Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 39

Discussione: La battaglia del Solstizio: 15-24 giugno 1918

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    La battaglia del Solstizio: 15-24 giugno 1918

    Una gloria dell`Artiglieria Italiana:

    La battaglia del Solstizio, 15-24 giugno 1918.

    Dopo la disfatta di Caporetto del novembre 1917, che costò all`Italia circa 70mila morti, 290mila prigionieri e 300mila sbandati il fronte si attestò sul Piave. Furono costruiti depositi di munizioni, di viveri e ricoveri per i soldati. Erano stati sistemati gli sbandati dell`inverno precedente e il nuovo capo di stato maggiore, generale Armando Diaz, poteva contare su 53 divisioni alle quali si aggiungevano tre divisioni inglesi, due francesi, un reggimento americano (il 332°) e una brigata di ex prigionieri cecoslovacchi. Era stato ricostituito il parco d`artiglieria con migliaia di bocche da fuoco e la fanteria poteva contare anche su un ingente numero di mitragliatrici. Si respirava una certa aria di abbondanza, la propaganda e il servizio informazioni lavoravano bene e la nuova gestione Diaz, subentrata a quella molto più rigida di Cadorna, cominciava a dare i sui frutti: il morale era alto.
    Al di là* della linea del Piave c`erano 56 divisioni austro-ungariche, 6mila cannoni, 10mila mitragliatrici e circa 500 aerei ma scarseggiavano le munizioni, l`equipaggiamento e soprattutto i viveri.
    L`offensiva nemica iniziò il 13 giugno con un attacco sul Tonale, anche con lo scopo di attirare le riserve italiane, ma gli austriaci furono quasi subito ricacciati indietro. L`offensiva continuò secondo i piani e all`aurora del 15 giugno 7mila cannoni austriaci aprirono il fuoco sullo schieramento italiano dall`Astico al mare pensando di agire di sorpresa. Ma gli artiglieri italiani avevano lavorato bene, avevano localizzato esattamente le posizioni nemiche e, con un preciso e massiccio fuoco di interdizione e di controbatteria, iniziarono un infernale duello con gli artiglieri austriaci che dopo ore e ore di fuoco si risolse a nostro vantaggio. Le linee di partenza della fanteria e l`artiglieria austro-ungarica furono praticamente sconvolte. Ciononostante le fanterie attaccarono lo stesso riuscendo a conseguire anche dei risultati sugli Altipiani, sul Grappa e sul basso Piave dove attraversato il fiume in due punti riuscì a creare una testa di ponte lunga 20 e larga 5 chilometri. Ma questo successo durò meno di 48 ore: il giorno 16 gli alpini riconquistarono le posizioni sugli Altipiani; sul Grappa il generale Giardino passava al contrattacco ricacciando il nemico mentre sul basso Piave gli austriaci erano letteralmente inchiodati sulla loro testa di ponte martellata senza tregua dall`artiglieria italiana.
    Durante questa battaglia accadde anche qualcosa di imprevisto da parte degli italiani qualcosa che non si ripeteva dai tempi del (glorioso) Risorgimento: capitani e tenenti ordinarono contrattacchi senza aspettare gli ordini, sergenti alla testa di intere compagnie le trascinarono all`attacco e gli artiglieri difesero i loro pezzi a colpi di moschetto e di baionetta. La massa dei soldati si comportò egregiamente come mai aveva fatto prima.
    Per gli austriaci fu un insuccesso completo: il 19 furono ricacciati dal Montello, il 20 erano in ritirata dalle montagne e il 23 fu sgomberata anche la testa di ponte.
    La seconda battaglia del Piave era vinta.
    La sindrome di Caporetto definitivamente archiviata.
    Il prezzo in vite umane fu di circa 87mila uomini tra morti, feriti, dispersi e prigionieri tra gli italiani e circa 120mila tra quelle austro-ungariche.
    L`Artiglieria italiana aveva sparato circa 3.526.000 colpi dei 20 milioni disponibili.
    Dopo questa battaglia l`iniziativa ritornò per sempre in mano italiana costringendo gli austro-ungarici su una disperata difensiva.
    In meno di quattro mesi la guerra terminò, con la completa disfatta del nemico, con la terza, decisiva e ultima battaglia del Piave: Vittorio Veneto.

    Con r.d. 20 giugno 1920 la bandiera dell`Arma di Artiglieria fu decorata della Medaglia d`oro al valor militare con la seguente motivazione:

    «Sempre e dovunque con abnegazione prodigò il suo valore, la sua perizia, il suo sangue, agevolando alla fanteria, in meravigliosa gara di eroismi, il travagliato cammino della vittoria per la grandezza della Patria (1915-191».

    Dal 1925 la festa dell`Arma di Artiglieria fu fissata al 15 giugno, anniversario della Battaglia del Solstizio.



    91,09*KB

    un caro saluto a tutti

    Fante 71[][][]
    E' la somma che fa il totale.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821


    Tutti Eroi! O il Piave o tutti accoppati!
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Interessante articolo e ottima la foto. Complimenti [ciao2]

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Con r.d. 20 giugno 1920 la bandiera dell`Arma di Artiglieria fu decorata della Medaglia d`oro al valor militare con la seguente motivazione:

    «Sempre e dovunque con abnegazione prodigò il suo valore, la sua perizia, il suo sangue, agevolando alla fanteria, in meravigliosa gara di eroismi, il travagliato cammino della vittoria per la grandezza della Patria (1915-191».

    Dal 1925 la festa dell`Arma di Artiglieria fu fissata al 15 giugno, anniversario della Battaglia del Solstizio.


    Ho letto avidamente tutto quanto hai scritto,e ti ringrazio,sono sempre belle pagine che meritano....detto questo,la festa da te indicata si festeggia ancora oggi?Spero la mia non sia una domanda idiota......

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Molto bella la foto postata da Ado.
    In Croazio hanno fatto più o meno la stessa scritta su una casa durante la guera di liberazione.....tale casa,o quel che ne rimane,è diventato monumento nazionale.
    Chissà* che fine che ha fatto la casa della foto che hai postato tu....

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    "Da oltre 80 anni, il 15 giugno, l'Arma di Artiglieria celebra la propria festa, nel ricordo di una memorabile battaglia combattuta nella prima Guerra Mondiale sul fronte nord-orientale, a difesa del suolo italiano.

    La festa dell'Arma di Artiglieria veniva celebrata inizialmente il 30 maggio, a ricordo della Battaglia di Goito e della resa della fortezza di Peschiera (184, per il decisivo contributo fornito dall'Artiglieria dell'Esercito Sardo.

    Nel 1923 viene scelta la data del 15 giugno, primo giorno della Battaglia del Solstizio che, nel quadro della manovra generale della 1° guerra mondiale (1915-1, vide la nostra Artiglieria protagonista di una "contropreparazione" che costituì l'indispensabile e decisiva premessa alla vittoria finale della Battaglia di Vittorio Veneto (4 novembre 191."
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Citazione Originariamente Scritto da MULON

    Molto bella la foto postata da Ado.
    In Croazio hanno fatto più o meno la stessa scritta su una casa durante la guera di liberazione.....tale casa,o quel che ne rimane,è diventato monumento nazionale.
    Chissà* che fine che ha fatto la casa della foto che hai postato tu....
    -A Fagarè, sulla provinciale Oderzo-Treviso, c'è l'Ossario ai caduti della Grande Guerra. Fu edificato nel punto in cui gli austriaci raggiunsero la massima avanzata, convinti di arrivare presto a Treviso. Vicino all'Ossario si trova la parete, sulla quale c'è ancora la famosa scritta, fatta probabilmente da un soldato"Tutti eroi o il Piave o tutti accoppati"-
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Grazie Ado[:264]

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Citazione Originariamente Scritto da ado

    Citazione Originariamente Scritto da MULON

    Molto bella la foto postata da Ado.
    In Croazio hanno fatto più o meno la stessa scritta su una casa durante la guera di liberazione.....tale casa,o quel che ne rimane,è diventato monumento nazionale.
    Chissà* che fine che ha fatto la casa della foto che hai postato tu....
    -A Fagarè, sulla provinciale Oderzo-Treviso, c'è l'Ossario ai caduti della Grande Guerra. Fu edificato nel punto in cui gli austriaci raggiunsero la massima avanzata, convinti di arrivare presto a Treviso. Vicino all'Ossario si trova la parete, sulla quale c'è ancora la famosa scritta, fatta probabilmente da un soldato"Tutti eroi o il Piave o tutti accoppati"-
    Ora mi metti in difficoltà*....ti ringrazio per la celere risposta.Esiste una qualche foto o link di riferimento moderno a tale opera?

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Un bel racconto storico.
    Bella ado una foto storica.
    Mi permetto di aggiungere una foto che riguarda una cerimonia militare nella quale si sta per decorare un caporalmaggiore distintosi durante i combattimenti sul Piave (al centro Diaz e alla sua destra il duca d'Aosta)

    Immagine:

    100,05*KB
    luciano

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato