Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: L'assassinio del Duce

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Liguria
    Messaggi
    64

    L'assassinio del Duce

    Mi permetto di segnalare questi due articoli del Telegraph che, riprendendo gli studi del Milza, gettano altre basi per rinforzare sospetti mai sopiti.

    http://www.telegraph.co.uk/news/news...g-letters.html

    http://www.telegraph.co.uk/news/ukne...Mussolini.html

    Sperando di fare cose gradita, saluto.
    "Dei Sacri Confini Guardia Sicura"

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: L'assassinio del Duce

    Niente di nuovo sotto il sole!

    Il Lonati di cui parla nell'articolo è apparso innumerevoli volte in televisione ed ha rilasciato altrettante innumerevoli interviste a giornali e riviste, senza troppo seguito ufficiale, però.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  3. #3
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: L'assassinio del Duce

    Purtroppo sono, al momento, solamente illazioni.

    Non vi sono prove e la tesi della necessita' di Churchill di far assassinare il Duce per nascondere lettere varie e', per lo meno, creativa.

    Basti pensare a quanti nazisti sono stati coperti dagli Usa, in cambio di informazioni varie o di servizi di spionaggio ( mai piu' gli Usa si disturbavano a proteggere nazisti, con il rischio si diffondesse la notizia, senza avere il loro tornaconto.

    Non credo che Churchill avesse bisogno di uccidere il Mussolini....

    Poteva semplicemente prenderlo in consegna e magari garantirgli impunita' in cambio del silenzio.....


    ch

  4. #4

    Re: L'assassinio del Duce

    Citazione Originariamente Scritto da iDavide
    Mi permetto di segnalare questi due articoli del Telegraph che, riprendendo gli studi del Milza, gettano altre basi per rinforzare sospetti mai sopiti.

    http://www.telegraph.co.uk/news/news...g-letters.html

    http://www.telegraph.co.uk/news/ukne...Mussolini.html

    Sperando di fare cose gradita, saluto.
    Ciao, potresti tradurre e/o riassumere i due articoli per gli utenti del forum non anglofoni?

  5. #5

    Re: L'assassinio del Duce

    Citazione Originariamente Scritto da churchill
    Purtroppo sono, al momento, solamente illazioni.

    Non vi sono prove e la tesi della necessita' di Churchill di far assassinare il Duce per nascondere lettere varie e', per lo meno, creativa.

    Basti pensare a quanti nazisti sono stati coperti dagli Usa, in cambio di informazioni varie o di servizi di spionaggio ( mai piu' gli Usa si disturbavano a proteggere nazisti, con il rischio si diffondesse la notizia, senza avere il loro tornaconto.

    Non credo che Churchill avesse bisogno di uccidere il Mussolini....

    Poteva semplicemente prenderlo in consegna e magari garantirgli impunita' in cambio del silenzio.....


    ch
    Ci credo che minimizzi, tu sei parte in causa!!!!

  6. #6
    Banned
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Veneto
    Messaggi
    686

    Re: L'assassinio del Duce

    Come no?????

    lo scrittto, che giudico monnezza, parla di un certo storico francese, e gia' qua' mi girano,

    un certo Pierre Milza, evidentemente nome fasullo di chi non ne sa', secondo cui, senza documenti di sorta, alla "Giacobbo", quello della R.A.i, per intenderci,

    viste le missive ra il Duce e Churchill, ne deriverebbe interesse diretto alla soppressione.

    Ripeto...monnezza, senza prove, solo congetture......

    ch

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: L'assassinio del Duce

    Tralasciando quanto racconta quel tal Lonati, che viene ripreso pari pari dal francese e dal quotidiano inglese, di un qualche coinvolgimento di Churchill (quello vero, non il nostro) si parla dal 1946 quando venne a passare delle strane vacanze sul lago di Garda.
    E comunque lo stesso Mussolini parlò varie volte di queste fantomatiche lettere, considerandole preziose e facendone fare parecchie copie, che vennero distribuite tra vari suoi collaboratori.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  8. #8

    Re: L'assassinio del Duce

    Citazione Originariamente Scritto da churchill
    Come no?????

    lo scrittto, che giudico monnezza, parla di un certo storico francese, e gia' qua' mi girano,

    un certo Pierre Milza, evidentemente nome fasullo di chi non ne sa', secondo cui, senza documenti di sorta, alla "Giacobbo", quello della R.A.i, per intenderci,

    viste le missive ra il Duce e Churchill, ne deriverebbe interesse diretto alla soppressione.

    Ripeto...monnezza, senza prove, solo congetture......

    ch
    Il "parte in causa" era una battuta sul tuo nick... per il resto, ti prego di moderare il tuo linguaggio ("già* mi girano", etc) perchè non mi sembra che si stia facendo polemica, apologia di Fascismo, vilipendio della resistenza, etc.

    Sul Pierre Milza per te "nome fasullo" di "chi non ne sa'" (???), queste sono le sue opere (da Wiki):

    L'Italie fasciste devant l'opinion franà§aise, 1920-1940, Paris, Armand Colin, « Kiosque », 1967.
    Con Serge Berstein, L'Italie fasciste, Paris, Armand Colin, 1970.
    Con Serge Berstein, L'Italie contemporaine. Des nationalistes aux Européens, Paris, Armand Colin, 1973.
    Con Marianne Benteli, Le fascisme au XXe siècle, Paris, Richelieu-Bordas, 1973.
    Con Serge Berstein, Le fascisme italien, 1919-1945, Paris, Le Seuil, 1980.
    Franà§ais et Italiens à* la fin du XIXe siècle, Rome, Ecole Franà§aise de Rome, 2 volumes, 1981.
    Le nouveau désordre mondial, Paris, Flammarion, 1983.
    Les fascismes, Paris, Imprimerie Nationale, 1985.
    Le fascisme italien et la presse franà§aise, 1920-1940, Bruxelles, Complexe, 1987. Nuova edizione dell'opera del 1967.
    In collaborazione con Marianne Amar, L'immigration en France au XXe siècle, Paris, Armand Colin, 1990.
    Voyage en Ritalie, Paris, Plon, 1993.
    Con Marie-Claude Blanc-Chaléard, Le Nogent des Italiens, Paris, Autrement, 1995.
    Les relations internationales de 1918 à* 1939, Paris, Armand Colin, collection « Cursus », 1995.
    In co-direczione avec Antoine Marès, Le Paris des étrangers depuis 1945, Paris, Publications de la Sorbonne, 1995.
    Les relations internationales. I. De 1945 à* 1973, Paris, Hachette, 1996.
    Les relations internationales. II. De 1973 à* nos jours, Paris, Hachette, 1997.
    Sources de la France au XXe siècle, Paris, Larousse, 1997.
    In collaborazione con Serge Berstein, Axes et méthodes de l'histoire politique, Paris, PUF, 1998.
    In collaborazione con Serge Berstein, L'Allemagne de 1870 à* nos jours, Armand Colin, Paris, 1999 (dernière édition).
    Mussolini, Paris, Fayard, 1999, 985 p.(Prix Guizot, Grand Prix d`histoire de la Société des gens de lettres, 2000).
    Verdi et son temps, Paris, Perrin, 2001, 308 p.(Prix Pierre-Lafue 2001).
    In collaborazione con Serge Berstein, Histoire de l'Europe contemporaine, Hatier, Paris, 2002.
    L'Europe en chemise noire. Les extràªmes droites de 1945 à* aujourd`hui, Paris, Fayard, « Nouvelles études contemporaines », 2002, 480 p.
    Napoléon III, Paris, Perrin, 2004.
    Histoire de l'Italie des origines à* nos jours, Paris, Fayard, 2005.

    e questa la sua bio (da Wuz):

    La biografia di Pierre Milza
    1932

    Pierre Milza
    Storico francese. à? professore universitario emerito presso l'Istituto di Studi Politici di Parigi. Figlio di un emigrato italiano (suo padre nacque a Bardi) e di una francese, ha conseguito il dottorato in lettere e si è specializzato sull'Italia contemporanea e in particolare sul fascismo. à? autore di numerose pubblicazioni che vengono considerate di grande autorevolezza nell'ambiente accademico; tra queste i manuali della collana Initial presso l'editore Hatier, in collaborazione con Serge Berstein.
    Fino al 2000 è stato direttore del Centro di storia dell'Europa del XX secolo (CHEVS) presso la Fondation nationale des sciences politiques (Fondazione nazionale di scienze poliche).

    Vedi un po' tu.

  9. #9
    Moderatore L'avatar di Waffen
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    3,111

    Re: L'assassinio del Duce

    Riporto il testo affinche tutti possino comprendere l'inglese,piuttosto mi interessa la notizia dei documenti buttati nel lago, qualcuno sa se nel corso degli anni hanno provato a ricercarli?O si sono ritrovati parte di essi?

    Secondo lo storico francese Pierre Milza, Winston Churchill voleva Benito Mussolini morto e nel 1945 ne avrebbe ordinato l`omicidio. La teoria che fa già* discutere da Londra a Parigi è contenuta nel libro "Gli ultimi giorni di Mussolini".

    Per lo storico l`allora premier inglese voleva recuperare alcune lettere inviate proprio al Duce prima dell`inizio del Secondo conflitto mondiale. In quelle missive gli scrivere la sua ammirazione, ma poi passato il sentimento di sostegno Churchill voleva solo distruggerle.


    Cronaca Europa
    Lo storico Milza: "Churchill ordinò l`uccisione di Mussolini"

    Winston Churchill
    Secondo lo storico francese Pierre Milza, Winston Churchill voleva Benito Mussolini morto e nel 1945 ne avrebbe ordinato l`omicidio. La teoria che fa già* discutere da Londra a Parigi è contenuta nel libro "Gli ultimi giorni di Mussolini".

    Per lo storico l`allora premier inglese voleva recuperare alcune lettere inviate proprio al Duce prima dell`inizio del Secondo conflitto mondiale. In quelle missive gli scrivere la sua ammirazione, ma poi passato il sentimento di sostegno Churchill voleva solo distruggerle.

    "Non c`è dubbio che, a giudicare dalle sue dichiarazioni pubbliche negli anni Venti e Trenta, che Churchill ammirasse Mussolini, cosà* come Roosevelt. Churchill una volta è arrivato a dichiarare che ‘il Fascismo ha reso un servizio al mondo intero...se fossi italiano, sono certo che sarei stato dalla vostra parte`. Ma questo era comprensibile nel 1927, dato che allora essere fascista non voleva dire essere amico di Hitler o complice di genocidio. Ma quando sei capo di Stato e legittimo eroe di guerra per i cittadini britannici, è comprensibile non volere i riflettori puntati su quelle dichiarazioni del passato", spiega lo storico.

    Milza ha ricostruito le vacanze di Churchill del 45 sul lago di Como, vicino al luogo dove Mussolini e la sua amante Claretta Petacci presi dai partigiani: "Può darsi che Churchill sia andato là* solo per dipingere. E` credibile perà³ che fosse là* per altre ragioni, dato che si sa che un certo numero di bauli che contenevano documenti e altre cose furono gettati nel lago e forse i servizi hanno cercato di recuperarli. Non possiamo certo eliminare questa teoria."
    kappa

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Liguria
    Messaggi
    64

    Re: L'assassinio del Duce

    Citazione Originariamente Scritto da churchill
    Come no?????

    lo scrittto, che giudico monnezza, parla di un certo storico francese, e gia' qua' mi girano,

    un certo Pierre Milza, evidentemente nome fasullo di chi non ne sa', secondo cui, senza documenti di sorta, alla "Giacobbo", quello della R.A.i, per intenderci,

    viste le missive ra il Duce e Churchill, ne deriverebbe interesse diretto alla soppressione.

    Ripeto...monnezza, senza prove, solo congetture......

    ch
    Ecco,come ti hanno ricordato, questo francese di origini italiane non è il signor nessuno nel campo della storia del fascimo. C'è da tener conto che le relazioni ( anche pre-belliche ) tra il Duce e i leaders angloamericani non sono mai state chiarite del tutto.
    "Dei Sacri Confini Guardia Sicura"

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato