestiario.

    Immagine:

    57,66┬*KB
    il modello "francese"di camicia tropicale utilizzata dall'esercito tedesco.

    Immagine:

    56,66┬*KB
    il modello di cui sopra, con le modifiche richieste dall'intendenza e operate dalle fattorie francesi per la ridistribuzione all'esercito tedesco.Tali modifiche comprendevano il ridisegno delle tasche pettorali e gli approvigionamenti per l'inserimento delle spalline.Sono presenti bottoni tedeschi rimovibili,mentre i bottoni della bottoniera anteriore e del colletto sono originali francesi.

    Immagine:

    88,57┬*KB
    vista posteriore della camicia sopradescritta.

    Immagine:

    45,06┬*KB
    Immagine:

    45,02┬*KB
    la camicia indossata con cravatta DAK verde oliva regolamentare,rare ed originali spalline tropicali a farbe bianco, Kurzetropenhose e cinturone in canapa.


    UNTERKLEIDUNG.

    A COMPLETAMENTO del presente lavoro ritengo necessario accennare ad altri indumenti indossati sotto "il panno"dell'uniforme e sotto la camicia stessa da cui sono indissociabili. Tali indumenti venivano distribuiti dall'intendenza al pari degli indumenti in panno.
    Sotto la camicia era presente una maglia indossata "a pelle"a girocollo e chiusa da due bottoni, tale maglia era solitamente in cotone piu o meno pesante:

    Immagine:

    51┬*KB

    Nei climi tropicali o estivi veniva invece indossata sotto la camicia una maglia leggera solitamente fabbricata in cotone a "maglia larga"per permettere una traspirazione ottimale:

    Immagine:

    57,59┬*KB

    SOTTO I PANTALONI del consueto panno venivano indossati degli"unterhose"o mutandoni realizzati in cotone non tinto inizialmente, impiegando filato di cotone piu o meno pesante nei vari modelli per un uso invernale o in clima piu' mite, a seconda delle esigenze personali.Di taglio lungo e attillato possedevano una patta anteriore munita di bottoni come nelle camicie mod.33 e nel retro uno spacchetto chiudibile con un laccio.I modelli successivi,dal'41 in poi, avranno un disegno leggermente diverso e saranno realizzati in maglia "aertex" feldgrau. Nei climi tropicali o con l'uso di pantaloni corti sarÓ* indossato un paio di mutande corte realizzate in maglia a trama larga di cotone non tinto.

    Immagine:

    51,53┬*KB
    Sottopantaloni regolamentari mod.33

    Immagine:

    83,1┬*KB
    Dettaglio interno

    Immagine:

    91,56┬*KB
    In questo esemplare sono presenti interessanti marchi;a sin. il fabbricante (di Stoccarda) e l'anno di fabbricazione, a dx le punzonature delle taglie e ancora a destra il marchio rettangolare di un famoso magazzino di distribuzione di Berlino con l'anno.

    Immagine:

    49,11┬*KB
    una variante dei sottopantaloni mod.33 di cui sopra realizzati in cotone pesante(fustagno).

    Immagine:

    66,41┬*KB
    sottopantaloni in aertex feldgrau mod.41 regolamentari.Questi indumenti erano sempre prescritti nel corredo uniformologico per evitare il deterioramento del panno a contatto della pelle "nuda"e della traspirazione.

    Immagine:

    62,55┬*KB
    Mutande di tipo leggero per climi caldi e da indossarsi sotto i pantaloni corti.
    In questi indumenti e in quelli presentati sono sempre presenti all'altezza dei fianchi dei passanti di cotone che andavano ad assicurarsi negli appositi attacchi con bottoncino automatico presenti nei pantaloni tedeschi.


    CONCLUSIONI.

    TUTTI I MODELLI delle camicie militari tedesche sono stati replicati.Auspico che il presente studio possa essere d'aiuto a coloro che giÓ* possiedono o che cercano una camicia militare tedesca.Invito eventuali possessori di camicie originali qui elencate ma non illustrate, a mostrare i loro esemplari a completamento del presente studio e saluto tutti cordialmente, rimanendo disponibile per chiarimenti e/o puntualizzazioni sull'argomento.
    Karl,der Graf.
    "Unsere Mauern brachen aber unsere Herzen nicht"
    ----------------------------------------------------------------------
    "der graf" ist Carlo Cicconi-Massi

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Sono a dir poco basito.....complimenti e grazie per questi tuoi interventi.Non ci resta che studiare.[]

  3. #3
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    LocalitÓ
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    I miei complimenti.. interessantissimo Topic..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    LocalitÓ
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    447
    Ciao
    sei fantastico e cosi che si imparano molte cose
    Ciao Mauro

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    LocalitÓ
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    447
    Ciao io provo a postare due camice per climi caldi
    la prima ha il colletto a V

    Immagine:

    155,88*KB

    Immagine:

    151,25*KB

    Immagine:

    163,62*KB

    Immagine:

    150,6*KB

    Immagine:

    150,54*KB

    Immagine:

    152,53*KB

    le foto non sono venute bene avendo lo sfondo chiaro
    Ciao Mauro

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Ottima integrazione Mauro.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    LocalitÓ
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Bel topic e bellissimi i pezzi postati, complimenti. [ciao2]

  8. #8
    Collaboratore L'avatar di EnzoLuca
    Data Registrazione
    Apr 2007
    LocalitÓ
    Agrate Brianza MB
    Messaggi
    2,887
    E' come andare a scuola!!!!

    Grazie
    Ciao. Enzo
    "Non abbiate paura"

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    LocalitÓ
    Trieste
    Messaggi
    4,675
    Mi aspettavo un topic come questo da Karl e devo dire che con l'ottimo materiale postato e l'esaustivo testo che ne descrive la storia, si va a colmare un argomento a mio avviso importante e poco trattato dall' editoria conosciuta. Ti ringrazio personalmente perchŔ fa un certo effetto poter visionare e confrontare l'evoluzione dei capi sopra descritti. Io posseggo una camicia standard M41 in aertex feldgrau e vorrei chiederti se erano previste marchiature di regola in quanto la mia ne Ŕ sprovvista. [ciao2]
    Infanterie K÷nigin aller Waffen

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    LocalitÓ
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Grazie davvero,
    un bellissimo topic con un argomento affatto scontato!
    [ciao2]
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Disattivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato