Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: I buoni e i cattivi sono ovunque

  1. #1
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,396

    I buoni e i cattivi sono ovunque

    Per spiegare l'affermazione che intitola il topic parto dalla visione della III Puntata della serie Band of Brothers.
    Si parla del D DAY con i lanci dei paracadutisti e si vedono varie azioni di guerra dove i tedeschi che si arrenderebbero vengono uccisi durante l'azione. Ad un certo punto le truppe aereotrasportate sono un po' radunate e un caporale delle Easy parla un con tedesco prigioniero che scopre essere nato in America ed essere ritornato in Germania per rispondere all'appello del FUHER. Ebbene pochi secondi dopo un tenente dei para uccide sul posto tutto il gruppo di prigionieri tedeschi.
    Ovviamente è un "crimine di guerra" ai termini della COnvenzione di Ginevra come quelli operati in Italia in Sicilia dopo lo sbarco dai GI algi ordini di Patton.
    Questa riflessione era solo per dire che la GUERRA in quanto tale scatena i peggiori istinti degli uomini a prescindere dalle divise portate.
    Potrei anche citare pe la parte buona tanti altri esempi (la storiografia degli alpini ne è piena). Ringrazio ancora per la serietà delgi autori della serie che non hanno voluto omettere anche parti "pesanti" ma vere.
    sven hassel
    duri a morire

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3,886

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    questa riflessione mi piace.
    Verissimo .

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Armata Sarda
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Torino
    Messaggi
    1,617

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Questo verissimo. I crimini avvenuti in Sicilia non c'è certezza che fossero però colpa di Patton. Ci sono molti dubbi a riguardo e non c'è da stupirsi. Dava fastidio a tutti i suoi colleghi compratrioti od almeno a tanti.
    Le imbecillità in Italia fanno sempre rumore. (Indro Montanelli)

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,068

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Pero' sono stati annoverati a lui e la frase 'kill 'em all' l'ha detta lui.Si e' saputo quasi 50 anni dopo degli eventi. Certo,poi i sottoposti hanno eseguito gli ordini.In ogni caso concordo con tutto su questo thread. PaoloM

  5. #5
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Anche se non c' entra con la Sicilia, ricordo che soldati americani pellirosse sul fronte italiano scalparono i nemici tedeschi (spero da morti) e che in un libro si parla di "nemici che indossavano una penna sul cappello" che per questo furono risparmiati da quell' estremo insulto.
    Forse alpini...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  6. #6
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,794

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Riguardo alla scena di BoB, in una puntata successiva lo stesso ufficiale che poi diventa cap della Easy a una domanda se davvero aveva fatto quell'azione, lascia intendere che era meglio che tutti si pensasse fosse vero, in modo di incutere paura e timore reverenziale nella truppa, quindi è molto probabile non fosse vera, sugli sbarchi in sicilia ad anzio e nettuno invece sono diverse le testimonianze in cui si indica la ferocia degli anglo americani nei confronti dei soldati non solo tedeschi ma anche italiani che si arrendavano, andando contro ogni convenzione............e poi sono stati accolti come eroi ovunque..................a buon intenditor poche parole.

    Christian M.
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Hetzer
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Bassa reggiana
    Messaggi
    1,810

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Premesso che nn è mia abitudine affermare verità storiche o episodi realmente accaduti basandomi su film o simili seppur ben fatti, vedi appunto l'episodio citato da Tiziano che vedrebbe l'ufficiale americano uccidere alcuni prigionieri tedeschi (...secondo me li uccise, altrimenti a che scopo sparare un'intero caricatore?..per far loro paura???), in quanto si sà come i film siamo quanto meno "manipolati e/o liberamente rivisti" per raccontare una certa storia...
    Detto ciò: episodi di uccisione di soldati tedeschi presi prigionieri nel D-Day da parte di soldati americani ce ne furono diversi, per lo più nelle primissime ore dell'invasione. Ciò fu dovuto principalmente dalla reale impossibilità di custodire in sicurezza i prigionieri, da piccoli o piccolissimi gruppi di paracadustisti americani che, sparpagliati nelle campagne di Normandia, dovevano lottare per la loro vita, e per raggiungere gli obiettivi loroi assegnati. I prigionieri avrebbero reso il tutto più difficile quindi il più delle volte si optò per l'uccisione dei sfortunati soldati.
    Ad Omaha poi, secondo i primi rapporti stesi dagli ufficiali americani, furono catturati circa 150/160 prigionieri tedeschi, ma alla fine dei combattimenti ne furono radunati e consegnati solo 66, degli altri si perse ogni traccia.....
    (Fonte: vari libri Ed. Heimdal che trattano lo sbarco in Normandia)
    Un'altro episodio è descritto ne "Il giorno più lungo" dove un reduce inglese racconta l'uccisione di 5/6 soldati tedeschi da parte dei suoi commilitoni.
    ...aveva ragione mio nonno quando diceva "La guera le na brùta bestia"........
    Io non ho girato il mondo ma il mondo ha girato intorno a me.

  8. #8
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,794

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Citazione Originariamente Scritto da Hetzer
    Premesso che nn è mia abitudine affermare verità storiche o episodi realmente accaduti basandomi su film o simili seppur ben fatti, vedi appunto l'episodio citato da Tiziano che vedrebbe l'ufficiale americano uccidere alcuni prigionieri tedeschi (...secondo me li uccise, altrimenti a che scopo sparare un'intero caricatore?..per far loro paura???), in quanto si sà come i film siamo quanto meno "manipolati e/o liberamente rivisti" per raccontare una certa storia...
    Detto ciò: episodi di uccisione di soldati tedeschi presi prigionieri nel D-Day da parte di soldati americani ce ne furono diversi, per lo più nelle primissime ore dell'invasione. Ciò fu dovuto principalmente dalla reale impossibilità di custodire in sicurezza i prigionieri, da piccoli o piccolissimi gruppi di paracadustisti americani che, sparpagliati nelle campagne di Normandia, dovevano lottare per la loro vita, e per raggiungere gli obiettivi loroi assegnati. I prigionieri avrebbero reso il tutto più difficile quindi il più delle volte si optò per l'uccisione dei sfortunati soldati.
    Ad Omaha poi, secondo i primi rapporti stesi dagli ufficiali americani, furono catturati circa 150/160 prigionieri tedeschi, ma alla fine dei combattimenti ne furono radunati e consegnati solo 66, degli altri si perse ogni traccia.....
    (Fonte: vari libri Ed. Heimdal che trattano lo sbarco in Normandia)
    Un'altro episodio è descritto ne "Il giorno più lungo" dove un reduce inglese racconta l'uccisione di 5/6 soldati tedeschi da parte dei suoi commilitoni.
    ...aveva ragione mio nonno quando diceva "La guera le na brùta bestia"........

    Sono d'accordo con me, quanto da me scritto era solo in riferimento a quell'episodio, su cui comunque nutro qualche dubbio..............

    Christian M.
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    1,906

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    Classificare i buoni o cattivi o stupidi ed intelligenti per nazionalità o "razza" termine che non so più se si possa usare, famosa la risposta "human being" di Einstein nel questionario postogli all'entrata negli USA, non potrebbe essere una discriminazione razzista o razzismopolitica-ideologica?

  10. #10
    Banned
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    vP006496
    Messaggi
    1,253

    Re: I buoni e i cattivi sono ovunque

    l' essere "buoni" o "cattivi" non dipende ne' dalla nazionalita' ne' dalla cosiddetta "razza" , il comportamento e' dettato da quello che ti hanno insegnato e inculcato .
    se sei convinto di far parte della "razza" prescelta , considererai tutto il resto dell' umanita' alla stregua di animali e come tali li tratterai .
    e i risultati si sono visti , purtroppo .

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •