Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: Identificazione ritrovamenti

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Rimini
    Messaggi
    68

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Citazione Originariamente Scritto da TELLER67
    Da quello che scrivi capisco che devi ancora studiare molto...
    Ti posto alcune immagini di mitragliatrici che impiegavano quella munizione.

    Questa è la versione diciamo terrestre, impiegata da truppe di fanteria. Poteva essere installata anche sul cielo delle torrette di carri armati.
    [attachment=2:9fvjwnza]Browning_M2.jpg[/attachment:9fvjwnza]

    Questa è la foto della torretta di coda di un bombardiere B17 americano. I bombardieri avevano diverse armi di questo tipo per la difesa ravvicinata da attacchi di caccia.
    [attachment=1:9fvjwnza]Browning_M2_B17.jpg[/attachment:9fvjwnza]

    Anche caccia e cacciabombardieri avevano come armamento questo tipo di mitragliatrice. Questi armieri sono in fila per poter rifonire un P51 Mustang americano.
    [attachment=0:9fvjwnza]Browning_M2_aircraft.jpg[/attachment:9fvjwnza]

    E' una mitragliatrice Browning e il suo calibro è 12,7 mm (.50" nella denominazione originale).

    Potrai trovare ulteriori informazioni consultando un qualsiasi motore di ricerca.

    Ciao

    P.S.: immagini tratte ovviamente dal web.
    Ti ringrazio, spiegazione molto interessante!

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di lucianoluc
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    175

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Di queste ogive, unpo' gonfie, ne ho viste diverse anch'io.
    A prima vista vista l'interno non sembra di piombo.
    Nel dubbio sono rimaste sul posto.
    Molte ogive ww1 da me ritrovate, hanno ilpiombo ossidato, bianco, ma non si gonfiano in quel modo.
    L'ho notato solo sui 12,7 e non su altri, non è che magari sono ogive traccianti?
    Saluti
    Luciano

  3. #13
    Banned
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Venezia
    Messaggi
    5,055

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Il P 47 Thunderbolt ne aveva ben 8 in caccia.

  4. #14
    Moderatore L'avatar di Italien
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Genova e Massa Carrara
    Messaggi
    4,855

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Citazione Originariamente Scritto da lucianoluc
    non è che magari sono ogive traccianti?
    Indovinato.
    Anni fa, me ne capitò una tra le mani che evidenziava lo stesso tipo di rottura, all'interno della spaccatura si potevano osservare tracce di una sostanza (dall'apparente consistenza granulosa) di colore giallo.
    LA MIA PAGINA "FORTIFICATA" SU FACEBOOK©: http://www.facebook.com/pages/Italien/323925510817

    Nel mezzo del cammin di questa vita, mostrassi alfin la truce metà oscura...
    ché la pazienza mia era finita, e lo baston calassi su ogne testa dura.


    Fatti non fummo, a viver come inermi... bensì pello inimico, far divorar dai vermi.


  5. #15
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Giusta osservazione!
    Col passare degli anni la sostanza tracciante assorbe l'umidità del terreno e subisce una alterazione chimica che la porta ad aumentare di volume. Contemporaneamente il metallo del mantello (generalmente rame) tende a riformare il proprio reticolo cristallino perso durante lo stampaggio diventando sempre più duro e fragile. Questa combinazione fà si che i proiettili si aprano come "banane" invece che gonfiarsi...

    Ne ho trovati alcuni anche io in diverso calibro col solito effetto.
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    876

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Citazione Originariamente Scritto da Centerfire
    Giusta osservazione!
    Col passare degli anni la sostanza tracciante assorbe l'umidità del terreno e subisce una alterazione chimica che la porta ad aumentare di volume. Contemporaneamente il metallo del mantello (generalmente rame) tende a riformare il proprio reticolo cristallino perso durante lo stampaggio diventando sempre più duro e fragile. Questa combinazione fà si che i proiettili si aprano come "banane" invece che gonfiarsi...

    Ne ho trovati alcuni anche io in diverso calibro col solito effetto.
    Credo sia proprio così, ne ho trovate molte deformate...quelle in piombo invece non si rigonfiano. saluti Lukino

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Località
    Rimini
    Messaggi
    68

    Re: Identificazione ritrovamenti

    Si in effetti sul fondo dell'ogiva, si può ancora vedere un colore rosso/rosa......

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato