Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: La sagra di Giarabub

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    1,391

    La sagra di Giarabub

    "La sagra di Giarabub" č una canzone militare italiana.
    Scritta nel 1941 da Alberto Simeoni e Ferrante Alvaro de Torres e musicata da Mario Ruccione, dopo la battaglia di Giarabub dove dal dicembre 1940 al marzo 1941, in un'oasi Libica al confine con l'Egitto, isolate truppe italiane resistettero agli inglesi, fino alla fine dei viveri e delle munizioni.

    Ecco il link: La sagra di Giarabub - YouTube

    Ecco il testo:

    Inchiodata sul palmeto
    veglia immobile la luna
    a cavallo della duna
    sta l'antico minareto
    Squilli, macchine, bandiere,
    scoppi, sangue! Dimmi tu,
    che succede, cammelliere?
    Č la sagra di Giarabub!
    Colonnello,non voglio il pane,
    dammi il piombo del mio moschetto!
    C'č la terra del mio sacchetto
    che per oggi mi basterą.
    Colonnello, non voglio l'acqua,
    dammi il fuoco distruggitore!
    Con il sangue di questo cuore
    La mia sete si spegnerą.
    Colonnello, non voglio il cambio,
    qui nessuno ritorna indietro!
    Non si cede neppure un metro,
    se la morte non passerą.
    Spunta gią l'erba novella
    dove il sangue scese a rivi.
    Quei fantasmi, sentinella,
    sono morti o sono vivi?
    E chi parla a noi vicino?
    Cammelliere, non sei tu!
    In ginocchio, pellegrino,
    son le voci di Giarabub!
    Colonnello, non voglio il pane,
    dammi il piombo del mio moschetto!
    C'č la terra del mio sacchetto
    che per oggi mi basterą.
    Colonnello, non voglio l'acqua,
    dammi il fuoco distruggitore
    !
    Con il sangue di questo cuore
    La mia sete si spegnerą.
    Colonnello, non voglio il cambio,
    qui nessuno ritorna indietro!
    Non si cede neppure un metro,
    se la morte non passerą.
    Colonnello, non voglio encomi
    sono morto per la mia terra
    ma la fine dell'Inghilterra
    Incomincia da Giarabub!
    Sono anche su Facebook: German militaria collezionismo

  2. #2
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Citazione Originariamente Scritto da Hans 98 Visualizza Messaggio
    "La sagra di Giarabub" č una canzone militare italiana.
    Scritta nel 1941 da Alberto Simeoni e Ferrante Alvaro de Torres e musicata da Mario Ruccione, dopo la battaglia di Giarabub dove dal dicembre 1940 al marzo 1941, in un'oasi Libica al confine con l'Egitto, isolate truppe italiane resistettero agli inglesi, fino alla fine dei viveri e delle munizioni.

    Ecco il link: La sagra di Giarabub - YouTube

    Ecco il testo:

    Inchiodata sul palmeto
    veglia immobile la luna
    a cavallo della duna
    sta l'antico minareto
    Squilli, macchine, bandiere,
    scoppi, sangue! Dimmi tu,
    che succede, cammelliere?
    Č la sagra di Giarabub!
    Colonnello,non voglio il pane,
    dammi il piombo del mio moschetto!
    C'č la terra del mio sacchetto
    che per oggi mi basterą.
    Colonnello, non voglio l'acqua,
    dammi il fuoco distruggitore!
    Con il sangue di questo cuore
    La mia sete si spegnerą.
    Colonnello, non voglio il cambio,
    qui nessuno ritorna indietro!
    Non si cede neppure un metro,
    se la morte non passerą.
    Spunta gią l'erba novella
    dove il sangue scese a rivi.
    Quei fantasmi, sentinella,
    sono morti o sono vivi?
    E chi parla a noi vicino?
    Cammelliere, non sei tu!
    In ginocchio, pellegrino,
    son le voci di Giarabub!
    Colonnello, non voglio il pane,
    dammi il piombo del mio moschetto!
    C'č la terra del mio sacchetto
    che per oggi mi basterą.
    Colonnello, non voglio l'acqua,
    dammi il fuoco distruggitore
    !
    Con il sangue di questo cuore
    La mia sete si spegnerą.
    Colonnello, non voglio il cambio,
    qui nessuno ritorna indietro!
    Non si cede neppure un metro,
    se la morte non passerą.
    Colonnello, non voglio encomi
    sono morto per la mia terra
    ma la fine dell'Inghilterra
    Incomincia da Giarabub!
    ______


    Gli autori furono profetici: nonostante la sconfitta italiana il pił grande impero coloniale del mondo, quello di S.M. Britannica, implose proprio per le istanze di libertą diffusesi tra le popolazioni coloniali durante la 2^ g.m.
    "MA LA FINE DELL' INGHILTERRA INCOMINCIA DA GIARABUB..."
    "Chissą a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  3. #3
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Nel 1950 Salvatore Castagna, l' eroe di Giarabub era rientrato in servizio nell' E.I. assumendo il commando del Rgt. Ftr. Nembo in Alto Adige. In occasione di una cerimonia pubblica la folla chiese a gran voce che la banda militare presente eseguisse la canzone "La Sagra di Giarabub". Grande fu lo stupore quando si seppe che i giovani musicanti non la conoscevano. Era cominciato il lungo dopoguerra italiano e la rimozione di tutto quanto aveva a che fare con la "guerra non sentita" del 1940 -1943...
    "Chissą a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •