Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

Discussione: la Rievocazione "Seria"

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053

    la Rievocazione "Seria"

    Hallo
    Lancio questa discussione per parlarvi di cosa sia veramente la rievocazione storica seria, o reenactment che dir si voglia;
    Oggi, 2008, la rievocazione storica, specialmente quella riguardante l`ultima guerra mondiale, è in espansione come non mai;
    se una volta per farsi una divisa storica della seconda guerra mondiale bisognava andare a scovare pezzi originali oppure farseli rifare privatamente da sarti e sartorie oggi si posso facilmente reperire in diversi luoghi e siti di vendita specializzati, le divise ormai vengono rifatte industrialmente con una minuzia nel particolare pari a quelle dell`epoca;
    ma non bisogna farsi ingannare, non è che perché oggi fanno divise perfette nel dettaglio chiunque può improvvisarsi rievocatore dall`oggi al domani, come purtroppo molto spesso capita;
    Il vero rievocatore o reenactor studia l`esercito e la divisa che rievoca, passa tanto tempo sui libri, sui manuali, nei musei, a cercare di carpire ogni possibile informazione e l`animo di ciò che è stato e prende anche informazioni dai reduci, ove possibile.
    Devo dire che con il migliorare delle condizioni di reperimento del materiale purtroppo è arrivato anche un peggioramento dello standard del rievocatore.
    Nell`arco della mia carriera rievocativa, (che può essere lunga o breve a seconda dei punti di vista), mi è capitato di vedere cose che dire indicibili è dire poco: gente che indossava una divisa senza minimamente sapere cosa portava, gradi, distintivi e medaglie che si sprecavano, gente vestita da paracadutista alta 1.50 mt grassa come un krapfen, (con rispetto per il nostro di krapfen), e con un aspetto più da anarchico che da militare, bambini di 10/12 anni vestiti da GI yankee con equipaggiamenti inverosimili, gente che metteva medaglie e armi di scavo mezzi mangiati dalla ruggine che aveva reperito nella seconda attività* di MD.
    Io sono una persona schietta e mi piace parlare chiaro, la rievocazione storica, specialmente quella dell`ultimo conflitto, NON E PER TUTTI, bisogna anche avere il cosiddetto "fisique du role" e anche l`età* giusta per farlo, un dodicenne o un settantenne non mi posso rivestire certi ruoli, non è storicamente consono.
    Un'altra grande cosa, molto importante, che io ho visto nel corso degli anni è il comportamento del rievocatore nei confronti di ciò che fa, non è che perché si indossa la divisa per quei giorni gli è permesso tutto e si deve credere chissà* chi, anzi al contrario, deve mantenere di più il cosiddetto "basso profilo", perciò quando vado ai raduni e vedo gente che si veste magari da "pseudo Tedeschi", (dico pseudo perché in quei casi di Tedesco non c`era manco la divisa), e si comportano come se il mondo gli appartenesse mi fa alterare profondamente, già* la rievocazione storica ha un tasso di sopportazione che scorre sul filo di un rasoio se poi si hanno comportamenti incivili il castello di carte crolla.
    Un grande problema della rievocazione in Italia che ho visto è che pochi vogliono stare in un gruppo e seguire l`annesso standard che impone quel gruppo: fin`ora ho visto ben pochi gruppi rievocativi della seconda guerra mondiale che siano degni di questo nome, si possono contare sulle dita di una mano, e in compenso ho visto tantissimi "freelance" o come amo definirli io "cani sciolti", che poi sono sempre quelli che fanno cose di cui poi bisogna prendere le distanze.
    Un altro comportamento molto sbagliato, che fin`ora ho trovato principalmente qua in Italia è quello di voler fare tutto senza avvalersi dei regolamenti d`epoca, nessuno vuole indossare una divisa e un equipaggiamento regolamentare, vogliono tutti mettersi equipaggiamenti e armi catturate, divise con accorgimenti da veterani del fronte, armi celebri anziché quelle meno conosciute ma più normali per il ruolo rivestito, ecc.
    Tanti si barricano dietro la scusante che hanno visto e/o sono in possesso di tal foto o tal filmato in cui si vede portare tal cosa in tal modo, io a tutto ciò rispondo con "e chi se ne frega?", è più bello vedere un gruppo di soldati tutti vestiti in maniera uguale, tutti con le stesse armi, tutti in tenuta perfetta e regolamentare oppure un branco di gente vestita tutto in modo diverso, con tenute che magari richiamano più una festa di carnevale che non una manifestazione a carattere storico?
    Forse la prima opzione è quella migliore....
    Anche "l`intrusione" di oggetti moderni è un grosso segno di poca serietà*, (orologi, occhiali, e oggetti vari in vista).
    Sempre nell`ambito del comportamento e dello studio dei manuali io devo dire che poi nessuno ha piena conoscenza di cosa sia un militare, più volte è capitato che ad una manifestazione storica si dovesse porre una corona ad un monumento ai caduti o a ricordo di un determinato evento bellico e fosse richiesta la presenza di un gruppo di persone in divisa storica, si cercava di metterli inquadrati in modo da "sembrare" un reparto di militari e alla magari semplice richiesta di fare un presentat`arm con le armi d`epoca si veniva guardati come dei marziani, e magari persone che lo sapevano fare erano costrette a restare ferme.
    Io sono apertamente contro tutti questi "lengheri pezzati" che si credono grandi rievocatori poi sono poco più di rappresentanze di carnevale, che ci si chiede se abbiano mai fatto veramente il militare.
    In definitiva il vero rievocatore, per poter essere veramente considerato serio e diligente deve portare la divisa in modo perfettamente regolamentare, perché solo così può far vedere realmente come erano le divise dell`epoca, deve sapere quantomeno un po` di movenze in ordine chiuso con l`arma di regolamentare dotazione, (drill), almeno le cose basilari, (present`arm, pied`arm, spall`arm), cosicché può sempre mostrare come funzionava il tutto nell`esercito che rievoca, e poi fa sempre bella figura vedere uno che ti sa fare un bel present`arm alle manifestazioni.
    Avere una buona conoscenza di ciò che indossa e perché lo indossa e soprattutto autoimporsi un minimo di decenza in quello che indossa, (buoni tutti a vestirsi da Generali coperti di patacche d`ogni sorta, ma quanti sono in grado di vestirsi da soldati semplici senza alcuna decorazione?).
    Un buon rievocatore poi durante le manifestazioni deve rifiutare qualsiasi intrusione di oggetti moderni o che non c`entrano, (mangiare nelle gavette d`epoca anziché nel piattino di plastica fa più effetto ed è molto più consono, oppure usare un orologio da polso in stile con l`epoca anziché un modernissimo digitale di gomma, portare occhiali da sole dell`epoca anziché un paio di rai ban dell`ultima generazione, cercare di tenere nascosti i cellulari e oggetti simili), in quanto si cerca comunque di ricreare l`atmosfera dell`epoca e il modo di essere dell`epoca.
    Queste sono solo alcune delle tante cose che possono permettere di migliorare lo standard della rievocazione storica, rendendola da una carnevalata ad un vero e proprio viaggio attraverso il tempo nella storia militare.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    1,461

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Concordo con la maggior parte di ciò che dici, a parte, lo sai, della faccenda delle uniformi: se si vuol rappresentare il soldato "del fronte" spesso le "aregolamentarietà*" sono quasi necessarie e devono essere studiate quanto l'uniforme da parata e sono altrettanto interessanti; ovviamente, per picchetti e simili, una divisa più corretta, regolamentare e identica alle altre sarebbe meglio.
    Ciao
    Pvt Guy P Rossi

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Ciao Fritz, io ti ho conosciuto solo di sfuggita e per pochi minuti a Novegro ragion per cui le mie impressioni sono per forza di cose viziate dalla poca conoscenza e da quello che posso avere capito di te dai vari topic postati ed anche la tua età* può trarre in inganno.
    Devo dire però che questa tua lunga dissertazione mi ha colpito favorevolmente per la passione e per la maturità* di quanto esposto.
    Credo che buona parte dei partecipanti si dedichino a questo "sport" per gioco ed effettivamente alcuni filmati visti in rete non davano veramente l'idea di reparti organici ma più quella di gruppi da combattimento del marzo 45 inoltrato. Disciplina 0 ,omogeneità* 5 e fisico 6, oltre al fatto che si muovevano come se il nemico non esistesse, come in realtà* è purtroppo per la scena.
    Certo che per chi si avvicina pieno di aspettative per fare il parà* è difficile capire che al massimo potrebbe fare il nano del circo Togni ma in effetti un minimo di fisicità* ci vorrebbe.
    Come tutte le cose che diventano "moda" purtroppo attirano persone il cui unico motto è "voglio giocare anch'io" e non importa se non sono in grado di farlo o se facendolo rovinano il divertimento degli altri.
    Chi impersona un soldato dovrebbe essere un soldato almeno nella finzione ed adeguarsi al personaggio. Un poco attore insomma. E come ci sono gli attori cani evidentemente ci sono i cani anche tra i reenactors. Gli attori però quando sono scarsi o si migliorano o non lavorano mentre nel tuo settore non credo che questa regola sia applicabile.
    Magari qualcuno leggendo questo tuo "sfogo" si riconoscerà* e cercherà* di migliorarsi ma io non ci conterei molto.
    Comunque le cose è sempre meglio dirle chiaramente e non si può dire che tu non lo sia stato.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    4,053

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Ciao Fritz, io ti ho conosciuto solo di sfuggita e per pochi minuti a Novegro ragion per cui le mie impressioni sono per forza di cose viziate dalla poca conoscenza e da quello che posso avere capito di te dai vari topic postati ed anche la tua età* può trarre in inganno.
    Devo dire però che questa tua lunga dissertazione mi ha colpito favorevolmente per la passione e per la maturità* di quanto esposto.
    Credo che buona parte dei partecipanti si dedichino a questo "sport" per gioco ed effettivamente alcuni filmati visti in rete non davano veramente l'idea di reparti organici ma più quella di gruppi da combattimento del marzo 45 inoltrato. Disciplina 0 ,omogeneità* 5 e fisico 6, oltre al fatto che si muovevano come se il nemico non esistesse, come in realtà* è purtroppo per la scena.
    Certo che per chi si avvicina pieno di aspettative per fare il parà* è difficile capire che al massimo potrebbe fare il nano del circo Togni ma in effetti un minimo di fisicità* ci vorrebbe.
    Come tutte le cose che diventano "moda" purtroppo attirano persone il cui unico motto è "voglio giocare anch'io" e non importa se non sono in grado di farlo o se facendolo rovinano il divertimento degli altri.
    Chi impersona un soldato dovrebbe essere un soldato almeno nella finzione ed adeguarsi al personaggio. Un poco attore insomma. E come ci sono gli attori cani evidentemente ci sono i cani anche tra i reenactors. Gli attori però quando sono scarsi o si migliorano o non lavorano mentre nel tuo settore non credo che questa regola sia applicabile.
    Magari qualcuno leggendo questo tuo "sfogo" si riconoscerà* e cercherà* di migliorarsi ma io non ci conterei molto.
    Comunque le cose è sempre meglio dirle chiaramente e non si può dire che tu non lo sia stato.
    Ciao
    Andrea
    Grazie del tuo intervento Andrea58, si sono molto giovane ma non deve trarre in inganno la mia età*, perchè ho conosciuto diversi reenactor più vecchi di me che serietà* e maturità* in ciò che facevano erano a 0.
    Ecco una giusta osservazione la tua, il buon rievocatore deve essere un pò anche attore e purtroppo è vera anche la seconda parte, in questo caso il migliorarsi o cercarsi un altro lavoro non è facilmente applicabile, anche nei gruppi è molto difficile riuscire a far perdere quella mentalità* che siccome è un hobby deve essere fatto in maniera poco seria e diligente, un passatempo deve essere fatto seriamente e in modo giusto quanto un lavoro a parer mio, ma credo che siano pochi quelli che condividono il mio modo di vedere.
    Io spero che il mio "sfogo", come lo chiami tu, non rimanga inascoltato, anzi, che serva a scuotere un pò e magari far capire alla gente che crede che il reenactment possa essere fatto da chiunque che non è così.
    Io stesso mi sono posto la prerogativa che nel quando non abbia più il fisico o l'età* adatta per fare questa cosa l'abbandonerò, perchè sarei ridicolo altrimenti.
    Beh, non definirei la rievocazione storica una moda, in quanto quì nel nostro paese è una cosa proprio sull'orlo della tolleranza da parte delle autorità*.

    Per Guy: lo sai come vedo la cosa, se si stà* a fare i soldati "del fronte" le aregolamentarità* si sprecano e poi il discorso uniformità* che può distinguere un gruppo va a farsi friggiere, secondo me per quello che al momento si riesce a fare in Italia è molto più bello fare un reparto appena uscito da una caserma, con tutte le uniformi uguali, in ordine, con il giusto equipaggiamento, le armi regolamentari, gradi bassi per tutti, autoregolamentazione per le decorazioni, ecc.
    Semmai un domani si riuscirà* ad ottenere questo risultato per tutti si potrà* anche pensare a fare cose aregolamentari, ma per adesso è un discorso troppo irrealizabile.

    Saluti
    Die Nadel
    Komm mein Schatz, denn wir fahren nach Croce D’Aune

    Canale youtube: http://www.youtube.com/user/Feldgragruppe?feature=mhee

    Sito web: http://www.feldgrau.eu/

    Pagina facebook: http://www.facebook.com/Feldgraugruppe

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Chi impersona un soldato dovrebbe essere un soldato almeno nella finzione ed adeguarsi al personaggio. Un poco attore insomma. E come ci sono gli attori cani evidentemente ci sono i cani anche tra i reenactors.


    Perfettamente d'accordo.
    Ed un plauso a Fritz.
    Aggiungo anche che ora capirete perhè non mi butto nel mondo dei reenactors,proprio per quanto quotato sullo scritto di Andrea58.
    Come vi ho sempre detto,o le cose si fanno bene ed a fondo,o non si fanno

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    27

    Re: la Rievocazione "Seria"

    A grandi linee sono d'accordo con Nadel, ma credo che oltre al bianco e al nero ci siano una serie di grigi, magari perchè iniziano adesso, perchè imparano dai propri errori ecc,ecc, un reen non si improvvisa ma è un percorso per arrivare ad una perfezione a cui in molti si aspira magari con risultati diversi, io ho 45 anni, mi piace ma purtroppo con la mia età* mi porto dietro anche una pancetta che cerco di smaltire prima delle manifestazioni, se non riesco pur non avendo il fisique du role che faccio?
    Un caro saluto a tutti

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Citazione Originariamente Scritto da Ospite
    A grandi linee sono d'accordo con Nadel, ma credo che oltre al bianco e al nero ci siano una serie di grigi, magari perchè iniziano adesso, perchè imparano dai propri errori ecc,ecc, un reen non si improvvisa ma è un percorso per arrivare ad una perfezione a cui in molti si aspira magari con risultati diversi, io ho 45 anni, mi piace ma purtroppo con la mia età* mi porto dietro anche una pancetta che cerco di smaltire prima delle manifestazioni, se non riesco pur non avendo il fisique du role che faccio?
    Un caro saluto a tutti
    Prendo spunto da questa tua risposta per rispondere anche a Fritz.
    Il discorso della fisicità* e dell'età* credo che abbiano un certo peso nel vostro settore.
    Come un generale di 20 anni è incongruo lo è, anche se meno, un fantaccino di 60.
    Fritz potrà* risolvere il problema promuovendosi un poco, non è necessario essere tutti generali, ed un capitano od un maggiore di 50 sono abbastanza congrui. In quanto alla pancetta non parlarmene, io che non faccio reenactement ho una pancia che mi qualificherebbe subito come maresciallo di sussistenza imboscato nelle retrovie.
    Conosco parecchi marescialii veri con lo stesso problema ma non per questo non lavorano più.
    Credo che la soluzione più semplice di questo tipo di problema sia quella che si prende nella vita di tutti i giorni ed adattare il nostro abbigliamento alla nostra taglia. Se io cercassi di indossare ancora i jeans della taglia dei 20 anni sarei patetico nonchè ridicolo ma questo non vuole dire che mi siano preclusi della taglia giusta.
    ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    27

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Citazione Originariamente Scritto da Die Nadel
    Il vero rievocatore o reenactor studia l`esercito e la divisa che rievoca, passa tanto tempo sui libri, sui manuali, nei musei, a cercare di carpire ogni possibile informazione e l`animo di ciò che è stato e prende anche informazioni dai reduci, ove possibile.
    Perdonami Die Nabel ma ciò che scrivi è ben diverso da ciò che "pratichi"
    Avevo inserito un'altro messaggio in altro topic ma è stato cancellato allora mi ripropongo qui.
    Nella discussione "Das Reich-SS Shutze" scrivi Da recenti informazioni datemi dal nostro Comandante la fascetta da braccio come l'aquila andavano non a 15 cm, (non 14,5), ma a 19 cm; ,questo dimostra che il tuo "comandante non sà* nulla di Uniformologia e che non si è mai soffermato a guardare delle immagini d'epoca.Mica le fascette le portavano ascellari! la misura giusta varia dai 13,5cm ai 14cm.
    Nella discussione "Replica WSS Panzer" hai asserito che: Lo schirmutze con il Waffenfarbe rosa panzer veniva usato normalmente, anche se era più usato sulla divisa campale nera anzichè sulla feldgrau da libera uscitaEsu quella Feldgrau cosa usavano?
    Per il giacchino panzer nero(uniforme da campo) era prevista la bustina nera o il feldmutze,il berretto a visiera era solo un vezzo,quindi lo Schirmutze è il copricapo corretto per quell'uniforme.
    Ancora asserisci che:Il profilo non sarebbe bianco ma argentato e poi in sè non lo usava nessuno, se non gli alti UfficialiIl profilo argentato era solo per i Generali ecco perchè nessun'altro ufficiale di grado inferiore lo usava mentre il colore bianco era quello corretto visto che i colori dell'arma già* a metà* del 1940 furono aboliti per le W-SS ed unificati con il bianco.Difatto i vari colori furono consentiti dal regolamento per soli pochi mesi.
    E si prosegue con perchè mi hai messo la Croce di ferro di 1° Classe mettendo però il nastrino della 2°Classe sopra il taschino assieme alla Croce di Guerra al merito, in genere almeno un nastrino lo si metteva all'occhiello del bottone Ma questa chi l'ha detta? basta sfogliare libri con foto depoca per vedere che non è vero.
    In "Replica Allgemeine SS" hai commesso un'altra infinità* di errori storici/uniformologici:
    Dici:intanto si fà* un errore di base a definire le divise nere da cerimonia delle SS;l'Allgemeine SS era un titolo onorifico più che altro, non una divisa;
    Assolutamente errato!Le Allgemeine erano una cosa,le WaffenSS un'altra,le SD un'altra ancora ecc,ecc.La divisa nera delle Allgemeine non era mica un'uniforme da cerimonia,tuttalpiù erano le allgemeine ad esere un corpo da cerimonia se proprio le si vuole definire così.
    Nello stesso topic:il cinturone, tu vuoi fare una tenuta da parata oppure una semplice tenuta delle SS anteguerra? nel primo caso dovresti acquistare un cinturone bianco con fibbia rotonda da Ufficiale, nel secondo caso le opzioni sono due, la prima è usare un cinturone di tipo sambrowne a doppio ardiglione nero oppure un normale cinturone nero con fibbia tonda da UfficialeMa chè?Un'ufficiale delle Allgemeine durante una cerimonia portava il cinturone "inbroccato" e non bianco che era previsto per la truppa della Leibstandarte AH e solo in determinate circostanze.
    Ed ancora:e quella fascia si è conservata fino a quando le divise nere da cerimonia non vennero sostituite dalle feldgrau.Ma è uno scherzo?Le divise delle Allgemeine non sono mai state sostituite da quelle Feldgrau,tuttalpiù quelle nere delle SSVT sostitutite con quelle feldgrau!
    Die Nabel:Beh in sè l'Allgemeine SS era l'organo di comando delle SS, erano tutti i membri non combattenti e non utilizzati nei vari ruoli delle SS, (polizia, guardia ai campi, ecc.), e venivano considerati come il "non plus ultra" delle SS dal Reichfuhrer Himmler????questa mi è nuova!l'Allgemeine SS poi aveva anche una graduatoria a se: uno poteva essere un Brigadenfuhrer dell'Allgemeine ma un semplicissimo sturmann nelle Waffen SS.Quindi personaggi come Sepp Dietrich,entrato nelle SS prima della creazione delle Waffen,una volta passato nel corpo combattenti sarebbe stato un soldato semplice?ma perfavore.Dall'inizio tutti gli ufficiali provenivano dall'esercito e molti erano veterani della 1GM e mantennero il loro grado entrati nelle ss....qualsiasi corpo fosse.
    Die Nabel:di solito portavano semplicemente sulla normale divisa Heer la fascetta da braccio con la dicitura "Allgemeine SS"MMMMMM,questo è uno schero.....birichino.
    Ancora:nelle Allgemeine SS in genere avevano tutti un grado altoMa che cavolata è questa,nelle Allgemeine avevano la stessa percentuale di truppa e ufficiali cone nelle W SS,e poi mi spiegheresti una cosa?perchè se le allgemeine è una divisa da cerimonia ci sarebbero più ufficiali? .............e gli altri?

    Scusate la lungagine di questo intervento,intervento che ho cercato di ridurre visto che avrei potuto mensionare tante altre cose o errori,ma mi pareva dovuto visto la malainformazione che c'è stata.

    Cordialità* A.D.

  9. #9
    Banned
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Trento
    Messaggi
    85

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Premessa : non sono un reenactor ma uno studioso (amatoriale) di storia militare e uniformi italiane, Decima M.A.S. in particolare.
    Da qualche tempo ho lasciato il mondo del collezionismo "ufficiale", quello dei pezzi originali, e mi sono dedicato alle riproduzioni per una serie di motivi che non sto a ripetere.
    Si tratta comunque di qualche acquisto abbastanza sporadico.

    Ho fatto il reenactor vero e proprio una sola volta : a Bologna da Ansaloni 4 o 5 anni fa, unendomi al gruppo Italia per conoscenze personali.
    Mi è piaciuto? Si e no... occorre sempre fare i conti con le aspettative del singolo.

    Carina la simulazione di battaglia ma, personalmente, mi sono sentito più "nella storia" nel "dopo"... quando ci siamo trovati nell'area rinfresco con una tavolata "Decima" e l'altra di tedeschi (che erano veramente tali!).
    Volavano occhiate un po diffidenti, amici si ma... parliamone, poi con qualche bicchiere di vino il tutto si è un po disteso e sono iniziati gli scambi camerateschi.

    Perchè questo? Perchè conoscevamo la storia, sapevamo quali erano i rapporti di allora e ci veniva spontaneo comportarci di conseguenza.
    In poche parole : altro che "physique du rà´le", conoscevamo il copione!!!!

    Francamente non entrerei mai in un gruppo organizzato di reenactment; i motivi sono vari, dai più futili ai più soggettivi, ai più seri:
    1) Mi piace indossare le uniformi che conosco (in senso storico) quasi fosse un "coronamento" della mia ricerca;
    2) Farsi comandare da un ragazzino che sa poco, ma ha un grado più alto perchè presente nel gruppo da più tempo? Manco morto!
    3) Le battaglie non mi interessano più di tanto, per fare un parallelo non mi sono mai avvicinato al soft-air;

    Insomma : se qualcuno mi proponesse un luogo dove si passeggia in uniforme d'epoca, beh, mi farei dare subito le info per andarci.
    Alla proposta "vieni ad un raduno di reenactment con campeggio e simulazione di battaglia?" risponderei "grazie, ma ho un'altro impegno".

    Tutto questo per dire che generalizzare è quasi sempre errato, come esistono i duri, puri e organizzati esistono i "freelance" che si godono solo qualche ora in uniforme sognando le scene storiche che hanno studiato...

    Nessuno dei due sbaglia, sono modi di essere differenti. IMHO

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: la Rievocazione "Seria"

    Faccio la stessa domanda al nostro ospite ed a Fritz per comodità*
    I tedeschi codificano tutto anche l'inutile.
    Non esistono dei regolamenti a cui fare riferimento?
    Che poi il soldato al fronte andasse in combattimento anche se non vestito come da regolamento è un'altra faccenda comprensibile e giustificata dalla situazione contingente.
    Molti settori del collezionismo utilizzano questa pratica senza problemi tipo quello dei mezzi militari storici. Se hai una Willys non monti bulloni MB e viceversa anche se sicuramente la priorità* per i meccanici era che il mezzo fosse marciante e non la congruità* storica.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato