Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 59 di 59

Discussione: Il cimitero militare di Verona. Eroi dimenticati.

  1. #51
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Restando sempre in tema di lapidi colpite da ciò che potrebbero essere stati proiettili di arma da fuoco, o schegge di bomba, sulla seguente si contano almeno 3 vistose lesioni, che la rendono parzialmente illeggibile.

    IMG_2139.JPG

    Si tratta della lapide del Tenente Joseph Peck, dei Granatieri del 17° Reggimento Fanteria di Linea "Principe Hohenlohe Langenburg", morto il 1° ottobre 1834.

    La dedica, con in rosso la ricostruzione delle parti illeggibili:

    JOSEPH PECK
    GRENADIER LIEUTENANT
    (D)ES INFANTERIE REGIMENTS N. 17
    (PRI)NZ HOHE(NLOHE) LANGENBURG
    (STARB) DEN 1TEN (OCTOBER) MDCCCXXXIV

  2. #52
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Un altro monumento funerario di un'alta personalità dell'Esercito Asburgico si presenta oggi in cattive condizioni, e come gli altri sembra essere stato colpito forse da molteplici schegge di bomba, forse durante la 2° Guerra Mondiale?
    E' il sarcofago in marmo del Feldzeugmeister, Generale di Fanteria, Anton Mayer Von Heldensfeld, nobile col titolo di Freiherr (Barone), nato a Praga in Boemia, morto nel 1842 a Verona, ritirato dal servizio attivo nel 1836 e Colonnello Proprietario (Inhaber) del reggimento di fanteria no. 45, quello dove prestavano servizio i Veronesi. Distintosi già nelle guerre napoleoniche.

    IMG_2056.JPG

    La dedica:
    ANTON MAYER FREIHERR VON HELDENSFELD
    K.K. GEH. RATH RITTER DES MAR. THER. UND
    DES RUSS. ST. ANNA ORDENS I CLASSE
    FELDZEUGMEISTER INHABER DES 45. LIN. INF. REGIMENTS

    IMG_2057.JPG

    L'altro lato del sarcofago, quello più rovinato:

    IMG_2058.JPG

    GEBOREN DEN 9. DECEMBER 1764
    GESTORBEN DEN 2. IUNI 1842

  3. #53
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Un altro sarcofago marmoreo che porta in modo vistoso i danni del tempo, ma soprattutto, probabilmente, quelli di eventi bellici avvenuti molto tempo dopo la morte dei personaggi qui sepolti: è la tomba di Franz von Scholl, nome ben noto a chi si interessa di fortificazioni, ingegnere militare tra i più importanti dell'800 a livello europeo, artefice tra le altre cose della ricostruzione della cinta bastionata di Verona e delle prime fortificazioni esterne, e dell'imponente opera di Fortezza, per citare argomenti di cui abbiamo trattato nel forum. Morto a Verona il 3 settembre 1838 a 56 anni.

    Franz_von_Scholl_Litho.jpg

    IMG_2059.JPG

    L'iscrizione, molto semplice:

    FRANZ VON SCHOLL
    FELDMARSCHALL-LIEUTENANT IM
    K.K. INGENIEVRS CORPS

    altro lato:
    GEBOREN: 8TEN JAENNER 1772
    GESTORBEN: 3TEN SEPTEMBER 1838

    IMG_2060.JPG

  4. #54
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Si dice che Franz von Scholl sia morto di crepacuore il giorno dopo la scomparsa della moglie diletta.
    Moglie che naturalmente è sepolta nello stesso cimitero, questa è la lapide, di stile classicheggiante con il motivo in alto dell'Alfa e Omega, l'inizio e la fine.

    IMG_2149.JPG

    L'iscrizione:
    HIER RUHT
    SANTINA VON SCHOLL
    GEBORENE RESICH
    GEST. IM 52TEN LEBENSJAHRE
    DEN 2TEN SEPTEMBER
    1838
    DER GELIEBTEN MUTTER
    DIE TRAUERNDEN KINDER

    traduzione:
    Qui riposa
    Santina von Scholl
    nata Resich
    morta nel 52esimo anno di vita
    il 2 settembre 1838
    alla amata madre
    i figli addolorati

  5. #55
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Foto ricordo di ufficiali del Genio, sede di Verona, cortile interno degli uffici di Corso Porta Palio, verso il 1865, con al centro il Colonnello Tunkler.
    (cliccare sulle foto per ingrandirle)

    ufficiali genio tunkler 1865.jpg

  6. #56
    Utente registrato L'avatar di tank964
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Messaggi
    53
    Molto bello , grazie per averci fatto conoscere le storie di questi uomini d'altri tempi

  7. #57
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Citazione Originariamente Scritto da tank964 Visualizza Messaggio
    Molto bello , grazie per averci fatto conoscere le storie di questi uomini d'altri tempi
    grazie a te, Tank964, fa piacere che il mio modestissimo reportage sia gradito a qualcuno!

  8. #58
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    Altri ufficiali del Genio, Genie Direction di Verona, Ufficio delle Fortificazioni, ritratti verso il 1858-59.

    genieri.JPG

  9. #59
    Utente registrato L'avatar di Festungsartillerie
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Veneto - Verona
    Messaggi
    990
    A differenza del cimitero del Saval-Forte Procolo che avevamo visto nella prima parte, qui, nella più antica sezione militare presso il Cimitero Monumentale di Verona, non sembrano essere molti, in proporzione, i caduti in guerra. Mancano del tutto, in particolare, caduti nella guerra del 1859, ma questo si spiega con il fatto che molto probabilmente negli anni '50 dell' 800 il nuovo cimitero, inaugurato nel 1851, assorbiva da solo tutte le sepolture, mentre dai primi anni '60, come abbiamo visto, si tornò ad usare anche la vecchia sezione. Tutto questo perlomeno si basa sulle lapidi sopravvissute sino ai nostri giorni, c'è da considerare però che sicuramente molte saranno andate distrutte, disperse, trasferite alle nazioni d'origine del defunto dopo il passaggio del Lombardo-Veneto all'Italia, ecc.
    Non sono molti i caduti nemmeno della guerra del 1848-49, quando questo era ancora l'unico luogo di sepoltura per i militari asburgici.

    Una delle più alte personalità tra gli ufficiali caduti in questo conflitto e sepolti qui è Giovanni Nepomuceno di Leuzendorf, Tenente Colonnello dell' I.R. Reggimento di Fanteria no. 45, caduto nella battaglia di Santa Lucia il 6 maggio 1848.

    Avevamo dedicato un piccolo reportage a un monumento che segna il luogo dove cadde l'ufficiale, in periferia di Verona:

    In memoria d'un caduto della Battaglia di S. Lucia del 1848

    La sua lapide sepolcrale:

    IMG_2071.JPG

    La dedica, che ha la particolarità di essere in italiano, a differenza di quella dell'obelisco:

    QUI RIPOSA NEL SIGNORE
    GIOVANNI NEPOMUCENO CAVALIERE DELL'IMPERO
    DI LEUZENDORF
    TENENTE COLONNELLO NEL REGG. FANTI N.45
    CAVALIERE DELL'ORDINE CONSTANTINIANO DI S. GIORGIO
    MEMBRO DEGLI STATI DELLA STIRIA
    NATO IL 5 MAGGIO 1797
    MORTO SUL CAMPO DELLA GLORIA A S. LUCIA
    IL 6 MAGGIO 1848
    COMPIANTO DA SUA CONSORTE DESOLATISSIMA
    E DA TUTTI I SUOI COMPAGNI D'ARMI

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •