Pagina 3 di 21 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 206

Discussione: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

  1. #21
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Proprio lei,proprio lei!!!Grande,Silent Brother!!!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  2. #22
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da Lord Acton
    Sapete dirmi se della "Roma 92", oppure di una uniforme molto simile, esiste anche una versione verde oliva ?
    Lord Acton
    Ciao sì, l'ha avuta in dotazione un amico durante la sua naja (metà* anni '90 - Genio) e la chiamavano,
    con malcelato disprezzo, "il pigiama".
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    A proposito di mimetiche anni 50/60... ecco un paio di attributi: gradi e volant relativi al 1963/65 circa. Quando avrò tempo vedo di fare qualche foto della mimetica e di scanerizzare un pò di foto.

    Saluti
    Corrado
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  4. #24
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Bene Ado!

    Questa è una copertura mimetica da elmetto, differente da quella dell'esercito soprattutto nei colori, usata dalla Fanteria di Marina, ovvero il Btg. San Marco.
    [attachment=2fx3wkvw]Immagine 1.jpg[/attachmentfx3wkvw]

    Per confronto ecco due coperture con mimetica usata dall'esercito, montate su due elmetti da paracadutista Mod.42-60.
    [attachment=1fx3wkvw]Immagine 0.jpg[/attachmentfx3wkvw]

    Questa invece è la copertura verde per il Mod.33 dell'esercito.
    [attachment=0fx3wkvw]Immagine 01.jpg[/attachmentfx3wkvw]
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1,177

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Ecco la mia mimetica 2 pezzi mod. 1958, adottata in sostituzione della monopezzo.
    Questa tuta andava indossata sopra l'uniforme ordinaria (quella tipo battledress), infatti ha un taglio molto ampio. Era previsto anche un cappuccio che andava a coprire anche l'elmetto.
    I pantaloni (che non ho fotografato) hanno 2 bretelle, anch'esse in tessuto mimetico, che si attaccano a dei bottoni lungo la vita.
    [attachment=0:8wv1r9qd]mimetica 2 pezzi retro.jpg[/attachment:8wv1r9qd]
    [attachment=1:8wv1r9qd]mimetica 2 pezzi fronte.jpg[/attachment:8wv1r9qd]
    Per quanto riguarda le mimetiche da parà*, negli anni '60 sono stati prodotti 2 modelli differenti: il mod. 1960 e il mod. 1965.
    Facilmente distinguibili dalle mimetiche del resto dell'esercito per la presenza delle toppe di rinforzo sulle spalle e dalle patte delle tasche pettorali "a sahariana", hanno delle differenze che contraddistinguono i 2 modelli.
    La mod. 1960 ha le toppe dei pantaloni quadrate e senza laccetto per stringerle, inoltre le tasche sono chiuse da due automatici, mentre le tasche della mod. 65 sono chiuse da una lampo. Tutti e due i modelli prevedono l'uso delle bretelle mimetiche e hanno un elastico per stringerle attorno alla vita.
    Inoltre, sembra che i colori della mod. 65 siano più chiari, ma di questo non sono sicuro.

    PS quella che chiamate verdona, io l'ho vista su un sito commerciale che la chiamavano Mod. Roma 77
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    <Sleep, my friend, and you will see
    That dream is my reality
    They keep me locked up in this cage
    Can't they see it's why my brain says “rage”>

    Metallica - Welcome home (Sanitarium)




    Photobooks fortificazioni <----- NEW! : Fortezze nascoste


    THOR, ODIN'S SON, PROTECTOR OF MANKIND, RIDE TO MEET YOUR FATE, YOUR DESTINY AWAITS!
    Amon Amarth - Twilight of the thunder god

  6. #26
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Ottimo Buzz!
    Questa che hai postato è dello stesso tipo che ho postato anche io qui sopra, che adesso so come si chiama e come si chiama anche la "verdona". Molto interessanti anche le informazioni sulle mimetiche dei parà*!
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  7. #27
    Moderatore L'avatar di Lord Acton
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Campania
    Messaggi
    354

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da buzz
    ---la chiamavano Mod. Roma 77
    Si... mi sembra che il nome ufficiale sia proprio questo...

    Lord Acton
    Amiamo il servizio straordinario... le imprese giudicate assurde o impossibili (A. Dumas)

  8. #28
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Un passo avanti è stato fatto!
    Spero che arrivino presto anche altre integrazioni! Purtroppo su questo argomento non esiste documentazione, almeno che io sappia....
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  9. #29
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    289

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    La denominazione della prima "verdona", per intenderci quella con i riquadri di gommapiuma ai goniti ed ai ginocchi, era "uniforme di servizio e combattimento mod.75" e fu distribuita a partire dagli inizi di quell'anno (la ricevettero ad esempio gli AUC del 78° corso che era iniziato nel gennaio 1975) pur se le policrome mod. 58 furono distribuite ad esaurimento.
    La mod. 75 per le truppe alpine aveva i pantaloni corti alla zuava.

    Qualche anno dopo la mod.75 fu modificata abolendo i rinforzi in gommapiuma.

    Verso la fine degli anni 80 fu introdotto in servizio un terzo modello di scbt verde, quello con tessuto diciamo più lucido, con le tasche al petto in diagonale (se non ricordo male) e chiuse dallo zip.

    Quarto modello, se non ricordo male inizi anni 90, una "verde" di tessuto molto leggero, detta "cinesina".

    Da qualche parte dovrei avere i nomi dei modelli e forse anche un esemplare "in ciccia" della cinesina.

  10. #30
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Posta Jolly, che interessa!
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

Pagina 3 di 21 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato