Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: la sporca guerra degli italiani

  1. #1
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,396

    la sporca guerra degli italiani

    Vorrei aprire questo post per commentare l'ultima trasmissione della serie "LE GUERRE DEGLI ITALIANI" portante lo stesso titolo ed andata in onda su rete 4 domenica scorsa.
    I curatori avevano come oggetto principale la campagna di Grecia ed il successivo periodo di occupazione partendo dalle ricerce di uno storico greco i cui parenti furono uccisi in un villaggio completamente distrutto in una azione "antipartigiana". Il tono era calmo e la storica italiana riportava citando brani dell'archivio miltiare dell'esercito con le disposizioni degli ufficiali superiori in merito. Ovviamente poi si è parlato degli stessi metodi in Etiopia e Libia e nella parte di Regono iugoslavo occupato ( dovrebbe essere Slovenia).
    Personalmente non ero completamente digiuno del tutto perchè da ragazzo ho conosciuto il nonno siciliano di uno dei miei compagni di vacanze che aveva fatto la guerra in Grecia e quelle poche cose che diceva a dei ragazzini erano molto forti.
    Mi piacerebbe sentire qualche pacato commento in merito.
    sven hassel
    duri a morire

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,790

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Caro Tiziano conosco personalmente almeno tre persone che negli anni 70 rinunciarono ad un viaggio "premio" in quella che era la ex Yugoslavia per paura di venire riconosciuti dai superstiti di quelle azioni "antipartigiane".

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Imola BO
    Messaggi
    81

    Re: la sporca guerra degli italiani

    salve


    faccio parte del ANA cosa che mi ha permesso di conoscere molti reduci alcuni di loro raccontavano episodi abbastanza cruenti e non desideravano ritornare nei luoghi che erano stati testimoni di tali eventi

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Partiamo da un presupposto, in guerra la rappresaglia esiste ed è codificata. Addirittura inglesi ed americani erano più duri di noi in questo campo ma tutto rientra nella legalità* quando l'azione rispetta le regole stabilite. Non ricordo dove ho letto la raccomandazione di non far partecipare ai rastrellamenti ed alle azioni di ritorsione le truppe interessate e fatte oggetto di imboscate o azioni simili. Questo è logico in quanto la sete di vendetta può prendere la mano a chi ha il dente avvelenato ma questa regola è spesso stata disattesa causando i ben noti disastri. Poi c'è la possibilità* di azioni partite nel rispetto delle regole e sfuggite di mano. In questo caso ritengo che la colpa sia degli ufficiali, non abbastanza di polso od addirittura conniventi. Poi ci sono le vere e proprie azioni criminali concepite solo a fini "terroristici" e queste per quanto rare sono quelle che più colpiscono anche per le modalità* di esecuzione spesso inumane. Diciamo che la stessa azione nello stesso contesto ma metodologie di esecuzione diverse crea più o meno orrore. Se per rappresaglia fucilo od impicco degli ostaggi per quanto deprecabile rimango nella legalità* se questi sono uomini. Se comincio a rivolgere le mie attenzioni verso l'intera popolazione però la situazione cambia e molto. Se arrivo poi alla follia di usare metodi di soppressione inumani non si può più parlare di rappresaglia ma solo di massacro.
    In quanto al fatto che queste azioni siano codificate dall'alto non deve meravigliare anzi deve essere la regola per evitare le accuse a posteriori. Certo che non posso credere che nei documenti citati dello stato maggiore ci fosse scritto esplicitamente " Andate nel villaggio greco X e massacrate tutti donne e bambini compresi", nessuno è così stupido da scriverlo.
    Relativamente alle nostre colonie a volte i metodi di pacificazione erano a dir poco brutali ma sembra che in Africa quasi si giocasse con regole diverse, ben più dure di quelle continentali. Ricordiamoci che la deportazione dei civili e il loro invio nei campi di concentramento fu l'invenzione che permise agli inglesi di pacificare il Sudafrica.In quanto poi al fatto che si parlasse di eccidi perpetrati dalle nostre truppe in un programma italiano ricordo la nota propensione italiana ad auto incensarsi con abbondanti palate di letame, possibilmente fresco. Non dico che non sia successo ma solo che per nostra fortuna furono casi veramente eccezionali, non meno deprecabili ma sporadici. Spero di essere stato abbastanza pacato nell'esposizione e di non sollevare polemiche.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  5. #5
    Moderatore L'avatar di serpico
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,648

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Mio nonno ha fatto la Jugoslavia in Montenero come camicia nera. Era reduce dall'Etiopia sempre come camicia nera e di episodi crudi ne ha visti. Mi ha sempre detto che non tutti partecipavano a questi episodi, ma che purtroppo sono capitati.
    Come ho già* avuto modo di dire, dal mio punto di vista la guerra è una cosa sporca e porta a galla i sentimenti e le emozioni più estreme dell'essere umano.....belle o terribili che siano.
    Ho visto anch'io il programma citato all'inizio del topic, e non mi sono stupito per nulla di quello che sentivo. Non esistono eserciti buoni o cattivi, ma solo uomini in guerra e nel mio piccolo, anch'io mi sono trovato, in determinate situazioni di stress e di tensione, a fare cose che non avrei mai pensato e di alcune di loro ancora oggi un po' mi vergogno.
    VEDO TUTTO, OSSERVO MOLTO, DISSIMULO POCO!

  6. #6
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,396

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Vedo con piacere che il topic prende una buona forma.
    Per Andrea 58 ovviamente quanto detto dalla storica non era:" andate in quel villaggio e radetelo al suolo", ma il generale comandante della zona dichiarava di modificare le azioni di antiguerriglia considerando conniventi (la parola esatta non me la ricordo) non solo i veri partigiani presi con armi ma anche tutti gli abitanti dei villaggi vicini ad azioni di guerriglia e ne ordinava la distruzione dei villaggi e loro fucilazione.
    Poi interessante era il fatto del non procedere a processi dopo la guerra per accordi tra alleati e governo greco.
    Concordo pienamente con 128 LEGIO quando dice che comunque la guerra è una brutta bestia da chiunque sia combattuta ed invitabilmetne si porta sempre dietro una scia di morti, distruzioni ed odi.
    sven hassel
    duri a morire

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    1,569

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Qui da noi sono successe tante porcate prima durante e dopo la guerra.
    Dove covivevano pacificamente 4 lingue (tedesco italiano ungherese e sloveno)
    sono arrivati i fascisti e da lì è partito tutto.
    si parla degli anni trenta e della "italianizzazione" delle popolazioni slave.
    Oltre non mi interessa aggiungere tra foibe piene di innocenti italiani e massacri di sloveni inermi.
    Ste storie qui da noi han rotto le balle per un 70 anni, spero sia finita definitivamente
    finito, lo spero ma non ci son troppo convinto.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    T.L.T.
    Messaggi
    2,297

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Già*.
    Basti pensare che Lubiana, in sloveno Ljubljana, in tedesco Laibach, ora capitale della Slovenia, è stata dichiarata Provincia italiana a tutti gli effetti e si pretendeva che la popolazione parlasse italiano. Magari potevano saper parlare tedesco, visto che avevano fatto parte, come Trieste, dell'Impero austro-ungarico, ma l'italiano non lo conoscevano per niente.

    Nota la frase del generale Robotti: "Si ammazza troppo poco", mentre il generale Gambara, nuovo comandante dell'XI CdA in Slovenia, afferma in data 17.12.1942 : "Logico ed opportuno che campo di concentramento non significhi campo d'ingrassamento. Individuo malato = individuo che sta tranquillo".

    Qui c'è un sito che riporta documenti e foto dell'epoca.
    http://www.criminidiguerra.it/itinerari.shtml

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    602

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Ho un nonno reduce come truppa d'occupazione in Grecia con il 67° reggimento Palermo, poi deportato in campo di concentramento e ha finito la guerra come titino nel X corpus, quando si apre ai ricordi, è incredibile quello che trasmette, la popolazione greca che era piu' misera della nostra, la crudeltà* della guerra, spianò una volta il cavalleria sul muso di due commilitoni che volevano abusare di una ragazzina, uomo semplice e di poche parole descrisse un'attacco titino ad una tradotta, la ferocia nel contrastare gli invasori, un'altra volta mentre scortava dei prigionieri ne sentì due parlare in italiano, con la divisa tedesca addosso, "ma siete italiani... via scappate, fuggite" e li fece andare a rischio della propria vita, frammenti che cerco di rimettere insieme, piano piano, i suoi occhi parlano piu' di mille parole.
    Penso che le frittate non si possono fare senza rompere le uova, e parlare di quei luoghi, pacatamente come fate sicuramente è meritevole, senza scendere in luoghi comuni o fare la conta di chi ne ha ammazzati di piu',
    Quelle terre che sono passate dalle amministrazioni austrungariche a quelle italiane e poi tedesche, terre di confine sia religiose, che di popolazioni, terre che malgrado la loro vicinanza ne sappiamo abbastanza poco, perlomeno io,

    aggiungete, aggiungete, berrò volentieri a questo calice

    Un saluto Daniele

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    1,569

    Re: la sporca guerra degli italiani

    Ma non ti basta il "pasto completo" dei ricordi di Tuo nonno?
    allora sei come me ingordo e ghiotto di storie di vita vissuta da chi c'era ed ha visto.
    Mia madre si ricordava di tedeschi e partigiani, aveva 6 anni, mio padre era più vecchio,
    da allievo ufficiale a macchinista di treno in carso sopra Trieste per i tedeschi nella Todt
    domobrana,partigiani,cosacchi, fascisti, tedeschi dapperttutto
    loro abitavano in porto vecchio a Trieste, quanti ricordi e quanto ho ascoltato da bambino
    e forse da lì mi son cominciato a rincoglionire per ste cose.....
    e poi gli americani, il contrabbando, l'esodo degli istriani ma ora spero su tutto la pace.
    I confini liberi con vicino gli sloveni con i quali parliamo liberamente italiano, sloveno, inglese
    o tedesco come 100 anni fà*.....
    si la vita è anche come il gioco dell'oca

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •