Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: IL SENSO DELLO STATO

  1. #11
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,396
    Cari ragazzi quoto in pieno quano detto da tutti voi e ringrazio Valchiria che ha avuto il coraggio di esprimere un sentimento di appartenenza alla Stato "REPUBBLICA ITALIANA" che ai più sembra un assurdo. Anch'io pur non avendo giurato di persona (ovviamente ero di servizio !) sono stato educato al rispetto dei valori e della bandiera che invece viene esposta solo per i mondiali di calcio.
    Ho preferito esprimere il mio parere in questo post e non in quello specifico sul 2 Giugno di Valchiria perchè avevo l'impressione che lì la discussione potesse trasalire.
    Tutt'ora nel mio essere educatore dei ragazzi in parrocchia cerco di farli crescere come persone complete e cittadini coscienti.
    Un saluto a tutti, con un abbraccio particolare a Centerfire che ha svolto il servizio militare come me a San Giorgio a Cremano. Sfortunatamente la mia qualifica sanitaria (C4) non mi ha permesso di ottenere nessun grado nonostante la richiesta del mio comandante di battaglione. Ovviamente il tutto si perde nella notte della memoria il lontano 1985.
    sven hassel
    duri a morire

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266
    Condivido i vostri sentimenti però devo dire che per volerle bene a questa Repubblica a volte mi devo un poco sforzare. Le voglio bene quando i suoi cittadini importanti o sconosciuti che siano fanno si che mi senta Italiano ed orgoglioso di esserlo , le voglio un poco meno bene quando questa repubblica si comporta da italiana rovinandomi la gioia precedente.
    Bisogna però dire che io di mio sono abbastanza severo nei giudizi, anche verso me stesso.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    148
    Io sono sempre stato orgoglioso di essere italiano ma negli ultimi 10 anni questo sentimento si è un pò affievolito. un risentimento non dovuto alla politica beninteso (poco m'importa chi governi se lo fa con coscienza e nell'interesse della Patria) quanto alla totale mancanza di educazione civica , sociale e storica della maggior parte degli italiani.
    Sono orgoglioso del passato sia remoto che recente ma non del presente e non ho molta fiducia nel futuro.... come dicono gli americani 'in god we trust' ... speriamo bene
    Marco

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    255
    Buon giorno a tutti!

    .........ragazzi.....ma avete provato anche a considerare il concetto di Patria Repubblicana anche al di fuori del "Lo Giuro!" ?

    Io lo intendo in senso molto più ampio, non ristretto alle FF.AA che vi ricordo sono un semplice strumento nelle mani di chi governa........con tutto ciò che ne comporta......

    Posso non condividere alcune scelte o modus operandi e fortunatamente posso esprimere il mio eventuale giudizio contrario, certo non siamo a i livelli di altre società* repubblicane, ma siamo una Repubblica giovane, e siamo nella fase di svecchiamento della classe politica.......

    Il 2 giugno non è la festa delle FF.AA, è la festa di tutti noi cittadini di una Repubblica libera e democratica, con tutti i suoi pregi e difetti!

    W LA REPUBBLICA!!!!!

    Un saluto!
    Ivano

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    2,060
    Discussione interessante e difficilmente restringibile nell'ambito delle poche righe di un post.
    Fa piacere e scalda il cuore sapere che nel 2008 vi siano ancora persone come Valchiria (che mi pare di capire indossi una divisa) animate da valori così puri, che già* nei primi anni '90 pensavo ormai andati perduti. Ho sempre pensato che servire lo Stato e le sue Istituzioni debba essere una vocazione ed una missione e non una scorciatoia di comodo per sbarcare il lunario ed avere il posto fisso. Detto questo, quoto Viper sul discorso dell'educazione civica del cittadino. Bisogna insegnare alla gente ad amare la propria Patria ed il rispetto verso chi la difende/tutela, responsabilizzando i cittadini in primis.Bisogna ricreare un rapporto di fiducia, non attraverso quelle becere serie TV che caricaturizzano e ne fanno delle macchiette da soap opera, ma con una presenza sul territorio pari da Nord a Sud,certezza della pena per chi sbaglia e protezione per chi ne ha bisogno (mettendo chi opera sul territorio in condizioni di poterlo fare attraverso decisioni politiche un po meno alla Don Abbondio).
    Mi pare che questo amor patrio oggi sia andato un poco perso , forse perchè oggi si danno per scontate molte cose,ma in questo momento di profonda crisi del Paese forse farebbe bene riscoprirlo. Mi capita spesso di parlare con giovani "neo-italiani", cioè stranieri che sono diventati nostri concittadini, e mi stupisce come per loro, che questo diritto se lo sono guadagnato a tutti gli effetti con il duro lavoro, vi sia un senso civico molto più sviluppato che in tanti altri italiani per nascita.
    Detto questo, vado a preparare la bandiera che già* mio nonno esponeva sul balcone dal 1953 fino agli ultimi suoi giorni, metto la birra in frigo e programmo il videoregistratore per la Parata: altro che concerti del primo maggio, partite di pallone e amenità* varie [}]

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    78
    Circa il giuramento lo feci nel lontano 1982 al 107° corso AUC prima e come ufficiale poi. Lo sentivo e lo sento.
    Cos'è l'amor di Patria? un aneddito. All'età* di 13 anni mi portarono quasi casualmente al Sacrario militare di Redipuglia. Mi ricordo, tra le altre cose, la ensazione che provai: mi vergognai di esser vivo.
    Con gli anni, le cose mutano. Anche i sentimenti. E' cambiata la forma ma, ma, l'amore rimane.
    Ma che cowa è l'amore di Patria? Sono tante cose insieme che è difficile dire. Perchè amiamo i nostri genitori, che magari ci hanno trattato duramente e/o ingiustamente? Perchè i genitori amano figli degeneri?
    Mio papà*, con i suoi silenzi su certe cose, mi ha insegnato una grande verità*: certe cose non si dicono. Si sentono.
    Bè, ora ho le lacrime agli occhi. Ed ho 47 anni, ed ho tutto dalla vita. Però, però, ho questo amore che è come una brace, mai sopita.
    Brava valchiria.

    . Ed ora si manifesta nell'impegno come volontariato nella vigilanza ambientale
    Davide
    "La guerra non è questione di fortuna" - Federico il Grande

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •