Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: le armi (corte) del esercito del Tenno

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275

    le armi (corte) del esercito del Tenno

    Visto che recentemente Arditi ha postato alcune belle "lunghe" giapponesi ho pensato di proseguire il discorso postando le armi corte. Naturalmente non ho la pretesa di essere esaustivo( mancano la
    Grandpa, la Papa e la Baby Nambu quasi inarrivabili per rarità* e costi).
    Partiamo dal più vecchio: il revolver Nambu mod 26 (1893) in calibro 9 rimmed. Open top, funzionamento in sola doppia azione (DAO si dice ora), maccanica ispiratrice quella degli Smith&Wesson

    Immagine:

    40,36*KB

    l'altro lato

    Immagine:

    45,3*KB

    primo piano del tamburo dal lato sinistro

    Immagine:

    64,45*KB

    dalla parte opposta si notano i marchi dell'arsenale di Tokio e le scritte identificative dell'arma

    Immagine:

    68,43*KB

    eccolo con il tamburo bsculato

    Immagine:

    44,46*KB

    l'espulsione dei bossoli avveniva simultaneamente all' apertura del castello tramite la "stella" al centro del tamburo

    Immagine:

    [size=3] 46,33*KB[/size=1

    Per lo smontaggio di campagna si bascula in avanti la guardia del grilletto cosa che consente...

    Immagine:

    43,63*KB

    l'apertura della cartella mobile sul lato sinistro che dà*..

    Immagine:

    50,14*KB

    accesso alla meccanica

    Immagine:

    68,63*KB

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    La successiva è la Nambu modello 14 chiamata così perchè progettata nel 14° anno dell' Era Taisho
    Quella postata è la variante conosciuta come "Early type small trigger"
    Lato destro

    Immagine:

    40,52*KB

    Lato sinistro

    Immagine:

    44,69*KB


    Primo piano della sicura: i simboli riportati significano
    "Fuoco" e "Pace"

    Immagine:

    56,14*KB

    Dalla parte opposta del castello,vicino al nottolino che serve per l'armamento, si vedono i marchi dell'arsenale di Tokio e sotto, preceduto dal simbolo "SHO" ( per Era Shova), l'anno di fabbricazione
    11.1 cioè undicesimo mese del primo anno dell' Impero di Hiro Hito
    Novembre del 1926

    Immagine:

    49,07*KB

    La finestra di espulsione dei bossoli

    Immagine:

    39,26*KB

    Il mirino fissato con un incastro a coda di rondine, quindi registrabile

    Immagine:

    30,64*KB

    L'otturatore bloccato in apertura; si vede l'appendice del percussore lanciato che sporge dalla fresatura inferiore

    Immagine:

    43,69*KB

    Lo stesso visto di sotto

    Immagine:

    40,85*KB

    Vista della parte inferiore del castello dal lato sinistro che permette di vedere la lunga barra di scatto che si trova nella parte inferiore e termina..



    Immagine:

    42,61*KB

    in corrispondenza della parte inferiore e posteriore ddell'otturatore andando ad alloggiare in un intaglio dello stesso. La pressione del grilletto fa abbassare la barra liberando il percussore

    Immagine:

    40,56*KB

    e per finire un'occhiata al caricaore di ottima fattura

    Immagine:

    49,06*KB

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    Per ultima il brutto anatroccolo: la Nambu mod. 94 (1934) in calibro 8 Nambu. L'arma è il modello 94 perchè progettata nel 2594 del calendario giapponese corrispondente al nostro 1934
    Lato destro: preceduto dal simbollo "Sho" si vede la data di fabbricazione: 17.7: settimo mese del diciassettesimo anno dell'Impero di Hiro Hito cioè luglio del 1942

    Immagine:

    45,59*KB

    lato sinistro: si vede la barra di scatto che corre al'esterno

    Immagine:

    52,86*KB

    La volata

    Immagine:

    34,36*KB

    La finestra d'espulsione dei bossoli

    Immagine:

    38,31*KB

    La piccolissima tacca di mira posteriore

    Immagine:

    46,22*KB

    Per finire quadretti difamiglia

    Immagine:

    50,52*KB


    Immagine:

    61,7*KB

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    errata corrige: nella didascalia che precede i marchi e l'anno di fabbricazione della Mod. 14 ho scritto:

    Dalla parte opposta del castello,vicino al nottolino che serve per l'armamento, si vedono i marchi dell'arsenale di Tokio e sotto, preceduto dal simbolo "SHO" ( per Era Shova), l'anno di fabbricazione
    11.1 cioè undicesimo mese del primo anno dell' Impero di Hiro Hito
    Novembre del 1926

    ho invertito i termini della data: quindi l'anno di fabbricazione
    è: 11.1 il primo mese dell'undicesimo anno dell'impero di Hiro Hito
    quindi Gennaio 1936

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Ciao oscar come sempre posso solo ammirare e godere.
    Belle le foto dettagliate e le spiegazioni.
    Anche se te li ho già* fatti in passato ti rinnovo i complimenti.
    [ciao2]
    luciano

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    709
    Fantastic presentation Oscar! Thanks for sharing your very beautiful collection my friend! I think that Japanese firearms are very interesting and you have an awesome grouping there!
    In Friendly Scholarship, Arditi[]

    Presentazione fantastica Oscar! Ringraziamenti per la compartecipazione della vostra accumulazione molto bella il mio amico! Penso che i firearms giapponesi siano molto interessanti ed avete un raggruppamento impressionante là*!
    Nella Borsa Amichevole, Arditi[]

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    Grazie Cocis ed Arditi i complimenti fanno sempre piacere
    Cocis and Arditi: thanks for your kind words I like every time.

    Per te, Arditi: sei fortunato negli States non dovrebbe essere impossibile trovare una Grandpa od una Papa: io me le sogno di notte[incazz]

    For you Arditi: you a lucky guy, in the States it would not be impossible finding a Granpa od a Papa Nambu: they are in my dreams[incazz]
    Best regards

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046
    ....Maestoso Oscar, come sempre ci lasci senza fiato sia per i bei pezzi da te postati che per la cura e la chiarezza delle descrizioni. Bella anche la catana
    prova a deliziarci anche con quella, Ciao sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    709
    Ciao Gentlemen!
    I will support Oscar's fine presentation! Here is a "Papa" Nambu. This is a very rough example. Production of this pistol was roughly from 1906 until 1928. The Navy adopted this pistol for their S.N.L.F.(Special Naval Landing Forces; Marines) though interestingly they official called it the "Army Type" pistol. Some examples were private purchase though most went to the navy. They attempted to retire this pistol in the 1930's because of many years of service, but were brought back into service once the wars started out of need. Most examples tend to be very beat up as is this example. A number of these came out of China/Taiwan through importers in the 1970's and I think this is one of them. Notice the reblueing over the pits. Original untouched examples have a very beautiful high polish blueing. Around 10.300 were made. I have shown a reproduction holster(made in China) and a Type 26 pistol and repro holster as scale.
    Thank you for the interesting posts Oscar!
    Best Regards, Arditi[]

    Signori Di Ciao! Sosterrò la presentazione fine del Oscar! Qui è "un papa" Nambu. Ciò è un esempio molto approssimativo. La produzione di questa pistola proveniva approssimativamente da 1906 fino al 1928. Il blu marino ha adottato questa pistola per le loro forze navali di atterraggio di S.N.L.F.(Special; Fanti di marina) comunque interessante funzionario lo hanno denominato "il tipo" pistola dell'esercito. Alcuni esempi erano acquisto riservato comunque che la maggior parte sono andato al blu marino. Hanno tentato di ritirarsi questa pistola nei 1930's a causa di molti anni di servizio, ma sono stati portati nuovamente dentro servizio una volta che le guerre cominciassero da bisogno. La maggior parte dei esempi tendono ad essere molto battimento in su come è questo esempio. Un certo numero questi hanno uscito da China/Taiwan attraverso gli importatori negli anni 70 e penso che questo sia uno di loro. Noti reblueing sopra i pozzi. Gli esempi non trattati originali hanno una brunitura molto bella dello smalto di high. Intorno 10.300 sono stati fatti. Ho indicato un holster(made della riproduzione in Cina) e un tipo 26 pistola e holster di repro come scala.
    Grazie per gli alberini interessanti Oscar!
    Riguardi Migliori, Arditi[]


    Immagine:

    116,03*KB

    Immagine:

    93,85*KB

    Immagine:

    77,03*KB

    Immagine:

    74,79*KB

    Immagine:

    58,76*KB

    Immagine:

    76,63*KB

    Immagine:

    66,64*KB

    Immagine:

    106,38*KB

    Immagine:

    89,77*KB

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    1,275
    Hi, Arditi, very interesting weapon; If it would be in my hands I would be tempted to restore it completely considering the re-blueing already made.
    Thank you for sharing

    Ciao, Arditi, arma molto interessante; se fossemia sarei tentato di restaurarlacompletamnete consideranto che è già* stata ribrunita
    Grazie per averla condivisa
    Oscar
    P.S. last time I was I Colorado and New Mexico, next time I'would travel throught Texas....I'll call you []

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato