Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 30

Discussione: Karabiner 1888

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    233

    Karabiner 1888

    Oggi ho avuto un po' di tempo e penso di fare cosa gradita postando le foto di un pezzo della mia collezione che credo non mancherà* di solleticare l'interesse degli appassionati di ex ordinanza.
    Si tratta di una carabina da cavalleria Kommission 1888, in calibro originale (la canna è forata a .318 e non a .323).
    L'effetto "bagnato" delle foto è dovuto al make-up a base di olio prima del servizio fotografico alla pin-up in questione []

    Vista d'insieme del lato destro,:

    Immagine:

    26,97*KB

    Particolare del lato destro, notare la forma caratteristica del manubrio otturatore, a cucchiaio:

    Immagine:

    80,89*KB

    Lato sinistro, ci si aspetterebbe di trovare la scritta in caratteri gotici "Kar. 88" ed invece ... niente

    Immagine:

    79,84*KB

    Vista dall'alto, anche qui, stranamente, nessuna traccia di arsenale e/o anno di produzione. Ho verificato attentamente e le parti non sono state abrase, quindi escludo una rimozione del crest ...

    Immagine:

    84,78*KB

    Sul lato destro sono invece ben visibili i marchi relativi allo stato o Lander di adozione (qualcuno di voi sa identificarli ?)

    Immagine:

    71,13*KB

    Anche sulla parte inferiore del manubrio dell'otturatore sono ben visibili alcuni marchi (purtroppo l'otturatore, pur essendo pertinente all'arma, non porta lo stesso numero di matricola - ma vista la rarità* della carabina, non mi pare il caso di fare lo schizzinoso []):

    Immagine:

    49,52*KB

    Che dire di più ? aspetto con interesse i vostri commenti !!!

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    274
    meraviglioso mauser, lo sai che ho un debole per questa tipologia...
    potrebbe essere una produzione Spandau, ma non ne sono sicuro perche vado a memoria e perche non ho il libro dei punzoni sottomano, bisognerebbe chiedere all'amico Oscar o al Walzi per una piu concreta risposta! comunque complimenti per l'ottimo pezzo[:P][]
    dario

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao Bydand
    c'è poco da commentare su di un pezzo così per due motivi sostanziali[]:
    - il primo è che ne sai una piu del diavolo, con questo voglio dire che sei impeccabile nella descrizione delle tue armi, rimane poco da aggiungere [];
    - il secondo è che questo Kar88 in dotazione ai reparti montati ed alle truppe di treno tedesche fino al 1908 è proprio bello ed intonso come se ne vedono molto pochi per non dire nessuno. Infatti è strano che non abbia marchiato l'arsenale, l'anno di produzione ed il modello "Kar88". Dai punzoni degli ispettori imperiali presso lo stabilimento di produzione mi sembrerebbe di riconoscere quelli dislocati presso l'arsenale di Amberg in Baviera ].
    Bellissimo

    [ciao2]
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    108
    Concordo ottimo pezzo[] Comunque il fatto che non habbia alcuni marchi e punzoni mi fa propendere per un arma concepita più per l'esportazione all'estero che nell'uso presso le forze armate Imperiali Tedesche. Magari mi sbaglio ma potrebbe essere: o un Kar88 per le forze armate turche oppure un arma in dotazione durante la repubblica di Weimar.

    I dubbi sorgono

    saluti
    "Lunga vita è prosperità"

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Messaggi
    233
    Eh, eh, eh !!!
    Redimacchia ha centrato la questione.
    Nella descrizione ho omesso di dire che sulla parte terminale dell'otturatore compare un marchio di accettazione turco.
    Ho sempre pensato che questo pezzo fosse stato aggiunto per completare un otturatore incompleto, recuperandolo da un fucile turco e rendere così l'arma "vendibile" su mercato collezionistico.
    A questo punto mi viene da pensare che questa carabina sia stata costruita per i turchi (questo non mi crea grossi problemi esistenzial-collezionistici []) mentre mi pone altri quesiti:
    come mai il marchio di accettazione turco (la mezzaluna) si trova solo su un componente così marginale della carabina e non compare da nessuna altra parte ?
    E' poi certo che i turchi oltre al Gew. 88 abbiano adottato anche la relativa carabina ?
    'Sta carabina è sempre più un enigma ...

    Saluti.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    108
    Citazione Originariamente Scritto da bydand

    Eh, eh, eh !!!
    Redimacchia ha centrato la questione.
    Modestamente di Gew88 qualcosa conosco[]

    Nella descrizione ho omesso di dire che sulla parte terminale dell'otturatore compare un marchio di accettazione turco.
    Ho sempre pensato che questo pezzo fosse stato aggiunto per completare un otturatore incompleto, recuperandolo da un fucile turco e rendere così l'arma "vendibile" su mercato collezionistico.
    Possibile dato che di furbi nel mondo ce ne sono moltissimi ma credo che, strano a dirsi, questa volta i tarokkatori non hanno colpito.

    A questo punto mi viene da pensare che questa carabina sia stata costruita per i turchi (questo non mi crea grossi problemi esistenzial-collezionistici [])
    Appunto anche perchè le armi turche del periodo compreso tra gli inizzi del '900 e la I°Guerra Mondiale sono alquanto rare a vedersi a causa della grande riarsenalizzazione fatta tra la fine degli anni '30 e l'inizio dei '40.



    mentre mi pone altri quesiti:
    come mai il marchio di accettazione turco (la mezzaluna) si trova solo su un componente così marginale della carabina e non compare da nessuna altra parte ?
    Non potendola analizzare di persona non posso essere più preciso ma ecco cosa penso: durante la I°Guerra Mondiale l'impero Tesco fornì una tale quantità* di armi all'Impero Ottomano delle più eterogene. Non è difficile che anche qualche numero di Kar88 possano essere finite in mano alle forze armate turche. Oppure si tratta di arma catturata durante la prima Guerra Balcanica (1911-12 se non erro) ove le parti in causa hanno usato di tutto e di più.

    E' poi certo che i turchi oltre al Gew. 88 abbiano adottato anche la relativa carabina ?
    'Sta carabina è sempre più un enigma ...

    iL mondo delle armi è bello per questo [8D]
    saluti
    "Lunga vita è prosperità"

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao a tutti
    Scusate la domanda/affermazione che vi voglio fare: se come pensate voi è una produzione export, i punzoni di controllo degli ispettori imperiali tedeschi, che erano dei delegati governativi al controllo di qualità* in quanto armamenti destinati alle forze armate nazionali che ci stanno a fare ?
    Diverso discorso il fatto che effettivamente molti di questi fucili una volta dismessi e/o rimpiazzati con i nuovi armamenti mod. 1898 furono destinati in grandi quantità* ai paesi alleati durante la grande guerra, il punzone con la mezza luna sull'otturatore correttamente dimostra che questo finì alle forze armate turche come molti fucili mod. 1888.
    [ciao2]
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275

    Mauser cavalleria mod. 1895

    Rientra fra quelle da me più amate, questa svelta carabina
    Mauser da cavalleria spagnola, in calibro 7,5 x 57, parente stretta della più ricercata e blasonata svedese da cavalleria mod. 1894.
    L'arma in oggetto si presenta bene, sia come ferri che come legni
    mentre la canna è a specchio



    Immagine:

    53Â*KB



    Immagine:

    43,31Â*KB


    la volata

    Immagine:

    33,83Â*KB

    Immagine:

    50,95Â*KB

    L'attacco distale della cinghia

    Immagine:

    50,36Â*KB



    Immagine:

    34,49Â*KB

    Il piccolo caratteristico alzo

    Immagine:

    43,72Â*KB

    La matricola riportata sul legno e sul ferro

    Immagine:

    68,64Â*KB


    Immagine:

    54,46Â*KB

    L'otturatore ottimamente rifinito

    Immagine:

    29,39Â*KB


    Immagine:

    40,05Â*KB

    Gli attacchi sul calcio modificati nel 1896

    Immagine:

    36,94Â*KB


    Immagine:

    29,87Â*KB

    L'orribile scritta Mauser probabilemnte aggiunta dall'importatore
    mentre non appare il cartiglio della fabbrica(con molta probabilità* Oviedo)

    Immagine:

    63,2Â*KB

    Immagine:

    53,1Â*KB

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao Oscar
    ultimamente stai diventando un pozzo senza fondo, perdinci ....[][][][]
    Complimenti
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    Ciao walzi, come sempre troppo buono..[] Piuttosto non trovi strano la mancanza di scritte/cartigli identificativi della fabbrica?
    Originariamente queste armi furono costruite dalla Ludwig Loewe & Co., a Berlino nel 1896-97 e successivamente dalla Fabrica Nacional de Armas, Oviedo nel periodo dal 1896-1915 ed erano in pratica dei mod. 1893 accorciati.
    Date un'occhiata qui
    http://www.angelfire.com/nh/milarm/95carb.html
    Ora, visto anche l'alto grado di finitura presente sul mio esemplare, non si capisce perchè non vi abbiano rullato le scritte, cosa che, la storia ci insegna, viene fatto nei periodi di grande produzione e guerre in atto. Ho visionato altri esemplari peggio finiti che presentavano tutte le scritte..[?][?][?][signal]

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato