Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: La piastrina ritorna a casa con le badanti

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Monfalcone
    Messaggi
    4,653

    La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Dal Messaggero Veneto di giovedì 11/04/2013

    La piastrina ritorna a casa con le badanti

    In vendita su eBay e poi ritirato, il cimelio dell’alpino Giuseppe Liani rientra a Camino al Tagliamento grazie all’ucraino-friulano Vadim

    di Nicola Cossar

    CAMINO AL TAGLIAMENTO. Non avrebbe mai immaginato che sarebbe “tornato a casa” grazie a eBay e su un pullman di badanti ucraine! Di Giuseppe Liani, caminese classe 1919, alpino del Vicenza, si erano perse le tracce il 21 gennaio 1943, nei pressi di Kopanski, nel gelido inferno russo.

    Un tragico destino comune a migliaia di ragazzi con la penna nera “congedati” dalla vita con un «risulta tuttora disperso» a firma di un pezzo grosso dell’esercito italiano. Disperso nelle implacabili nebbie del tempo e della storia. Ma ora, dopo 70 anni, una parte di Giuseppe torna a casa: la sua piastrina di riconoscimento è stata ritrovata in un intrecciarsi di vicende che sono la trama perfetta di un film o di un libro.

    Il primo libro. Tre anni fa, Corrado Liani, nipote di Bepi, aveva dato alle stampe “Mamma non sono tornato”, un bel volumetto in cui, con Guido Aviani Fulvio ed Ermanno Dentesano, ricostruiva la storia dello zio attraverso lettere e disegni trovati nella soffitta di casa. Un delicato “libro cuore” che ci restituiva un giovane artista dai sentimenti profondi e capace di donarci episodi, immagini e visioni lontane attraverso i suoi precisi e nitidi disegni, attraverso diari e lettere di guerra in cui - tra Grecia, Albania e Russia - ci racconta la storia vera, più forte di quella scritta sui libri.

    Questa eredità nascosta di Bepi fu in fin dei conti l’occasione per conoscere e capire - come scriveva Corrado nel 2010 - «la personalità di un giovane sensibile, innamorato della vita e della natura, delle radici friulane e dell’amicizia (come quella, bellissima, disinteressata e ideale, con Gianna Pinat, sua madrina di guerra): incontriamo un uomo ligio al dovere (aveva lo speciale incarico di assistente del ministro Bottai) che andò in Russia intuendo fin da subito come sarebbe finita». Prima di sparire nel nulla, Bepi Liani fu accanto all’ufficiale medico Italo Fabbrini nell’assistenza ai commilitoni più gravi durante la tragica ritirata». Poi l’oblio, fino a quando, il 24 settembre 2011, non si accese la luce di... una e-mail.

    La luce di Genova. «Buongiorno, mi chiamo Beda Mosè, abito in provincia di Genova e sono parente di un disperso in Russia. Volevo segnalarvi che su eBay è in vendita la piastrina di riconoscimento di un vostro concittadino: Liani Giuseppe, classe 1919, di Giuseppe e Maria, che dal sito del Ministero della difesa risulta caduto il 21/1/1943 in Russia». Disperso, non caduto, ma dopo 70 anni cambia poco. Però questa e-mail - arrivata con alcune immagini a Mara Comuzzi, in Comune a Codroipo - per Corrado cambia tutto, anche il titolo del libro che, ristampato in questi giorni sempre da Aviani, è diventato “Mamma non sono tornato... ma la piastrina sì!”.

    Delusione russa. Corrado Liani apprende la notizia dall’amico Giulano Venier, che lavora in Comune a Camino, mentre si trova all’estero. Prima chiama l’esperto, l’amico Guido Aviani Fulvio, per stabilire - attraverso la verifica incrociata di immagini e dati - l’autenticità o meno della piastrina. Ricevuto l’ok, chiede alla propria collaboratrice Paola di provvedere all’acquisto su eBay. E qui arriva la brutta sorpresa: l’asta risulta chiusa! Chi è il venditore e perché è chiusa? Scopre che si tratta di Sergey Chikhirev di Volgograd e successivamente saprà che l’uomo si era ritirato perché offeso dalle accuse di sciacallaggio che gli erano arrivate. Così torna il buio. Che si fa?

    Vadim, l’asso nella manica. Chi conosce Liani sa che non si arrende mai, soprattutto quando le cose sembrano impossibili. Come questa. Riflettendo, scopre di avere un asso ucraino nella manica: si chiama Vadim Krynicki e con la madre Katerina si alterna nell’assistenza di Angelin, l’anziano papà di Corrado e fratello di Bepi. Vadim è generoso, sembra quasi che sia stato il destino a mandare a Camino questo Maciste dal cuore d’oro innamorato della pittura come Bepi. A 65 anni di distanza, in circostanze certamente diverse, è venuto dall’Ucraina a casa dell’alpino disperso.

    Corrado allora elabora il piano: magari parlando con Sergey, tra russi e in russo, Vadim riesce a risolvere il problema. E così avviene. Sergey, collezionista di oggettistica militare, spiega a Vadim - che nel frattempo è tornato in Ucraina - i motivi del ritiro dall’asta e al telefono gli fa capire di comprendere quanto seria e nobile sia la richiesta che viene dal Friuli. E dopo aver conosciuto per sommi capi la storia di Bepi gli dice: «Tovarisch, non preoccuparti, ti mando gratuitamente la piastrina del caporale Liani Giuseppe a casa tua, a Komorovo, in Ucraina, con le poste russe». Dopo 15 giorni, Vadim ha la piastrina in mano e telefona a Corrado per comunicargli il successo della missione russa.

    L’alpino Liani torna a casa. Il giovane badante sa bene che con sé porta un piccolo tesoro e nel suo italiano rassicura Liani: «Io no manda per posta, io porto in mia tasca quando torna a Camino». «E così ha fatto un paio di mesi dopo - conclude l’autore del libro -: la piastrina di Bepi, partita con lui con la tradotta militare da Gorizia nell’agosto 1942 è tornata dalla Russia in tasca a Vadim in bus, in compagnia delle badanti che vengono ad assistere i nostri anziani.

    A 70 anni di distanza, due viaggi diversi, ma a loro modo simili, in quanto entrambi carichi di umanità, per un doveroso pareggio che la Storia ha saputo operare».
    Comincio un sacco di cose e non ne finisco nes

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    127

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    LIANI Giuseppe era in forza al 9° Reggimento Alpini.

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,421

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Bellissima storia! Il fratello di mio Nonno materno (Umberto Tolu) purtroppo non è tornato a casa dopo la seconda guerra mondiale e risulta disperso in nord Africa! Mi piacerebbe un giorno riavere la sua piastrina e sé mi dovesse capitare di vederla in vendita su ebay sarei disposto a spendere tanto pur di riportare a casa qualcosa di mio zio!

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,318

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    bella storia!

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Località
    Torino
    Messaggi
    452

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Si, veramente una gran bella storia, con un bel finale.

    Domenico

    www.progetto900.com

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Tobruk1964
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    251

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Una storia bellissima e commovente che ho immaginato tante volte vedendo oggetti simili messi in vendita su inetrnet!

  7. #7
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,062

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Mi associo: gran bella storia che fa notare ancora una volta di più che gli UOMINI DI BUONA VOLONTA' non hanno colore o nazionalità ma sono sempre nostri FRATELLI.
    sven hassel
    duri a morire

  8. #8
    Moderatore L'avatar di squalone1976
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    GENOVA
    Messaggi
    5,659

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Gran bella storia kleiner e grazie di averla condivisa con tutti noi, tra l'altro mi ha fatto venire in mente 2 fratelli di mio nonno alpini dispersi in Russia, e di cui non si è riusciti fino ad ora a trovare traccia.

    Grazie ancora.

    ChM
    Virgo fidelis Usi ubbidir tacendo e tacendo morir

    Non nobis domine, non nobis, sed nomini tuo da gloriam

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    6

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    emozionante davvero!!!

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    cerveteri
    Messaggi
    80

    Re: La piastrina ritorna a casa con le badanti

    Ho avuto la fortuna di riconsegnare una piastrina simile ai nipoti di un disperso. Solo per posta, purtroppo, non di persona.
    Avevo acquistato la piastrina su ebay con il preciso intento di farla riavere ai parenti, senza pero' sapere chi fossero, avevo solo i riferimenti della piastrina stessa.
    Quando mi e' arrivata, dopo due mesi di attesa, ho cominciato a chiedere a tutti se conoscessero la famiglia xxxx di yyyy. Tempo una settimana e mi e' arrivata una email della nipote. Un paio di telefonate e la piastrina e' tornata a loro.

    Io ho avuto la fortuna che mio padre si sia SALVATO dalla Russia. Era nell'81° fanteria e stava per partire con quella destinazione. Pochi giorni prima di partire lo destinarono ad altro reparto. La divisione Torino (81 e 82 rgt) partirono e vennero distrutte in Russia.

    Assicuro tutti che mi sono emozionato, sia nei contatti avuti con la famiglia del disperso, sia pure adesso che scrivo queste poche righe.
    Non chi comincia ma quel che persevera

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato