Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: I Fornelli da Campo Tedeschi a benzina e a combustibile solido

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Roberto C.
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    73

    I Fornelli da Campo Tedeschi a benzina e a combustibile solido

    intro titolo.jpg

    Nel variegato panorama dei fornelli da campo tedeschi, un posto di primordine spetta decisamente all’Esbit - “Erich Schumm Brennstoff in Tablettenform” .
    Il titolare Erich Schumm, inventore con più di mille brevetti all’attivo e imprenditore, nacque il 9 novembre del 1907 a Stoccarda e morì a 72 anni il 7 Settembre del 1979 a Althütte-Sechselberg .

    erich schumm.jpg

    Dopo un periodo iniziale di formazione personale e professionale come dipendente presso altre aziende, Erich Schumm nel 1933 fondò a Württemberg-Stoccarda la propria azienda.
    Tre anni dopo, nel 1936, sviluppò il famoso combustibile solido in compresse, consistente principalmente in Esametilentetramina (HMTA) , dei cubetti bianchi che bruciano in modo affidabile, con una fiamma di color azzurrognolo con velature arancio, garantendo una temperatura alta e una lunga durata.
    Assieme le compresse di combustibile solido vi fu parallelamente anche la produzione di appositi e vari tipi di fornellini “Kochgestell”, il mercato di questi prodotti ebbe un notevole successo e raggiunse come esportazione ben oltre settanta paesi.
    In origine, come molte cose, le compresse di combustibile solido Esbit furono indicizzate al mercato civile, ad esempio per dei giocattoli per alimentare i modelli di motore a vapore o più semplicemente per il campeggio.

    publi 1.jpg

    Con il riarmo della Germania e lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale i fornellini (in special modo il Modell 9) e le compresse di combustile solido divennero una quanto mai apprezzata dotazione “non ufficiale ma quasi” del soldato tedesco, da portare nel Tornister o nel Brotbeutel, utili per scaldare il rancio dentro la gavetta o qualche barattolo di zuppa, ma anche per far bollire l'acqua per sterilizzare le sringhe ad esempio.

    publi 2.jpg

    publi 3.jpg

    Nel 1943 l’azienda di Erich Schumm a
    Württemberg-Stoccarda venne distrutta durante un bombardamento aereo, quindi la produzione della Erich Schumm fu trasferita e continuò a Murrhardt.

    Uno dei fornellini utilizzati è questo Esbit Kochgestell realizzato in lega di alluminio e composto da cinque parti.

    frn3.jpg

    Una foto d'epoca ne attesta l'uso nei primissimi periodi, comunque non oltre il 1940.

    esbit1.JPG

    frn3a.jpg

    frn3b.jpg

    frn3c.jpg

    frn3d.jpg

    frn3e.jpg

    frn3f.jpg

    frn3g.jpg

    frn3h.jpg

    Ora è il turno del ben più noto Esbit Kochgestell Modell 9 prodotto a Stuttgart-Württemberg.

    frn5.jpg

    frn6.jpg

    frn6a.jpg

    frn7.jpg

    Un Esbit Kochgestell Modell 9 ancora imballato.

    frn4.jpg

    E ora un Esbit Kochgestell Modell 9 prodotto dopo il 1943 nella nuova fabbrica di Murrhardt .

    frn8.jpg

    frn9.jpg

    Le famose compresse di combustibile solido.

    frn12.jpg

    frn13.jpg

    frn14.jpg

    frn14a.jpg

    frn15.jpg

    Un Esbit Kochgestell che fa discutere, alcuni lo indicizzano come anni 30 prebellico, altri come post-bellico.
    La verità che quelli post-bellici sono marcati "Made in W.Germany" , questo invece è un "Made in Germany" con DRP.
    Personalmente ancora devo vedere una foto d'epoca che ne attesta l'uso, nel dubbio lo tengo da parte.

    frn10.jpg

    frn11.jpg


    frn1.jpg


    Passiamo dunque ai fornelletti da campo a benzina.

    j1.jpg
    Diversi furono i modelli di fornelli da campo a benzina utilizzati dal Soldato Tedesco, tra i vari modelli i più noti sono lo Juwel 33 e l’Arara 37 .
    In genere il loro utilizzo viene attribuito ai reparti Gebirgsjäger , il che fondamentalmente è vero, altresì non mancano foto che ne documentano un utilizzo da parte di un pò di tutti.

    j2.jpg

    j3.JPG

    j4.jpg

    Sia lo Juwel 33 che l’Arara 37 sono alimentati a benzina e sono simili nella forma, come del resto lo sono anche altri modelli prodotti da e in altri paesi.

    j5.jpg

    Lo Juwel 33 era prodotto dall‘azienda Gustav Barthel di Dresda che ebbe un ruolo principe nel settore dei fornelli, lanterne, saldatori, torce e stufe.
    In attività fin dai primi anni del 1900 fu uno dei pionieri per quanto concerne la realizzazione dei fornelli portatili.

    j6.jpg

    Dello Juwel 33 possiamo trovarne diverse versioni, una di queste è il modello pre-bellico, avente i coperchi con incastro a vite e il corpo del fornello è in ottone.

    j7.jpg

    j8.jpg

    j9.jpg

    j10.jpg

    j11.jpg

    Il modello del periodo bellico è lo Juwel 33U ed è individuabile per i coperchi con i passantini e trattenuti chiusi con una particolare cinghietta, i coperchi possono avere le scritte in rilievo come essere completamente lisci, così come il cilindro esterno che può avere le due bombature di rinforzo lungo la circonferenza o essere piano.
    Il corpo del fornello è in ottone (ve ne sono anche in metallo zincato) e riporta la marcatura del Chemisch-Technische Reichsanstalt , ossia CTR seguita dal numero 5 che individua questo particolare modello.

    j12.jpg

    j13.jpg

    Dettaglio della particolare cinghietta di chiusura, che non è facile trovare, spesso sostituita da un normale riemen in cuoio.

    j14.jpg

    j15.jpg

    Lo Juwel 33 ha in dotazione un piccolo imbuto metallico per riempire il serbatoio e una scatolina metallica contenente istruzioni ed accessori per ricambio pezzi e per la pulizia, oltre naturalmente la chiave per aprire/chiudere e regolare il flusso del combustibile.

    j16.jpg

    j17.jpg

    Il foglio di istruzioni presente.

    j18.jpeg

    jj19.jpeg

    j20.jpeg

    j21.jpeg

    j22.jpeg

    Ritorniamo allo Juwel 33U .

    j23.jpg

    j24.jpg

    j25.jpg

    j26.jpg

    La marcatura CTR 5 del Chemisch-Technische Reichsanstalt , istituito nel 1920 a seguito della conversione di un reparto di prova militare (Militärversuchsamt), il CTR fu di fatto un istituto sotto il controllo del Ministero dell'Interno Nazionale, il Reichsinnenministerium.

    j27.jpg

    Dettaglio del logo e nome per esteso del fabbricante.

    j28.jpg

    Dettaglio del bruciatore, cuore del sistema, dove dall'ugello centrale veniva immessa la benzina nebulizzata, dalle feritoie laterali entrava l'ossigeno che si mescolava alla benzina nebulizzata sotto la piattaforma superiore e con l'ausilio dell'innesco (un fiammifero) generava la fiamma di un particolare colore blu ad indicarne la perfetta combustione.

    j29.jpg

    Altra particolarità la possiamo trovare sul fondo del serbatoio.

    j30.jpg

    Troviamo marcato il Waffenamt WaA 870 la lettera H che indica Heer e la data 1941 .

    j31.jpg

    j32.jpg

    E' il turno ora all'Arara 37 , meno noto dello Juwel 33 , ma proprio in virtù di ciò, collezionisticamente più ambito.

    j33.jpg

    L'Arara 37 non ha varianti, vi è solo questo modello.

    j34.jpg

    Non vi sono scatole per gli accessori, la chiavetta è anellata al coperchio superiore e i pochi accessori sono mantenuti nel corpo del fornelletto.

    j35.jpg

    Il fornelletto ha il corpo serbatoio in ferro verniciato, lo stelo in ottone e il bruciatore in lega ferrosa.

    j36.jpg

    Presente stampata in rilievo la marcatura CTR 15 del Chemisch-Technische Reichsanstalt .

    j37.jpg

    j38.jpg

    Direi che è tutto ... per ora.

    j39.jpg

    Alla prossima.

    frn2.jpg

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Klaudio
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Califfato di Bologna
    Messaggi
    567
    Topic bellissimo e completo, supportato da foto d' epoca fatte sul campo e di relative istruzioni a corredo.
    Ben fatto davvero, ottimo lavoro Roberto !

    Claudio.
    Dio usa le guerre per insegnare la geografia alla gente. - A. Bierce -

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Roberto C.
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    73
    Citazione Originariamente Scritto da Klaudio Visualizza Messaggio
    Topic bellissimo e completo, supportato da foto d' epoca fatte sul campo e di relative istruzioni a corredo.
    Ben fatto davvero, ottimo lavoro Roberto !

    Claudio.
    Grazie Claudio

  4. #4
    Moderatore L'avatar di maxtsn
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Prov. TO
    Messaggi
    6,454
    Bravo Roberto, ottimo articolo.
    __________________________________________________ __________________________________________________ __

    Max

    Frangar non flectar

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,417
    Assolutamente bellissimo! Ottmo lavoro complimenti!

  6. #6
    Collaboratore L'avatar di milit73
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Verona,Italia
    Messaggi
    1,421
    Ciao a tutti,

    ben fatto !

    Ciao
    Michele

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Roberto C.
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    73
    Grazie

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    23
    Grazie Roberto, per questa fantastica disamina, alcuni dei fornelli da te postati sono veramente di difficile reperibilità!.
    Bravo complimenti e soprattutto ben ritornato da noi.
    Marco

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato