Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: il fuciletto del marchese

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di cipolletti vincenzo
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1,863

    il fuciletto del marchese

    nella pletora di costruttori di armi belgi, questo de prez senza nome,
    solo cognome, ha operato dal 1843 al 1850.l'arma calibro 11 era
    sicuramente di un nobile vista la fattura esemplare e i legni pregiati.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Friuli-Venezia Giulia (Gradisca d'Isonzo)
    Messaggi
    358

    Re: il fuciletto del marchese

    Questo è un vero gioiello.
    un opera d'arte da conservare con cura e rispetto per la qualità* delle lavorazioni e per la tipologia dell'arma.
    il calcio è splendido , in special modo la zigrinatura , che per me rimane un mistero per come venisse realizzata all'epoca.

    una domanda però... hai avuto il coraggio di provarlo?
    io lo farei subito
    audaces fortuna iuvat

    [hiddenlink:1fv1f2vd]http://caffettiere.blogspot.com/[/hiddenlink:1fv1f2vd]

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: il fuciletto del marchese

    Che bel giocattolino Vincenzo. le condizioni sono ottime poi considerando che usava inneschi corrosivi e polvere nera. Si vede che il Marchese lo faceva pulire bene.
    Per Lux.
    La zigrinatura veiva fatta a mano con appositi strumenti riga per riga. Nelle armi fini lo si fa ancora oggigiorno ma una volta lo si faceva per tutte.
    Naturalmente più fine era la zigrinatura migliore doveva essere la mano.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Friuli-Venezia Giulia (Gradisca d'Isonzo)
    Messaggi
    358

    Re: il fuciletto del marchese

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Che bel giocattolino Vincenzo. le condizioni sono ottime poi considerando che usava inneschi corrosivi e polvere nera. Si vede che il Marchese lo faceva pulire bene.
    Per Lux.
    La zigrinatura veiva fatta a mano con appositi strumenti riga per riga. Nelle armi fini lo si fa ancora oggigiorno ma una volta lo si faceva per tutte.
    Naturalmente più fine era la zigrinatura migliore doveva essere la mano.
    Ciao
    Andrea
    grazie Andrea. hai forse una foto dell'attrezzo o sai come si chiamasse?
    voglio zigrinare due guancette ma non so da dove cominciare
    audaces fortuna iuvat

    [hiddenlink:1fv1f2vd]http://caffettiere.blogspot.com/[/hiddenlink:1fv1f2vd]

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: il fuciletto del marchese

    Davvero bellissimo, intarsi e incisioni di pregio. Ottima lavorazione e ottime condizioni. Complimenti

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: il fuciletto del marchese

    Ciao Cipolletti, veramente un bel pezzo! Mi piacerebbe però capire una cosa. Sappiamo che Colt brevettò il tamburo rotante nel 1836 e che quindi per quindici anni (1851) nessuno, almeno in teoria, avrebbe potuto costruire niente di simile. Se questo costruttore belga ha operato dal 1843 al 1850, come può aver prodotto un'arma con il sistema Colt? Anche se sappiano che i belgi non si curavano molto dei brevetti stranieri qualcosa non mi quadra.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046

    Re: il fuciletto del marchese

    ....molto molto bella, deliziosamente rifinita, ben conservata, mi risultano prodotte in belgio colt navy di uguale foggia all'originale, probabilmente il
    brevetto in quegli anni era riferibile solo al paese di origine. complimenti al marchese. Sal

    Ps non trovo termini tecnici per descrivere l'attrezzo per le zigrinature che ho visto usare da vecchi armieri per il ripasso delle stesse, è una specie di sgorbia fatta di lame a punti su varie linee a seconda la larghezza degli zigrini.
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di cipolletti vincenzo
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1,863

    Re: il fuciletto del marchese

    Citazione Originariamente Scritto da savoia1948
    ....molto molto bella, deliziosamente rifinita, ben conservata, mi risultano prodotte in belgio colt navy di uguale foggia all'originale, probabilmente il
    brevetto in quegli anni era riferibile solo al paese di origine. complimenti al marchese. Sal

    Ps non trovo termini tecnici per descrivere l'attrezzo per le zigrinature che ho visto usare da vecchi armieri per il ripasso delle stesse, è una specie di sgorbia fatta di lame a punti su varie linee a seconda la larghezza degli zigrini.
    grazie mi fa piacere che a qualcuno e' piaciuta.

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    196

    Re: il fuciletto del marchese

    Citazione Originariamente Scritto da kanister
    Mi piacerebbe però capire una cosa. Sappiamo che Colt brevettò il tamburo rotante nel 1836 e che quindi per quindici anni (1851) nessuno, almeno in teoria, avrebbe potuto costruire niente di simile. Se questo costruttore belga ha operato dal 1843 al 1850, come può aver prodotto un'arma con il sistema Colt? Anche se sappiano che i belgi non si curavano molto dei brevetti stranieri qualcosa non mi quadra.
    I belgi e gli spagnoli non si curavano proprio dei brevetti altrui! :-)
    E comunque mi pare limitante restringere l'attività* di Deprez entro il 1850.
    Quella è solo la data entro la quale ha presemibilmente lavorato senza inserire, oltre al cognome, il nome o l'iniziale.
    Ma la data è solo indicativa, perchè i Deprez hanno lavorato almeno fino al 1905:
    http://www.littlegun.be/arme%20belge/ar ... z%20fr.htm
    Mi pare inoltre necessario considerare anche Jean Mathieu Deprez Joassart, che è stato autore di almeno un brevetto nel campo dei revolver (percussione centrale nel 1872), ed anche lui, a quanto posso vedere dalle foto del revolver, punzonava "Deprez":
    http://www.littlegun.be/arme%20belge/ar ... t%20fr.htm

    Insomma... ci sono più cose in cielo ed in terra di quante non ne possa vedere la tua filosofia, Orazio :-)

  10. #10
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858

    Re: il fuciletto del marchese

    veramento bello !!! bravo Vincenzo !
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato