Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: le memorie del reduce in poesia: "ninna nanna del fante"

  1. #1
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502

    le memorie del reduce in poesia: "ninna nanna del fante"

    NINNA NANNA DEL FANTE

    Dormi, corpo, dormi
    Che a difenderti ci penso io.
    Mangia il sonno a mascelle piene.
    Ninna nanna, corpo mio.
    Sdraiāti nel fango si sta bene.
    Tu ci dormi come un dio.
    Quest' č un mio braccio. E questo un osso.
    Questo non capisco che č.
    Questa mano dura e nera
    č d' un vicino o č mia di me?
    Dov' č la testa?
    Non č la mia questa.
    Eccola qui, la bocca, il naso.
    Dormi, corpo, ci sei tutto.
    Ah, non sapevi, prima,
    com' č bello grattarsi tutto
    poi lasciarsi andar gių,
    caro corpo mio stanco e sporco
    che, sbragato nel fango dormi
    il pių bello dei tuoi sonni.

    MASSIMO BONTEMPELLI


    Trincee del Carso, 1916

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di mito vivente
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    148
    "Terribilmente" bella.
    Esprime tutta la tragicitā della guerra.

  3. #3
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Inedito del 1916 scritto in trincea dal giovane Bontempelli che, divenuto Accademico d' Italia nonchč una delle figure di punta dell' "intellighenzja" fascista la pubblicō nel 1936 sulla rivista QUADRANTE come omaggio al valore dei soldati italiani, allora impegnati nella conquista dell' Impero in A.O.

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB č Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] č Attivato
  • Il codice [VIDEO] č Disattivato
  • Il codice HTML č Disattivato