Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: khaki drill- bush jacket R.C.A.F.

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di mangusta
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Località
    s.clemente - rimini
    Messaggi
    1,372

    khaki drill- bush jacket R.C.A.F.

    Posto questa giubba "tropicale" di fabbricazione canadese per un caporale della royal canadian air force ,decorato con medaglia per servizio volontario di almeno 8 mesi.
    Capo usato in africa italia,all' interno una scritta boyce penso,il presunto nome del proprietario.
    Sulla manica destra vi è rimasta un impronta di una vecchia insegna in stoffa ma che non sono riuscito a decifrare guardando la forma che aveva.

    DSCF5861.jpgDSCF5862.jpgDSCF5863.jpgDSCF5866.jpgDSCF5867.jpgDSCF5868.jpg
    andrea

  2. #2
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,864
    Molto interessante. Reuperata in Italia o oltre manica?
    sven hassel
    duri a morire

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di mangusta
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Località
    s.clemente - rimini
    Messaggi
    1,372
    In Italia, non so poi però in origine da dove venga, l'ho già da alcuni mesi.
    andrea

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di marseille14
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    264
    Bello e sempre meno comune.Credo presenti però una piccola inesattezza.I piloti della R.C.A.F.,così come quelli R.A.F.,partivano dal grado di sergente. Il fregio pettorale da pilota non dovrebbe in questo caso essere presente, visto che si tratta di un corporal........
    Francesco

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di mangusta
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Località
    s.clemente - rimini
    Messaggi
    1,372
    Si,infatti di regola era così.
    Ora non per volere "difendere" per forza la combinazione gradi brevetto ma dalla battaglia d'inghilterra fino a guerra inoltrata visto la poca disponibilità di pilioti era anche frequente addestrare di fretta personale volontario molto giovane e metterli in volo,alcuni anche non arrivati al grado di sergente,molti precipitarono proprio causa inesperienza.
    Può essere fantasioso ma c'erano foto in rete che mostravano anche un osservatore diventato volontariamene pilota per necessità ,un altra che mostrava un pilota volontario polacco con gradi caporale purtroppo però non riesco a trovarle.
    Un unica foto che ho trovato è di un pilota giovanissimo diciottenne morto l'anno scorso a 96 anni,i testi non specificano il grado che aveva a diciotto anni appena compiuti ma non credo che abbia avuto il grado di sergente e molto probabilmente nemmeno da caporale,anche la foto farebbe pensare questo visto l' assenza di gradi.
    Tuttavia questa giacca potrebbe benissimo avere avuto modifiche e penso che se le ha avute siano più probabili sui gradi,nel senso, il brevetto e gli albatros sembrano avere convissuto a lungo con il tessuto, sui gradi invece è piu difficile verificalo per via della cucitura sul bordo che non da modo di scostare il grado stesso.
    Mi chiedevo poi cosa possa essere quella toppa mancante sulla manica destra,forse,il significato potrebbe chiarire qualcosa in più.

    Qui sotto la foto del baby pilota,col primo volo a 18 anni appena compiuti e sotto i particolari di brevetto e albatros.

    P.S. Ripeto le mie riflessioni non sono per volere giustificare qualcosa ,perchè si parla di un mio capo, ma è appunto per capirne di piu, sul fatto di possibili piloti quasi improvvisati appunto per colmare una mancanza.

    232648_1109e12e7694ed19a46eadb9efda76cc.jpg
    pilota geoffrey wellum 18 anni appena compiuti al primo volo,l'assenza di gradi potrebbe anche fare pensare ad un primo aviere o altro.

    DSCF5882.jpgDSCF5883.jpg
    andrea

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •