Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 47

Discussione: Inertizzazioni estere, cosa fare???

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053

    Inertizzazioni estere, cosa fare???

    Salve a tutti
    Potreste sedare un dilemma che mi assilla da qualche tempo???
    Se uno acquista un arma inertizzata, all'estero, e la porta in Italia può incorrere in qualche grana??? sopratutto se l'arma in questione è inertizzata in modo totale, cioè l'unica cosa estraibile è il caricatore???
    Sicuro che saprete darmi una risposta vi ringrazio anticipatamente e porgo i piu cordiali saluti

    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Sulle armi prese all'estero c'è il rischio delle dogane(specialmente se si compra in America)ed in tale caso si può andare dal sequestro dell'oggetto a multe salate(dubito si arrivi alla galera)per il proprietario.I caricatori devono essere privati delle due "alette" che bloccano i colpi e non deve essere possibile il movimento sù e giù della molla con carrelletto interno al caricatore.In pratica deve essere termosaldato vicino a dove vengono asportate(nei casi migliori mutilate)le alette.
    Ciao!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Ciao, attualmente la Legge italiana afferma principi precisi ed estremamente restrittivi in materia.
    Non sono esperto, ma so che la questione ce la poniamo tutti ad intervalli regolari...
    Penso che, applicando del cinico realismo, la domanda potrebbe anche essere:
    <font color="blue">CHI e COME si può importare regolarmente in Italia
    inertizzazioni estere, per poi
    "regolarizzare" il tutto secondo le vigenti normative?</font id="blue">
    Non inorridire, credo sia l'unica via praticabile.

    Probabilmente lo possono fare solo alcuni operatori autorizzati. Ma dopo la "regolarizzazione" i prezzi diventano i soliti, cioè improponibili per molti.

    Su un noto sito online di armi & giurisprudenza è riportata una sentenza (mi pare Tribunale di Bolzano) che forse potrà* aiutare.
    Riguardava una inertizzazione tedesca.
    Ma c'è stato un processo di mezzo...te la sentiresti?

    Per quanto mi riguarda, ho un disattivato inglese con certificato acquistato(in Italia)nel 1993 (più o meno il Mesozoico), e per stare tranquillo ho posto di recente la questione ad un noto esperto.
    La risposta è stata confortante, e ne conservo gelosamente copia. Però parliamo di un qualcosa fatto nel 1993.
    Una curiosità* a margine: pur senza essere massacrata, alla fin fine una inertizzazione inglese del 1993 è meno "divertente" di una italiana del 1994. In pratica, se scarrelli poi ci perdi 2 minuti a risistemare il tutto.
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Ah..immagino che, se ti dovessero prendere in dogana,
    ti porterebbero subito in gattabuia.


    Indubbiamente la rarità* di certi pezzi (soprattutto italiani)
    fa salire i prezzi, ma so che ben più di una persona
    ha scelto di "scioperare" contro questo andazzo.
    Una disattivata che costa come un'auto usata...beh dai, insomma...
    [xx(]
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Chiedevo perchè qui in Italia i prezzi sono proibitivi e si trova poca roba, come ampiezza di articoli, mentre vai all'estero e trovi una vasta gamma di oggetti a prezzi piu accessibili e quindi la tentazione viene, e forte!!!
    solo che al pensiero di un possibile sequestro dell'oggetto, di una multa salata e, nella peggiore ipotesi, una visita alle patrie galere viene da rifletterci sopra non una, non due, ma almeno cinquanta volte.
    Boh, resto aperto a qualsiasi opinione e/o suggerimento in materia.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Sì hai ragione Die Nadel, occorre l'illuminazione, ma mi pare di capire che dall'estero arrivano in Italia armi per essere "messe in regola".

    Naturalmente l'interesse può salire quando ti senti dire che di armi italiane, oltre confine, ne girano abbastanza da accontentare tutti...però...se fosse vero...qualcosa si muoverebbe, no?
    [ciao2]
    Immagine:

    41,69*KB
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    446
    In Italia per disattivare un'arma "comune" occorre avere la licenza di fabbricazione armi comuni , per disattivare un arma " da guerra" occorre avere la licenza di fabbricazione armi da guerra ... riterrei che per importare armi da guerra già* disattivate all'estero in maniera "meno invasiva" sia necessaria la seconda .... ovviamente importazione che deve essere seguita dai maggiori interventi richiesti quì nel bel paese ...
    Die Nadel , se proprio ci tieni rientra in Italia pasando dalle parti di Bolzano ... è difficile che lo stesso Tribunale cambi orientamento ....

    Tenete presente anche due cosette :
    1) le circolari italiane prescrivono le operazioni che chi ha i titoli (licenze di fabbricazione) deve eseguire per disattivare un arma , non come debbano essere le armi disattivate presenti sul patrio suolo ... è leggermente diverso... fermo restando il discorso "detenzione parti (essenziali) di arma da guerra"
    2) le circolari italiane hanno disposto interventi sempre più "pesanti" ... ma non avevano ne avrebbero potuto avere efficacia retroattiva ... ergo un'arma disattivata del 1990 non deve soddisfare i requisiti imposti nel 2002 (a prescindere poi da quanto al punto 1) ....

    morale : fatevi 'sta licenza di fabbricazione e non pensateci più [ciao2][]

    axel 1899

    PS ... mi è capitato di vedere recentemente una arma disattivata in Francia , con regolare certificato francese, ed allegata traduzione dello stesso asseverata da un Tribunale italiano... interessante ... a mio parere l'aver tradotto il certificato francese non serve ad alcunchè ma mi fà* specie che l'ufficio che ha asseverato la traduzione non si sia posto il problema...

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Mah, personalmente preferisco tenermi a debita distanza da tribunali, centrali delle varie forze dell'ordine nonchè le patrie galere, quindi mi sà* tanto che bisognerà* stare zitti e prenderselo in quel tal posto, per cosi dire;
    però mi cascano le braccia, e qualcos'altro, a spendere cinquecento marchi per un oggetto che in inghilterra la trovi alla metà* e oltretutto vorrei fare una domanda non inerente all'argomento, ma sul sito de Ilanzi c'è sul foglio d'ordine una parte che non capisco, verso la fine chiede che licenza uno ha per le armi, ma il sito vende prevalentemente inertizzati quindi la domanda è, ci vuole una qualche licenza e/o permesso per comprare e detenere delle armi inertizzate???

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Come si fa ad ottenere tale licenza,Axel?
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053
    Nessuno sa darmi una risposta alla domanda???

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato