Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: La Regia Guardia di Finanza nella Grande Guerra

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Nei Secoli Fedele
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    313

    La Regia Guardia di Finanza nella Grande Guerra

    La Regia Guardia di Finanza nella Grande Guerra
    Il 7 e 8 giugno 1915 i battaglioni della Regia G. di F. XII e XIII, vennero aggregati alla 22^ Divisione ed ebbero l'incarico di mantenere contatto con la Brigata "Regina" destinata all'azione principale nel settore del San Michele.
    Passato l'Isonzo, il XII Battaglione raggiungeva Sagrado e si schierava a nord - est di questa località. L'XI Battaglione, unitamente alle Brigate Granatieri di Sardegna e Messina, attaccò le quote 121 e 77 a este della Rocca di Monfalcone. Successivamente il 14 luglio, il X Battaglione con la Brigata "Pinerolo", ebbe il compito di aprire i varchi nei reticolati avversari per preparare un'azione contro le posizioni austriache del Sei Busi e delle alture di Selz.
    Tre squadre di guastatori del X Battaglione adempirono il difficile comkpito. Il tenente Guido Dei Bon e i sottotenenti Chiapparini e Armocida, furono decorati con MAVM e i loro dipendenti con MBVM.
    Nelle azioni contro le alture di Selz, Vermegliano e San Polo, combattute unitamente alla Brigata "Acqui" e al 153° fanteria, il X Battaglione si meritò 9 MAVM, 21 MBVM e 14 CGVM.
    Sul Podgora, il II Battaglione unitamente alla Brigata "Re", attaccò la quota 240 ed il valoroso tenente colonnello Sante Maria, due volte ferito, fu decorato con MAVM per l'azione del 5 luglio.
    Il X e XI Btg della R. G. di F. combatterono a fianco dei fanti della Brigata "Cremona". Il 23 maggio 1916 furono aggregati al Gruppo tattico del XIII C. d'A. e presidiarono le trincee dei Sacchi, degli Scogli, le Doline del Diavono, Gallino e Veneziani. Diedero prova costante in tutte le situazioni di saldo spirito militare, di ferma e sicura fede nella vittoria.
    Il 1° luglio 1916, il XV Btg, a fianco del 16° Rgt fanteria, attaccò la quota 89 con il suo reparto mitraglieri. Caddero tra le guardie di finanza, il brigadiere Manzo ed il vicebrigadiere Pasquale che furono decorati con MBVM.
    Gli eroi delle Fiamme Gialle sono degnamente ricordati sul Monte San Michele con un cippo eretto in loro onore. Nella torre centrale del Sacrario di Oslavia, sono inumate le Salme di numerose Fiamme Gialle, cadute nel settore Calvario - Oslavia.

    Regia Guardia di Finanza in armi 32.000 di cui 12.000 combattenti
    militati Caduti 2.392 - 2.600 feriti - 500 mutilati ed invalidi.

    Ricompense al Valore Militare:
    Alla Bandiera del Corpo 2 MB
    Individuali 14 MA di cui 47 alla memoria - 262 MB - 224 CG - 135 promozioni per merito di guerra.
    " Usi obbedir tacendo e tacendo morir....."

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Franz56
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Località
    Trieste ("Uciolandia")
    Messaggi
    2,976

    Re: La Regia Guardia di Finanza nella Grande Guerra


    Fa sempre piacere leggere queste pagine di storia...
    La vita è un temporale... prenderlo nel .... è un lampo...!!!
    El vento, el ... e i siori i gà sempre fato quel che i gà voludo lori...

    "Se un bischero dice 'azzate vorti'osamente può apri' un varco spazio temporale, in cui può incontrassi po'i se'ondi prima, generando 'osì un'infinita e crescente marea di 'azzate"... Margherita Hack

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •