Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 24

Discussione: ita WW1 305

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: ita WW1 305

    Ciao Churchill, la granata è italiana, te lo dico perchè a quanto pare ancora non te lo ha detto nessuno!

    Senza corona di forzamento, punto di forza di una granata, collezionisticamente parlando, secondo me il prezzo si deve almeno dimezzare. Almeno!

    Probabilmente in giro di questi 305 se ne trovano, ma non in vendita, ma lanciati, piantati e carichi!!!

    Un 305 ha sempre il suo bel perchè, il suo fascino. E' solo una questione di soldi e di tipo di collezione. Ricordo di avertelo già* detto in un'altra occasione.

    Ciao
    ermanno

  2. #12
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: ita WW1 305

    Grazie Teller..

    Io, e' il primo che vedo e, sinceramente, non sapevo nemmeno che l'italia avesse pezzi da 305...

    Colpa mia, ovviamente....

    Pensavo che ci fosse solo lo skoda austriaco o pezzi italiani da Marina.

    Cosa sparava questo proietto?
    Quale gittata aveva?
    Quale carica?

    Grazie, ancora.

    sandro

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: ita WW1 305

    Citazione Originariamente Scritto da churchill
    Grazie Teller..

    Io, e' il primo che vedo e, sinceramente, non sapevo nemmeno che l'italia avesse pezzi da 305...

    Colpa mia, ovviamente....

    Pensavo che ci fosse solo lo skoda austriaco o pezzi italiani da Marina.

    Cosa sparava questo proietto?
    Quale gittata aveva?
    Quale carica?

    Grazie, ancora.

    sandro

    'mmazza quante domande. Il guaio è che non ti ha risposto nessuno.

    Il mortaio da 305/17 che lanciava quel tipo di proietti è questo:
    [attachment=0:3qh0aiva]mortaio_305-17.jpg[/attachment:3qh0aiva]
    (foto tratta dal web)

    La gittata massima si poteva ottenere con la granata più leggera ed era di 14.600 m.

    La carica di lancio era composta di balistite in sacchetti e andava da un minimo di 14,160 kg ad un massimo di 27 kg.

    Comunque se cerchi qualche libro sull'argomento non faresti male.

    Ciao
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    ermanno

  4. #14
    Moderatore L'avatar di Waffen
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    3,111

    Re: ita WW1 305

    Che cannone! Io fossi in te, se il prezzo è buono me lo prenderei subito!
    kappa

  5. #15
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: ita WW1 305

    parlando, terra-terra, e ringraziando Teller e Waffen,

    direi:

    Ammazza che Mortaio!!!!!!!

    mai visto prima, un pezzo che non oso pensare quanto pesasse, anche se montato in loco.

    In confronto lo Skoda sembra minuteria, questo ha una corazza enorme.

    Il pezzo, sembra il venditore, collezionista di Austria-ungheria, non lo voglia, comunque cedere,

    per forzare la mano credo si superino certe cifre ed, anche potendolo, non lo farei per principio.....

    Leggete la notizia sulla Somalia di oggi....... (Il Foglio).

    Non e' demagogia, ma, realismo, spero.

    Grazie mille a tutti gli amici che mi hanno consigliato ed hanno dedicato momenti del loro tempo per essere d'aiuto.

    Di cuore.

    ch

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    934

    Re: ita WW1 305

    la corona sarebbe il problema minore credo, ho visto più di un colpo di calibri "grossi" con la corona di forzamento rimessa, come se non fosse mai stato sparato e passato per la volata, anche perchè i recuperanti fregavan via subito il metallo monetizzabile quando li trovavan al fronte inesplosi, quando non lo facevan gli stessi soldati per ordini superiori.
    Sicchè se da un lato l'incompletezza ne abbassa il prezzo, dall'altra è un bene per l'acquirente, che con poche decine di euro potrebbe farsene confezionare una nuova in fonderia, intonsa e senza rigature

  7. #17
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: ita WW1 305

    Caro g.d.f,

    ti ringrazio del consiglio..

    E' colpa mia, lo ammetto, ma non vorrei mai qualcosa di "ricostruito".

    Ovviamente, se non esiste alcuna traccia di un pezzo, accetto,

    se ne esistono, e, Teller, conferma esisterne, pezzi simili (ti premetto che nessuno conosce se e dove si trovino ed io stesso conosco Teller solo per forum.).

    Abbassa il prezzo, ma non e' piu' lui....e' ricostruito, riverniciato.
    ma questa e' una mia opinione, che autorizzo a definire "fissa"...


    Come tutte le cose da scavo e/non, c'è chi le vorrebbe come nuove, magari usando aceto sul rame, per renderlo rosa.

    Pensa che mi sono arrabbiato per aver preso Adrian tenuto su una busta della spesa......

    puo' ammaccarsi...


    Mea culpa, lo ammetto, ma se acquisto, lo conservo come la reliquia di S. Antonio, perche' non e' piu' cosi' facile reperire certi pezzi.

    Per la cifra proposta, visto che non vi sarebbe acquirente alcuso se, un giorno, decidessi di disfarmene,

    credo nessuno possa avanzare migliori proposte,
    pur bello il pezzo, pur raro, il prezzo lo fa' la domanda e, attualmente, la domanda e' bassa.

    Ch

  8. #18
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Località
    Venezia
    Messaggi
    1,063

    Re: ita WW1 305

    Citazione Originariamente Scritto da GDF
    la corona sarebbe il problema minore credo, ho visto più di un colpo di calibri "grossi" con la corona di forzamento rimessa, come se non fosse mai stato sparato e passato per la volata, anche perchè i recuperanti fregavan via subito il metallo monetizzabile quando li trovavan al fronte inesplosi, quando non lo facevan gli stessi soldati per ordini superiori.
    Sicchè se da un lato l'incompletezza ne abbassa il prezzo, dall'altra è un bene per l'acquirente, che con poche decine di euro potrebbe farsene confezionare una nuova in fonderia, intonsa e senza rigature
    La corona "rimessa" non deve essere letta come disonorevole per un pezzo, anzi, significa rendergli la giusta dignità*.
    Poi, sulla poche decine di euro... se metti la fusione, la piegatura e un minimo di fissaggio... non so come te la cavi.

    Se la domanda è bassa e il tipo ha piacere di disfarsi del pezzo, abbassa il prezzo, se no vuol dire che non ha nessuna fretta di vendere.

    Ciao
    ermanno

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Re: ita WW1 305

    Citazione Originariamente Scritto da churchill
    Caro g.d.f,

    Come tutte le cose da scavo e/non, c'è chi le vorrebbe come nuove, magari usando aceto sul rame, per renderlo rosa.

    Ch
    Sembra un riferimento al mio topic... Ma non è così vero?
    Inge

  10. #20
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: ita WW1 305

    Non do' cosa intendesse l'amico con il riferimento a precedente Topic.

    Ringrazio gli intervenienti e mi permetto,se posso, di dire che se spendi o vuoi spendere 2000,00 euro,

    chiedi un pezzo totalmente originale....

    Questo, almeno, quello che penso io.

    Non e' il Mortaio in vendita, ma il pezzo, ridipinto e senza corona.


    Ch

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato