Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: I piloti d'aliante e aliantisti inglesi(1940-1945)

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295

    I piloti d'aliante e aliantisti inglesi(1940-1945)

    bandiera-inglese-union-jack-L-bRzPSL.jpg badgglider pilot reg.jpg badgb232d.jpg

    Durante la
    seconda guerra mondiale furono utilizzati alianti per il trasporto delle truppe speciali in posizione avanzata rispetto alle linee nemiche. Ciò era possibile grazie alla silenziosità di questi mezzi che ne rendeva difficile l'individuazione. Essi venivano trainati fino ad una certa quota e una certa distanza dall'obiettivo e, una volta sganciati, planavano fino al punto di atterraggio, spesso improvvisato, in cui venivano abbandonati.
    L'impiego dei cosiddetti "alianti d'assalto" fu intenso da parte delle forze tedesche, per portare a termine alcune azioni di guerra.
    Oltre all'elemento strategico della sorpresa dovuto al volo silenzioso, l'utilizzo dell'aliante consentiva di sbarcare una squadra compatta e già equipaggiata pronta a entrare in combattimento. Il lancio di paracadutisti presentava invece l'inconveniente del rumore da parte degli aerei di trasporto, e le truppe erano esposte al fuoco nemico durante la discesa con il paracadute. Inoltre, una volta a terra la squadra doveva riunirsi, organizzarsi, raccogliere gli equipaggiamenti e successivamente iniziare il combattimento. Ciò si rendeva particolarmente difficile in caso di lanci notturni o errati, in cui i reparti venivano sparpagliati su una vasta area. L'aliante, se sapientemente condotto, poteva invece arrivare silenziosamente e rovesciare sul posto una squadra compatta già pronta ad entrare in azione.In seguito, l'uso in guerra di questi mezzi fu abbandonato. Per l'appunto, se sapientemente condotto.Tutto dipendeva dal pilota. Gli inglesi dettero un notevole impulso a questa specialita', creando numerosissimi ed abili piloti d'aliante,addrestrati piu' e meglio di tutti gli 'airborne'. Ma il primo approccio bellico, fu quanto meno disastroso infatti per l'invasione della Sicilia nel 1943,non si sa quanti aerei guida ed alianti (HORSA e WACO) furono centrati per errore dalla contraerea americana sulle navi d'invasione. Evidentemente non vi fu coordinazione, perché gli americani centrarono anche aerei con propri paracadutisti (DAKOTA) e propri alianti, per lo piu' WACO.Non entriamo nel merito degli eventi bellici, ma per il D-Day della Normandia nel 1944 e piu' tardi per l'Operazione Market Garden, l'errore non fu ripetuto.

    museum-of-army-flying-20.jpg IMG_1178.jpg post-8022-0-49041200-1370718328.jpg

    Il pilota d'aliante britannico era abbigliato come un paracadutista, con il 'maroon' beret e con la Dennison mimetica.
    In volo d'addestramento e in combattimento era fornito o di elmetto d'acciaio o di casco in fibra, che accoglieva auricolari
    e/o laringofoni per comunicazioni con la base e a bordo:
    ukglider3941de6.jpg uk73873.jpg
    Gli elmetti d'acciaio potevano essere di tre tipi (anche se essi non erano il copricapo preferito):
    a1792439_orig.jpg a1200px-Helmet_dr_steel_at_mkI_conversion_side.jpg a2-HELMET-Militaria.jpg

    mentre i copricapo in fibra potevano essere di piu' modelli, i piu' comuni sono qui illustrati (quasi tutti ricavati dalla modifica della cuffia RAF type C) o da caschi da motociclista o carrista dello stesso materiale:
    UK Glider Pilots Helmet right.jpg UK Glider helm in.jpg UK Glider helm curtain mark .jpg

    uk0-L10201598.jpg ukDSCF1011.JPG ukgprhelmet (2).jpg ukullying-5.jpg ukuOQ5tSQ~~60_57.jpg

    Aliantisti e piloti d'aliante in addestramento:
    76657878.jpg

    British paratroopers of the Airborne Division in the cockpit of a Hotspur glider, final checks b.jpg

    British_glider_pilots.jpg DSCF1409.jpg HELMET BANK 4_1575x1050.jpg

    Per concludere,i piloti d'aliante britannici, ottennero in tutti i settori dove furono impiegati, compreso l'estremo Oriente contro i giapponesi, dei pregevoli risultati dovuti essenzialmente alla loro perizia nella misura delle distanze, e all'addestramento meticoloso, non senza la dose di coraggio e sangue freddo che li vide, meno di quanto si possa pensare, vittime delle circostanze, avendo responsabilita' del mezzo impiegato e degli uomini che dovevano accompagnare sulla landing zone.
    PaoloM

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    Il panorama che generalmente si presentava ai piloti d'aliante.PaoloM
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #3
    Utente registrato L'avatar di soldatidiplastica
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Località
    Bologna
    Messaggi
    855
    Bell'argomento, grazie !!

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  5. #5
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    L'interno: all'atto dell'atterraggio, gli uomini dovevano alzare le gambe e stringersi in avanti a capo chino. PaoloM
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  6. #6
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    La visuale di un pilota d'aliante.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  7. #7
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  8. #8
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    L'interno di un Airspeed HORSA:
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  9. #9
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295
    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  10. #10
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    18,295

    Exclamation

    .
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •