Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Il Corpo Militare dello SMOM

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    145

    Il Corpo Militare dello SMOM

    Immagine:

    26,43┬*KB


    Pochi, pochissimi conoscono forse la storia e le attivitÓ* di un Corpo ausiliario del nostro Esercito (del Regio Esercito prima e dell'E.I. dopo) che diede il suo prezioso contributo, nel campo dell`assistenza sanitaria, ai reparti in armi nel corso di tutti i conflitti cui l'Italia prese parte, dalla Grande Guerra ad oggi.
    E` una di quelle realtÓ* poco conosciute ma molto attive che offrirono uomini e mezzi con abnegazione e spirito di sacrificio per alleviare le sofferenze dei combattenti : Il Corpo Militare del Sovrano Militare Ordine di Malta.
    Questo intervento, che si avvale esclusivamente di materiale iconografico proveniente dall`archivio privato di un Ufficiale del Corpo, vuole rappresentare in forma monografica una presentazione e un arricchimento di una tematica uniformologica poco nota ma non per questo meno importante e stimolante.
    Aprire il Forum a nuove tematiche Ŕ motivo di prestigio per chi questi spazi sapientemente gestisce e motivo di soddisfazione per chi propone argomenti inusuali e affascinanti.


    IL CORPO MILITARE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE DI MALTA




    Immagine:

    132,64┬*KB


    Storia del Corpo Militare SMOM

    Il Corpo Militare SMOM Ŕ un corpo speciale ausiliario dell`Esercito Italiano che, rifacendosi nello spirito ai codici dell`antica cavalleria, persegue finalitÓ* di aiuto e di assistenza spirituale e sanitaria ai malati e feriti in guerra o nel corso di calamitÓ*.
    Il compito istituzionale del Corpo Militare SMOM prevede il suo intervento a sostegno del Corpo Sanitario dell`Esercito Italiano sia all`interno del territorio nazionale sia all`estero, ove operino contingenti delle Forze Armate italiane.
    Il 20 Marzo 1876 nasce la prima Convenzione tra lo Stato Italiano e il Sovrano Militare Ordine di Malta per la "Cooperazione con il Servizio Sanitario dell`Esercito in guerra".
    Il 29 gennaio 1877 viene costituito il Corpo Militare "con il precipuo scopo di provvedere all`assistenza sanitaria del malati e dei feriti in guerra". L`atto costitutivo fu suggellato da una convenzione firmata per l`Italia dal Ministro della Guerra, Generale Emilio Ferrero, e per l`Ordine di Malta dal Principe Mario Chigi.
    Una nuova Convenzione del 20 febbraio 1884 tra l`Ordine di Malta e il Ministero della Guerra determina le modalitÓ* di collaborazione in caso di mobilitazione dell`Esercito e definisce l`allestimento di treni-ospedale e di strutture sanitarie da campo.
    La stessa convenzione precisa che il personale del Corpo Militare SMOM mobilitato verrÓ* sottoposto, durante l`impiego presso le Armate, alle leggi e ai regolamenti militari e riceverÓ* idonea indennitÓ* giornaliera.

    Nel Dicembre del 1908 il terribile terremoto che sconvolge le due cittÓ* dello Stretto, Reggio e Messina, costituisce il vero banco di prova per il corpo Militare che nella circostanza impiega tutti i suoi mezzi sanitari, salvando centinaia di vite umane.
    Una "Baracca-Ospedale" capace di oltre 125 letti e completa di strumentazioni chirurgiche e di personale medico e infermieristico raggiunge la cittÓ* di Messina ove si provvede pure all`impianto di una cucina da campo che fornirÓ* gratuitamente tremila pasti al giorno alla popolazione rimasta senza casa. Due treni ospedale vengono adibiti al trasporto dei feriti dal campo di raccolta allestito a pochi km da Reggio fino a Roma.
    Per il suo tempestivo intervento e per i meriti acquisiti, S.M. Vittorio Emanuele III concede al Corpo Militare l`uso dell`uniforme grigioverde e delle stellette (circolare n. 156 del Giornale Militare Ufficiale del 9 aprile 1909).


    Immagine:

    134,62┬*KB


    Immagine:

    141,18┬*KB


    Il 28 maggio 1911 veniva inoltre conferita la Medaglia d`Oro per il terremoto calabro-siculo.
    Solo altre otto bandiere ebbero questa alta ricompensa: l`Arma dei Carabinieri, l`Arma del Genio, quattro reggimenti di Fanteria e due di Artiglieria.

    Con la Guerra di Libia (1911-1912) lo Stato Maggiore dell` Esercito chiede il supporto sanitario dello SMOM, assegnando al Corpo Militare la nave "Regina Margherita" che, trasformata e adattata a nave-ospedale, effettuerÓ* la spola tra Napoli, Palermo e i porti del Nord-Africa trasportando e curando a bordo migliaia di feriti.
    Il Corpo interviene ancora il 13 Gennaio 1915 in occasione del terremoto della Marsica che rade al suolo la cittÓ* di Avezzano.

    Nel 1915 l`Esercito si mobilitÓ* per la Prima Guerra Mondiale e con esso il Corpo Militare.Vengono mobilitati 4 treni ospedale, posti di soccorso di prima linea, Ospedali da campo e Ospedali territoriali. S.A.R. Tommaso di Savoia, Duca di Genova e Luogotenente Generale del Re emana il Decreto legge 29 Dicembre 1915 n.1950 con il quale "gli iscritti al Corpo Militare sono considerati militari a tutti gli effetti e sono soggetti, in ragione dl grado cui a norma di regolamenti si trovano equiparati, alla disciplina militare, sia nei rapporti tra loro, sia reciprocamente nei rapporti con i militari del Regio Esercito e della Regia Marina".
    Nel corso del conflitto i treni ospedale trasporteranno e cureranno a bordo ben 448.000 infermi, percorrendo 560.000 km per un totale di 641 viaggi. I posti di soccorso e gli Ospedali Territoriali cureranno circa 200.000 tra malati e feriti.


    Immagine:

    143,94┬*KB


    Immagine:

    152,6┬*KB


    Immagine:

    161,09┬*KB


    Al termine dell`immane conflitto tutte le unitÓ* del Corpo Militare venivano smobilitate.
    Il Generale Armando Diaz, Duca della Vittoria, Capo di Stato Maggiore del Regio Esercito invia il 16 Febbraio 1919 il seguente encomio al Corpo Militare :

    " Mentre i servizi delle benefiche Associazioni di soccorso, compiutasi con la vittoria e l`unitÓ* della Patria, si vanno smobilitando, mi Ŕ grato rivolgere a codesto Sovrano Militare Ordine di Malta, con pensiero memore, il commosso ringraziamento mio e dell` Esercito mobilitato. Fedele alle sue nobili tradizioni, codesto insigne Ordine ha portato, nell`aspra e vittoriosa guerra, un largo e apprezzato contributo di nobili intenti e di generose opere, ed ha provveduto, con l`ausilio dei ricchi mezzi onde Ŕ dotato, e con lo zelo e la fede dei suoi ufficiali e dei suoi militi, ad integrare l`opera delle unitÓ* sanitarie mobilitate, dando prova di rara sapienza, di organizzazione, di nobile slancio e di alto sentimento di fratellanza. E` pertanto con viva gratitudine ch`io porgo agli ufficiali e militi del Sovrano Militare Ordine di Malta, il fervido saluto dei combattenti d` Italia ".

    Il 23 Ottobre 1921 veniva concesso al Corpo Militare del Sovrano Ordine di Malta, l`uso di un labaro di modello analogo a quello stabilito per il Corpo Sanitario del Regio Esercito (R.D. n. 141
    Alcuni giorni dopo, veniva concessa al labaro la Croce al Merito di Guerra, con la seguente motivazione:

    " Per i servizi resi durante la guerra, per le prove sicure e continue di abnegazione, di ardore, e di elevato sentimento del dovere, e ovunque spiegate ,1915-1918 ".
    A questa Croce, andava ad aggiungersi una Medaglia d`Oro al Merito della SanitÓ*.


    Immagine:

    104,06┬*KB


    Il 10 Giugno 1940, allo scoppio del Secondo Conflitto Mondiale, il Corpo Militare - su determina del Capo di Stato Maggiore Generale ľ mobilita nuovamente tutti i suoi reparti ed interviene a fianco della SanitÓ* Militare con tutti i suoi uomini e mezzi, contribuendo in maniera sostanziale all`assistenza sanitaria con treni-ospedale, Ospedali da campo e ben 19 Ospedali territoriali.
    I treni ospedale si dimostreranno preziosissimi durante le campagne di Grecia, d`Albania, di Jugoslavia e di Russia trasportando migliaia di feriti ed ammalati dai vari fronti verso gli ospedali territoriali fornendo loro cure e assistenza sanitaria e rinnovando le nobili gesta di caritÓ* e soccorso spirituale profuse nel corso della Grande Guerra.
    Per l`opera prestata con estrema abnegazione durante gli avvenimenti bellici e per l`estremo sacrificio di molti Ufficiali, Sottufficiali e Soldati, il Labaro del Corpo Militare SMOM viene decorato sul campo con una Medaglia d`Argento, una di Bronzo ed una Croce di Guerra al Valor Militare, oltre a due Croci di Guerra al Merito, alla Medaglia d`Oro al Merito della SanitÓ* e alla citata Medaglia d`Oro per il terremoto Calabro-Siculo.



    Immagine:

    80,54┬*KB

    Immagine:

    101,18┬*KB

    Immagine:

    177,03┬*KB

    Immagine:

    136,68┬*KB

    Immagine:

    136,75┬*KB

    Immagine:

    106,93┬*KB

    Immagine:

    179,98┬*KB

    Immagine:

    182,79┬*KB

    Immagine:

    142,19┬*KB

    Immagine:

    185,39┬*KB

    Immagine:

    178,74┬*KB

    Immagine:

    170,5┬*KB


    Nell`immediato dopoguerra il Corpo Militare si occup˛, tramite una convenzione con il Ministero della Difesa, della riabilitazione dei reduci dalla prigionia, ai quali vennero successivamente aggiunte anche le vittime civili della guerra. Questa attivitÓ* impegn˛ duramente il Corpo Militare, vedendolo impegnato in ben 18 Ospedali Territoriali, sparsi ovunque nella penisola, per un totale di 5.485 posti letto, attivitÓ* che dur˛ fino al 1961.
    Nel 1947, al fine di scongiurare la demolizione di trentasei velivoli da trasporto S.M. 82 in dotazione all`Aeronautica Militare come previsto dalle clausole del Trattato di pace firmato il 17 Febbraio che prevedeva la drastica riduzione dei velivoli militari, su decisione del Ministro della Difesa italiana e del Capo di Stato Maggiore dell`Aeronautica gli aerei vengono ceduti allo SMOM che ne diviene formalmente il proprietario.
    La croce ottagona sostituirÓ* le insegne italiane garantendo l`intoccabilitÓ* dei velivoli, avvalendosi delle prerogative sovrane dell`Ordine, in quanto soggetto di diritto internazionale.
    Gli aerei verranno utilizzati dall`Ordine, con equipaggi dell` Aeronautica Militare Italiana e voleranno con le insegne dell` Ordine di Malta fino al 1956, impiegati in ogni tipo di emergenza e in ogni tipo di pubblica calamitÓ*. Arriveranno fino in Marocco, in occasione del terremoto di Agadir.


    Immagine:

    188,81┬*KB


    Il Corpo Militare interviene in soccorso delle popolazioni colpite da calamitÓ* naturali nel 1971, in occasione del terremoto di Tuscania, nel 1976 in occasione del terremoto del Friuli e nello stesso anno in occasione dell`alluvione del Polesine con l`allestimento di un campo profughi a Calambrone, presso Pisa.


    Immagine:

    171,72┬*KB

    Immagine:

    184,96┬*KB


    Negli ultimi decenni il Corpo Militare opera in occasione del terremoto dell`Irpinia nel 1980 e del terremoto che colpisce l`Umbria e le Marche nel 1997.
    Nello stesso anno il Corpo Militare assicura l`assistenza sanitaria al campo profughi di Cassano Murge (BA) impiegando 30 tra Ufficiali medici e personale di assistenza e assistendo 4 posti di soccorso con ambulanze, shelters sanitari e tende.
    Nel 1999 Ŕ intervenuto presso il campo profughi di Crotone allestendo 2 posti di soccorso e di guardia medica e 6 ambulatori specialistici ed effettuando centinaia di interventi di primo soccorso, pediatrici, ostetrici-ginecologici, cardiologici, odontoiatrici, urologici.
    Dal 1992 al 1998 ha effettuato interventi a favore dei Paesi dei Balcani con l`invio di autocolonne di rifornimenti che trasportano viveri, vestiario e materiale sanitario, spesso sotto il fuoco delle fazioni belligeranti. Per questi interventi Ŕ stata conferita al Corpo la Medaglia della Nato.

    Con Legge 2 agosto 1999 n. 276, in riconoscimento dei suoi meriti di guerra ed in pace, il Corpo Militare ha avuto assegnata la Bandiera di Guerra in sostituzione del vecchio Labaro.
    Il 19 maggio 2000 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, alla presenza di S.A.E. Fra Andrew Bertie, Gran Maestro dell`Ordine, nel corso di una cerimonia svoltasi presso la Scuola di Fanteria di Cesano (RM), ha consegnato al Corpo Militare la Bandiera di Guerra, madrina la Signora Laura Ambrosio, sorella del Ten. Vincenzo Ambrosio, Medaglia d`Oro al V.M. caduto sul fronte greco-albanese nel 1942.
    Nel 2001 la Bandiera del Corpo Militare viene decorata di Medaglia d`Oro al Valore dell`Esercito e della Medaglia d`Oro al Merito Civile.


    Organizzazione attuale del Corpo Militare SMOM

    Attualmente il Corpo Militare dispone di un treno sanitario con tutte le apparecchiature diagnostiche di un moderno ospedale, una carrozza chirurgica, comprensiva di reparto anestesia e rianimazione, una carrozza day-hospital, una carrozza polivalente (conferenze, refettorio e cappella), una carrozza cucina e magazzino, una carrozza con generatore di corrente che rende il convoglio completamente autonomo.
    Il Corpo dispone inoltre di un`autocolonna sanitaria composta da automezzi da ricognizione, autocarri medi, shelters e ambulanze per il trasporto di feriti e malati. All`interno di ogni shelter figura un ambulatorio di circostanza : chirurgia d`urgenza, ortopedia, cardiologia, pediatria, ginecologia, otorino e oculistica.
    L`organico del Corpo Militare prevede un`aliquota di militari in servizio permanente effettivo, istituita come nucleo permanente di mobilitazione composta da Ufficiali, Sottufficiali e Truppa amministrati dal Ministero della Difesa con lo stesso trattamento economico dei pari grado dell`Esercito.
    Il personale volontario Ŕ distinto nel Ruolo Speciale e Ruolo Normale.
    Al primo appartengono tutti i volontari che hanno ancora obblighi verso l`esercito Italiano, al secondo appartengono o transitano coloro che non hanno pi¨ tali obblighi.
    Il personale volontario viene richiamato in servizio con apposito precetto per esigenze di esercitazione, aggiornamento, emergenze e guerra. All`atto del richiamo in servizio i volontari acquisiscono lo status di militari a tutti gli effetti e sono soggetti al regolamento di disciplina e ai codici militari di pace e di guerra.
    Il personale del Corpo Militare SMOM afferisce a tre distinti Reparti opportunamente decentrati sul territorio italiano :

    Il 1░ Reparto con sede in Milano presso la caserma del Reggimento di Artiglieria a Cavallo, con giurisdizione per l`Italia settentrionale fino al fiume Po.

    Il 2░ Reparto con sede a Roma presso la caserma "Artale" sede della Scuola di SanitÓ* e Veterinaria Militare, con giurisdizione fino all`Abruzzo, compresa la Sardegna.

    Il 3░ Reparto (attualmente in costituzione) con sede a Napoli, avente giurisdizione per l'Italia meridionale e Sicilia.

    Infine, a Teramo, Ŕ operativo un distaccamento d`emergenza del secondo Reparto dotato di mezzi e moderne strutture sanitarie.

    Il Comando Generale del Corpo Militare SMOM si trova in Roma, presso la Scuola di SanitÓ* Militare alla Cecchignola.


    <center></center>Immagine:

    49,38┬*KB
    " .... il comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltÓ alle spalle! "

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    145
    Un piccolo quesito...... qualcuno mi sa dire chi Ŕ il personaggio che appare di spalle, con elmetto nero lucido, al quale in una dele foto i Reparti rendono gli onori....???
    " .... il comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltÓ alle spalle! "

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    LocalitÓ
    italia
    Messaggi
    2,046
    ......maestoso FANTE, bellissimo il topic, a parte le congrue notizio sull'ordine,
    ma Ŕ un album eccezzionale dal punto di vista uniformologico, cura e particolari degne di un museo privato, condizioni di conservazione ineccepibili, per il quesito? ma Ŕ lui, S.E.BENITO, non metto il cognome se no mi castigano.
    ...l'altro immediatamente dietro, dovrebbe essere quel nostro conterraneo, tale Storace, Starace, qualcosa di simile.
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Messaggi
    234
    Ciao, apro solo ora questa bellisssima pagina.
    COMPLIMENTI!!!!!!
    Ottimo testo e ottime foto, per cui giunge immediata una riflessione, che rilancio a Fante e a Denis sotto forma di proposta.
    Invece di mantenere questa iniziativa come topic, non sarebbe il caso di trasformarlo in un articolo da mettere in home page?
    Credo che meriti questa e altra visibilitÓ*...
    Contrairement a beaucoup, entre la graisse dĺarmes et la vaseline, je prÚfŔre la graisse dĺarmes

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    LocalitÓ
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Condivido in pieno quanto scritto dal mio predecessore..interessantissima pagina.
    corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte pi¨ alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    145
    Signori, grazie a voi tutti! Ho fatto presente agli amministratori l'opportunitÓ* di aprire, all'interno del Forum, uno spazio dedicato alle monografie, ad argomenti dai quali sia poi possibile attingere per approfondimenti partendo da pezzi che magari sono nelle nostre collezioni.
    Naturalmente le monografie riguarderanno temi poco comuni, particolari, originali, qualcosa che induca il lettore a dire "Accidenti, non ne avevo idea, non ne conoscevo affatto l'esistenza!" cone credo possa essere per i pi¨ l'argomento da me proposto. Comunque vediamo cosa succede, per ora grazie a tutti per i vostri commenti e.....alla prossima!!!
    " .... il comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltÓ alle spalle! "

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    321
    Bel topic Massimo!
    Baytown 1943 - Marcello

    "O, God, Thy sea is so great and my boat is so small"

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    145
    Un caloroso BENVENUTO all'amico Baytown1943 (che spiegherÓ*, a chi non lo conosce, il significato del suo nick...!), collezionista serio e studioso scrupoloso e attento!
    Il suo contributo al Forum sarÓ* prezioso e pertinente in ogni campo!!!
    Buon lavoro Marcello!!! Fante.
    " .... il comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltÓ alle spalle! "

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    321
    BontÓ* vostra! Grazie per le belle ma immeritate parole.

    Per quanto riguarda il nick "Baytown"... Beh, Ŕ il nome dato alla prima operazione di invasione della penisola italiana. Lo sbarco avvenne a Reggio Calabria il 3 Settembre del 1943. L'evento Ŕ pressochŔ ignorato in Italia, ma in Inghilterra, come si vede dall'immagine tratta dalla mia collezione, evidentemente no.


    Baytown 1943 - Marcello

    "O, God, Thy sea is so great and my boat is so small"

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2006
    LocalitÓ
    Campania
    Messaggi
    239
    interessantissimo l'articolo e le foto............ ma ci vuole un p˛ di rispetto in pi¨ per Achille Starace, prima o poi noi collezionisti di militaria dovremmo erigergli un monumento: dalla sua inventiva sono stati partoriti uniformi, cappelli, fregi di grande bellezza e che tutti abbiamo desiderato di avere
    "Il proverbio lo dice: canem in chiesa nicht f˛rtuna!"

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB Ŕ Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] Ŕ Attivato
  • Il codice [VIDEO] Ŕ Disattivato
  • Il codice HTML Ŕ Disattivato