Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 14 di 14

Discussione: Il mio nuovo M42

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di miramarco
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Verona
    Messaggi
    408

    Re: Il mio nuovo M42

    Grazie Piesse, sei stato molto chiaro, ma non riesco a capire il discorso della cinghia che ha accennato "franzroma".

    Marco

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: Il mio nuovo M42

    Citazione Originariamente Scritto da miramarco
    Grazie Piesse, sei stato molto chiaro, ma non riesco a capire il discorso della cinghia che ha accennato "franzroma".

    Marco
    Penso che si riferisca a questi segni:

    [attachment=0:2ed7d19b]DSC03455.JPG[/attachment:2ed7d19b]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #13
    Utente registrato L'avatar di franzroma
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    2,446

    Re: Il mio nuovo M42

    Ciao Piero, a me sembra strano che uno o più elmi appoggiati sopra uno con vernice fresca (stesa a pennello) possono creare un simile solco all'elmo sottostante, perchè dalle foto questo segno sembra abbastanza "profondo" e netto, e forma una sorta di scalino troppo definito ed evidente, se relazionato al tempo , credo molto breve , in cui è stato in questa condizione.

    invece , ho potuto osservare in prima persona nella collezione di un'amico che tiene diversi elmi impilati, che dopo alcuni anni riportano questo segno, anche se molto meno netto ed evidente di questo 42 ma cmq chiaramente distinguibile.

    poi nelle foto d'epoca dove si vedono centinaia di elmi tedeschi catturati e conservati nei magazzini americani e canadesi, si posso distinguere anche gusci, ed molti elmi senza cuffia. se uno di questii elmi con solo in cerchio viene posizionato sopra un'altro , la pressione del bordo crea uan forza di taglio che può provocare questa tipologia di segni.

    la cosa che a me sembra un pò strana è che la sommita della calotta (foto 4) non riporta segni d'usura, è candida e con ancora tutta la vernice, possibile che l'elmo non ha mai sbattuto o non si è graffiato al fronte in epoca bellica? o negli immediati anni successivi quando noi collezionisti non eravamo ancora in circolazione?

    nulla è impossibile , però questo è un l'elmo con vocazione combat, non è un 40 o 35 che è rimasto impacchettato in caserma, pertanto mi resta un pò difficile immaginarlo. tantopiù che la vernice mimetica di norma tente a rovinarsi abbastanza facilmente se è data a spruzzo, per questo motivo facevo notare che basta metetrci su una cinghia con la massima attenzione e comunque la vernice ti si rovina e ti si graffia, come Giancarlo ha evidenziato in foto.

    per le ragioni che ho sopra esposto, a me il mimetismo non piace molto, però siccome il resto dell'elmo mi sembra ok, lo schema mimetico non è inedito perchè di elmi cosi se ne sono visti diversi negli ultimi anni (alcuni buoni altri meno) , la patina generale sembra genuina; sarebbe opportuno analizzarlo in dettglio con una visione dal vivo.
    francesco / nachtjager44 / franzroma

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di miramarco
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Verona
    Messaggi
    408

    Re: Il mio nuovo M42

    Come in precedenza le tue osservazioni sono giuste, ma le foto non rendono giustiza.
    La calotta non è molto rovinata , ma cè anche da dire che nei punti verniciati di verde si nota di meno l'usura , al contrario nelle zone verniciate di colore ocra o giallo sabbia.

    Marco

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •