Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

Discussione: La mia Crimea

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    La mia Crimea

    Questo che vi presento è tratto dal diario di Paolo Filippo Vaccaneo, nato a Mornese presso Novi Ligure, nel 1824, morì nel 1888 pensionato a Livorno.
    Partecipò alla Campagna di Crimea con il grado di sottotenente, si era arruolato nel 1840 come semplice soldato.
    La guerra vide schierate la Russia contro la Turchia, quest`ultima alleata alla Francia all`Inghilterra e al Regno Sardo.

    [center:66ed9qdq][attachment=7:66ed9qdq]LUI.jpg[/attachment:66ed9qdq][/center:66ed9qdq]

    Il 17 giugno (1855) di buon mattino, comandati dal generale Lamarmora partimmo,
    Tutta la 1a Divisione e, Divisione di Riserva dell`Armata Sarda ed attraversando la Cernaia, presso il villaggio Thorgouna, salimmo le colline che si trovano sulla sponda destra del Rio Choulion, occupate in quel momento dagli avamposti russi con l`intenzione di attaccarli, marciavamo in battaglia, quindi in colonna per battaglione, per tema di essere attaccati dai cosacchi che vedevamo non molto lontano, ma i medesimi fecero ritirata sino alla loro posizione fortificata senza nemmeno tirare un colpo di fucile.
    I turchi comandati da Omer Bascià*, che presero parte in questa marcia e che si trovavano alla nostra destra, non ebbero meglio riuscita di noi.
    Alle 10 antim. fecimo alt in vicinanza del villaggio Choulion, cioè oltre il tiro di cannone dei russi, ove bivaccammo 5 giorni.

    [attachment=6:66ed9qdq]Disegno dell'accampamento.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    Credo che i nostri capi non si azzardassero di attaccare quelle posizioni, in primo noi eravamo in piccol numero, in secondo non si conosceva né la forza né il numero di uomini che le difendevano.
    Il 22 giugno facemmo ritirata e ci portammo nuovamente a bivaccare nei dintorni di Kamara.
    Il 15 luglio per curiosità*, mi recai in compagnia di due ufficiali a vedere le trincee francesi sotto Sebastopoli che si trovano distanti 12 chilometri dal nostro campo.
    Le suddette trincee hanno la larghezza da 2 a 3 metri e circa 2 metri di profondità* e per quanto si potrà* dire, non sarà* mai abbastanza lodato l`immenso lavoro che il francese fece intorno a quella città* sotto il continuo fuoco del nemico.
    Giungemmo ad una batteria che di tanto in tanto faceva fuoco ma ci dissero di non andare più oltre perché era pericoloso.

    [attachment=5:66ed9qdq]batteria di mortai.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    Cosicché guardammo in fretta la posizione della città* e del porto, ove vedemmo diversi bastimenti, quindi ce ne ritornammo indietro, quando non molto distanti da detta batteria una palla da cannone dei russi, detto comunemente dai francesi boulet, ci passò sopra la testa e, si interrò da 15 a 20 passi dietro di noi.
    Il 13 agosto, alle ore 3 pomeridiane, il battaglione partiva dal campo nei dintorni di Kamara, per Balaklava, ove giunse alle ore 5 circa, comandato per suo turno, per le corvèes necessarie onde sbarcare i viveri, foraggi ed altri oggetti spediti dal Piemonte, pel corpo d`armata di spedizione.

    [attachment=4:66ed9qdq]Fortificazioni entrata porto di balaklava.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    [attachment=3:66ed9qdq]Vascelli al ancora.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    Il 16 verso le ore 9 antimeridiane venne l`ordine di partire immediatamente e portarsi ad occupare le posizioni del mamellone Canrobert, unitamente al battaglione del Genio Granatieri e un battaglione del Genio.
    Dalle ore 4 circa del mattino i nostri erano in combattimento coi russi, i quali avevano tentato di forzare il passaggio della Cernaia, tra la linea degli avamposti francesi e la nostra della seconda divisione.
    La fortuna sul principio era dalla parte dei russi, poiché una numerosa colonna s`avanzò ed attraversata la Cernaia (gettandovi sopra per passarla tavole di legno) saliva di fronte il mamellone Tractir ove trovansi accampati vari battaglioni di Zuavi (francesi) i quali sgomenti e non pronti per resistere all`urto indietreggiarono di un poco, ma tostamente riuniti e divisi in gruppi di volontà*, li attaccarono con tale veemenza alla baionetta che in poco tempo li costrinsero, disordinati e in precipitosa fuga, a ripassare il Rio, lasciando ovunque dietro di loro, il suolo coperto di morti o feriti.
    Nel tempo stesso altre numerose colonne russe con molta artiglieria avanzarono dalla parte di Choulion e occuparono tutti i mamelloni intorno ai villaggi distrutti di Thorgouna e Karloka, di fronte alle nostre posizioni ed appena messi in posizione ci fulminarono di proiettili e principalmente il mamellone da noi denominato Zig-Zag o opera Cadorna.
    Il nostro battaglione del 16° fanteria, della 2a divisione, dopo circa mezzora di resistenza e senza artiglieria abbiamo momentaneamente abbandonato la posizione, ma non appena i russi rimasero possessori della posizione furono bersagliati dalla nostra artiglieria con pezzi di grosso calibro inglesi ma manovrati dai nostri, la quale fece grande strage, mentre con tanto accanimento si combatteva coi francesi e coi nostri lungo la Cernaia e il nemico fu costretto a battere in ritirata lasciando sul terreno dai 5 ai 6 mila uomini tra morti, feriti e prigionieri, si calcola che abbiano partecipato da 70 a 80 mila uomini da parte russa.
    I francesi persero circa 1.000 uomini tra morti e feriti e noi circa 200.
    Ordine del giorno dei generali in capo dei vari Corpi d`armata di spedizione per la vittoria sul nemico alla Cernaia.
    Armata Sarda
    Ka-di Koi 17 agosto 1855
    Soldati!
    Ieri per la prima volta vi incontraste con il nemico che siamo venuti a combattere................
    Il vostro contegno fu quale io lo sperava tale da meritare l`approvazione dei nostri valorosi alleati.
    Il telegrafo annunciò all`Europa che voi contribuiste alla vittoria sulla Cernaia.
    Il Re ne sarà* soddisfatto, la Nazione piena di gioia.
    Vi ringrazio per la vostra bella condotta in questa gloriosa giornata.
    Il Generale in Capo Lamarmora.


    [attachment=2:66ed9qdq]I comandanti in capo.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    [attachment=1:66ed9qdq]Un gruppo di ufficiali.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    Il 20 agosto il battaglione partiva da Balaklava per ritornare ad occupare il proprio campo nei dintorni di Kamara.
    Il 7 settembre al mattino la nostra brigata partiva verso l`altopiano del Kersonese e ci posizionammo presso l`ala sinistra francese.
    La posizione era sicura solo qualche colpo del nemico in Sebastopoli veniva a visitarci.
    Si decise di che nell`attacco fosse la 3a brigata comandata dal nostro bravo generale Cialdini.
    Noi eravamo 4 battaglioni di fanteria, 1 dei bersaglieri ed una Compagnia del Genio, ma la nostra forza non superava i 1.300 uomini, ma sufficienti per iniziare l`attacco.
    Da 2 giorni continuava il bombardamento di Sebastopoli e tutto era pronto per l`assalto.
    Alla destra il generale Pelissier con le migliori truppe francesi, attaccava Malakoff e gli inglesi il Gran Redant alla sinistra.

    [attachment=0:66ed9qdq]I cannoni.jpg[/attachment:66ed9qdq]

    Riuscito il primo attacco noi dovevamo correre all`assalto della facciata destra di questo bastione.
    Una palla russa portò via la coscia a due soldati del 7° che morirono dopo poche ore.
    Una mina fece saltare molti che erano entrati per primi, gli altri dovettero ritirarsi, ma nel ritirarsi vi fu allora una lotta sublime, una lotta di giganti in cui tutto serviva di arma, si combatteva con l`entusiasmo della disperazione e dalla quale non si cessava che morto o mortalmente ferito.
    Per 5 ore una non interrotta processione di feriti ci sfilava davanti.
    Io stesso fui salvo per miracolo, una granata russa nel scoppiar una scheggia mi passò vicinissima al viso ed andò a colpire nella testa un soldato francese che per la quale cadde morto sul colpo.
    Alle 8 e mezza della sera, ricevemmo l`ordine di rientrare nel nostro accampamento, aspettando il domani per fare quello che non si era fatto oggi.
    Fu con grande ed inaspettata meraviglia, quando nella notte un incessante scoppiar di mine, un generale incendio della città*, ci avvertiva che i russi abbandonavano le loro posizioni che il giorno prima avevano ostinatamente difeso.
    Il furore con cui si era combattuto in ogni parte, la temerità* o meglio la follia dell`attacco tentato sulla sinistra, lo splendido successo degli alleati sulla destra avevano mostrato ai russi che l`ultimo giorno di Sebastopoli potea differirsi, impedirsi non mai.
    L`abbondanza di munizioni, di viveri, di risorse d`ogni genere, essi la abbandonarono, non lasciando dietro loro che incendio e rovina, come monumento della barbarie, come indelebile sanguinosa traccia che qui s`era aggravato il dispotismo dello Zar.
    Alcuni dati:
    Il corpo di spedizione sardo era composto da circa 18.000 uomini
    Tale corpo ebbe 2.200 morti
    I turchi 35.000 morti
    L`Inghilterra 22.000 morti
    La Francia 80.000 morti
    La Russia 110.000 morti

    fine
    fonte cartaceo cocis49
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    luciano

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: La mia Crimea

    Interessante. Bel lavoro

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: La mia Crimea

    ... aggiungo qualcosa anch'io ...

    il protagonista era stato promosso capitano, nell'8° reggimento di fanteria della brigata Cuneo, dal 15.10.1859 ed era insignito della medaglia d'argento al valor militare.
    La foto postata, da piccoli particolari, è databile a verso la fine degli anni '60 e lo ritrae in uniforme di servizio.
    Nel 1886 comandava il 195° battaglione di fanteria di Milizia Territoriale.

    Aggiungo che dei 2.200 morti dell'Armata Sarda oltre 1.800 furono uccisi dal colera.

    Posto la medaglia c.d. turca di Crimea che fu distribuita a molti degli ufficiali che ne presero parte. E' riconoscibile anche per il particolare tipo di attacco.
    E, inoltre, un'immagine presa da una pubblicazione del 1914 sul cimitero di guerra russo
    Ciao

    F.M.

    [attachment=2:edoijbie]senza titolo1.jpg[/attachment:edoijbie][attachment=1:edoijbie]senza titolo2.jpg[/attachment:edoijbie]
    [attachment=0:edoijbie]senza titolo1.jpg[/attachment:edoijbie]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    E' la somma che fa il totale.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: La mia Crimea

    Grazie Fabio
    Ottima integrazione F.M.,grazie, hai aggiunto particolari interessanti su questo militare.
    Interessante anche il cimitero.
    Tra gli altri è morto per il colera nel 1855 anche Lord Raglan a capo degli inglesi, quello da me indicato nell'immagine con il cappello bianco.
    Bella la medaglia.
    Ciao
    luciano

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: La mia Crimea

    Un bellissimo lavoro come al solito, Cocis, ed ottime le integrazioni di Furiere Maggiore!!!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: La mia Crimea

    ... forse non tutti conoscono un episodio di quella campagna che vide protagonisti due ufficiali italiani che parteciparono, con gli inglesi, alla famosa carica di Balaklava ... si trattava di due addetti al quartier generale alleato: Giuseppe Govone, maggiore di stato maggiore e del sottotenente Giuseppe Landriani di Piemonte Reale Cavalleria che fu ferito proprio durante la carica...

    Giuseppe Govone, divenuto generale e comandante di una divisione, si portò molto onorevolmente a Custoza durante la campagna del 1866 successivamente fu anche ministro della guerra, morì per "alienazione mentale"...

    Il giovane Landriani non si riprese mai dalla brutta ferita che gli causò la morte.

    Questa è la riproduzione dell'episodio del ferimento di Landriani, dovuta al pennello di Sebastiano De Albertis, soccorso e curato dai russi...

    Un caro saluto

    Furiere Maggiore

    [attachment=0:117yres9]senza titolo2.jpg[/attachment:117yres9]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    E' la somma che fa il totale.

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: La mia Crimea

    Molto interessante la storia di questo nostro ufficiale. Aggiungiamo una nota ai morti inglesi. Oltre che dal colera le truppe furono falcidiate dallo scorbuto che è causato dalla carenza di vitamine, in particolare la C. Peccato che nel porto marcissero i limoni inviati per prevenirlo a causa di un lite su chi dovesse scaricarli tra marina ed esercito. Mentre decidevano e lo scorbuto imperversava il carico marcì e fu gettato a mare. Piccola nota "sartoriale" il comandante inglese passò alla storia anche per un particolare tipo di maniche della giacca dette appunto alla Raglan che servivano a nascondere una menomazione fisica del medesimo.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: La mia Crimea

    Grazie Alex.
    Interessanti note integrative F.M. e Andrea :P
    luciano

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: La mia Crimea

    ... e avanti...

    il totale degli ufficiali italiani morti in quella campagna fu di 86, ho l'elenco completo con la data e la causa della morte, di cui:

    56 per colera;
    8 per tifo ...

    questo la dice lunga sulle condizioni igienico sanitarie ...

    Ciao

    F.M. :P
    E' la somma che fa il totale.

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: La mia Crimea

    .......................anche il generale Lamarmora.
    non ho dati certi ma credo molti anche nelle fila degli altri eserciti
    luciano

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •