Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Jeep di legno oltre la cortina di ferro...

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    Jeep di legno oltre la cortina di ferro...

    Nel 1945 il cittadino svizzero Emil Enzmann Sr. per pagare gli studi universitari del figlio, iniziò ad importare dalla vicina Francia alcuni lotti di Jeep residuate di guerra. Le vetture, ricondizionate a km. 0 presso il suo garage, erano dotate di una cabina chiusa in legno e resina nonchè di un rudimentale sistema di riscaldamento - molto apprezzato dagli acquirenti - gli agricoltori dei dintorni di Shupfheim. Contestualmente, Enzmann avviò la produzione di un modellino in legno della Jeep, in scala 1/17,5. Almeno 500 kit in scatola furono commercializzati dalla ditta elvetica Fratelli Ambrosoli tra il '45 ed il '49. La maggior parte fu incettata da personale diplomatico e rivenduta a mercato nero nell' U.R.S.S. e in altri paesi dell' est. La cosa creò un incidente sintomatico del clima da guerra fredda incipiente: la notizia che fuoristrada importati dalla Francia potessero finire in mani sovietiche giunse alle orecchie dei dirigenti della Willys-Kyser, che allora deteneva i diritti del marchio Jeep. Costoro ne informarono la CIA, temendo l' esistenza di un vasto contrabbando d' armi attraverso un stato neutrale. In conclusione i servizi segreti elvetici, su richiesta dei colleghi di Langley attenzionarono la fabbrichetta a conduzione familiare degli Enzmann, finchè non fu chiaro che si trattava di innocui giocattoli e tutto si risolse bene. L' esperienza fatta con legno e resine si rivelò in seguito utile al figlio di Enzmann, desideroso di realizzarsi in casa una vettura sportiva a basso costo. Infatti nel '53 il Dr. Emil Enzmann Jr., laureatosi in medicina, creò una scocca in vetroresina partendo da un mock-up in legno. Era nata la Enzmann 506, spartana vetturetta da corsa su chassis del VW Maggiolino, fabbricata in un centinaio di esemplari tra il '58 ed il '69. Suscettibile di modifiche sempre più spinte (alcuni esemplari montarono persino il motore della Porsche 356), la Enzmann riscosse un buon successo nei paesi di lingua tedesca, ma questa è un' altra storia.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato