Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: I soldatini del cane con l'accento: GLI ALPINI CANE'

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2013
    Messaggi
    235

    I soldatini del cane con l'accento: GLI ALPINI CANE'

    Confesso che l'aver ritrovato i miei soldatini COMANSIriproducenti la nostra fanteria della II GM mi ha generato un insolitoentusiasmo che è stato rafforzato dai ricordi dell'amico KLEINER PAL nonchè daquelli di FURIERE MAGGIORE che ho scoperto anche soldatinaio dopo l'assodata eapprezzata vena uniformologica ed ora anche di SQUALONE. Quindi sono allaricerca degli ATLANTIC MUSSONINI E MARCIA SU ROMA e BRITAIN BRITISH INFANTRYricordati da FURIERE M. ma, durante la stessa ricerca, non posso fare a meno diesaltarmi per il rinvenimento e la ri-scoperta di altri soggetti.
    Oggi è il turno degliAlpini della Canè, la famosa marca dei "Soldatini del cane conl'accento".
    La Canè fu moltoattiva negli anni '70 precedendo l'Atlantic.
    Commercializzava inbuste o in blister realizzazioni proprie o su stampi di altre marche più famosecome i cow-boys, i pellerossa, i giapponesi e gli U.S. G.I. della Marx maaffiancando anche eccellenti produzioni nostrane come alpini, bersaglieri,sudisti e nordisti (erano gli stessi soggetti ma realizzati in plastica grigiao blue), etc.
    I soldatini nostranierano vere e proprie opere d'arte essendo state scolpite da Elio Simonetti,conosciuto artista scultore e modellista già noto per i soggetti del famosopresepe della Fontanini.
    Non so molto diquest'ultima ditta (tranne che anche i soggetti di quel presepe sono oggioggetti ricercati del collezionismo) ma credo che per un breve periodo, forseantecedente a quello in esame della Canè, abbia prodotto soldatini e forse poi,chiusa la ditta o abbandonati tali progetti abbia venduto i brevetti o idiritti degli stessi.
    Ciò potrebbe spiegarela produzione Canè su prodotti autoctoni e copiati da oltreoceano nonchè lasomiglianza dei soggetti da presepa Fontanini con quelli di successivaproduzione in plastica della Nardi.
    Tornando ai nostrialpini posso ricordare la felicità di un giorno di mercato estivo nell'averindividuato su una bancarella una fornita bustina di alpini.
    All'epoca i soldatinivenivano proposti (ad esclusione degli swoppet TIMPO in scatola vetrinata odegli Airfix in scatola cartonata) in blister o in bustine di cellophane chiusecon cartoncino contenenti sei soggetti e dal costo di 100 lire.
    La bustina di Alpini invece costava 150 lire e non mispiegavo questo inaudito ed esoso aumento di prezzo posto che, se già eradifficile ottenere un contentino a prezzo standard, figuriami con l'aumento.
    Cominciai a tediare e disturbare la chiacchierata di miopadre con gli amici davanti ad un frizzantino bianco come aperitivo iniziandouna pletora di promesse di accellerare i compiti per le vacanze, di non fararrabbiare la mamma, di aiutare la nonna nel pollaio, di tagliare l'erba delgiardino (con i l rullino a mano che si incastrava sulle erbe più alte), diriordinare e pulire il garage, etc.
    Preso per sfinimento, preferendo l'esborso di tre monete conl'uomo nudo con la mazza piuttosto che rifilarmi due ceffoni in pubblico, miopadre concesse l'acquisto pur consapevole che forse non avrei rispettatoneppure una di quelle promesse.
    Così mi fiondai dal commerciante ed acquistai quellameravigliosa confezione rilevando che, al contrario delle altre, conservavaotto soldatini contro i canonici sei.
    Purtroppo le pose però erano comunque sei e due eranoripetute.
    Come detto, si tratta di soldatini bel definiti realizzati da un artista che se aveva mantenuto delle pose forse meno marziali di altre realizzazioni si era adoperato raggiungendo dei significativi particolari come la trasmessione delle espressioni dei pastori del presepe nei loro volti barbuti ma che ben si attagliavano ai fieri montanari che venivano arruolati nel Corpo degli Alpini.
    Il cappello era realizzato meticolosamente riportando l'aquila in rilievo, un bel cordone intrecciato e la penna inserita nella nappina.
    La giubba lascia qualche licenza all'artista: si rileva il colletto chiuso ma la giubba, contrariamente alla mod.1909, ha la bottoniera scoperta e le contraspalline (tipo armi a cavallo piuttosto che i salsicciotti).
    Il complesso inferiore delle fasce gambiere (anche per l'ufficiale) e degli scarponi lascia poco all'immaginazione trasportando immediatamente l'osservatore nelle foto sbiadite dell'Adamello, del Grappa o dei Sette Comuni: le calzature, ben conformate, evidenziano le grippe e, in qualche soggetto, addirittura gli sproni e le cuciture.
    I fucili, seppur stilizzati, sono ben somiglianti al nostro '91 e tutti i militari sono dotati della classica giberna a forma di doppio cubo anche se disgiunti tra loro.
    La sospensione delle stesse giberne però è stilizzata a mò di bretella partendo dalla parte superiore delle stesse giberne e terminando dietro la schiena fino al cinturino anzichè risultare avvolgenti al collo come nella realtà.Molto ben definita la granata in mano all'alpino intento a lanciarla: si intravede la prefragmentazione riproducendo da vicino la SIPE largamente utilizzata nella Grande Guerra.
    Si apprezza, nella figura del sottufficiale o graduato sciatore, l'assicurazione degli scii mediante corregge di cuoio proprio come all'epoca. Spicca sul braccio il grado in rilievo. La vista del figurino con l'affardellamento di zaino e coperta sembra riprodurre fedelmente l'alpino di quegli anni anche se, osservato peculiarmente di schiena, lo zaino appare in quel contesto sottodimensionato.
    L'ufficiale ovviamente è armato di pistola semiautomatica. L'arma è particolarmente stilizzata che non trova riscontro nella realtà. Inoltre porta al fianco una fondina trapezoidale più somigliante a quella della Steyr 1912 da Gendarmeria piuttosto che a quelle nazionali. L'ufficiale, alla cintura, porta assicurata anche una gibernetta. In realtà i militari armati di revolver 1889 portavano una piccola giberna per una serie di cartucce di scorta e quelli armati di pistola semiautomatica MTB 1910 ne portavano una di dimensioni interessanti ma erano entrambe ben difformi da quella evidenziata. Si potrebbe magari sostenere che quella del figurino possa contenere una bussola di acquisizione privata come talvolta si verificava.
    Se, nel caso dei militari, i cinturini di sospensione delle giberne non appaiono veritiere, nel caso dell'ufficiale appaiono verosimili come quelle utilizzate nel cinturone mod. 1914 con fibbia a placca da ufficiali.
    Come detto, esistono sei soggetti:
    l'Ufficiale armato di pistola semiautomatica;
    un Alpino assaltatore con fucile con baionetta inastata;
    un Sottufficiale o graduato sciatore;
    un Alpino fuciliere che brandice il fucile a mò di clava;
    un Alpino granatiere intento a scagliare la bomba a mano SIPE;
    un Alpino (forse graduato) di vedetta o in attesa di lanciarsi all'attacco su una roccia.
    Ora ve li mostro:


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,793
    Bellissimi, sono tutte reliquie d'epoca!!!!

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2013
    Messaggi
    235
    Citazione Originariamente Scritto da squalone1976 Visualizza Messaggio
    Bellissimi, sono tutte reliquie d'epoca!!!!

    ChM
    Va beh ... gli sposterò dalle scatole di gelato ad un tabernacolo !

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    5,089
    Perchè, non sono già in un reliquiario adatto?
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  5. #5
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,793
    sarà meglio, meritano!!!

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •