Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: La canzone della Banda Bastiani, 1941.

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    La canzone della Banda Bastiani, 1941.

    Questa è l’ ultima e definitiva forma assunta dalla canzone creata poco a poco dai gregari indigeni di Angelo Bastiani, così come si elevò nell’ ultima notte e nell’ ultima fantasia, all’ Uolchiefit, prima della resa del presidio italiano alle truppe britanniche nel 1941:

    _____________________________

    << Le regioni dell’ Ambassel, gli altopiani del Mens, il brullo Beghemeder, le piste del Livò, il bassopiano rosso dell’ Uogherà, e i pascoli del Tana, i boschi del Goggiam, le alte montagne del Semien, terra di freddo, conoscono il tuo coraggio e la tua generosità. La tua strada è sempre pulita di nemici. Sulla tua fronte c’è il fuoco che incenerisce i nemici, nel tuo cuore c’è l’ uragano, nei tuoi occhi c’è il sole che riscalda gli amici. Quando si parla di te, le donne sospirano, i nemici ti temono come la gazzella teme il leopardo. Questo sanno, Ras Bastiani, nostro capo e nostro padre, e noi tuoi ascari siamo pronti a provarlo perchè così è scritto sulle lame delle nostre scimitarre >>.
    _______________________________

  2. #2
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,395
    Molto interessante; grazie della condivisione
    sven hassel
    duri a morire

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •