Pagina 8 di 21 PrimaPrima ... 67891018 ... UltimaUltima
Risultati da 71 a 80 di 206

Discussione: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

  1. #71
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Ciao. seguo questa discussione da quando è iniziata però non sono ancora riuscito a capire bene l'uso che fate di certi termini: per quasi tutti voi qualsiasi tenuta è "mimetica", sia che si tratti di tessuto policromo che tessuto in varie tonalità* di verde o sabbia.
    Non mi sembra corretto, in quanto con questo utilizzo del termine erano mimetiche anche le divise grigio-verdi della prima guerra mondiale.
    Non sarebbe più corretto utilizzare altri termini? ad esempio, per gli amanti dell'inglese, Battle Dress? oppure BetaDress, come ho sentito affermare molte volte? oppure più semplicemente Tenuta da combattimento? O forse l'uso di certi termini non è politically correct (come mi piacciono certe espressioni!!!) ?

    Per completare il giaccone alpino postato era, negli anni settanta, distribuito solo in occasioni particolari, ricordo il servizio di vigilanza lungo le strade durante un "Giro d'Italia", e veniva restituito quando non più da utilizzare.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  2. #72
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1,177

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    in effetti ha ragione kanister, non dovremmo chiamarle tutte mimetiche, solo quelle in tessuto policromo. Quelle monocromatiche sarebbero uniformi o tute da combattimento...
    Eviterei di utilizzare vocaboli stranieri per non confondersi.
    <Sleep, my friend, and you will see
    That dream is my reality
    They keep me locked up in this cage
    Can't they see it's why my brain says “rage”>

    Metallica - Welcome home (Sanitarium)




    Photobooks fortificazioni <----- NEW! : Fortezze nascoste


    THOR, ODIN'S SON, PROTECTOR OF MANKIND, RIDE TO MEET YOUR FATE, YOUR DESTINY AWAITS!
    Amon Amarth - Twilight of the thunder god

  3. #73
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    289

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    In effetti, mi riservo di verificare sul regolamento, attualmente la denominazione sarebbe "uniforme da servizio e combattimento" (scbt).

    Per quanto riguarda la giacca a vento non era dotazione individuale del soldato ma dotazione di reparto ovvero conservata in magazzino di compagnia e distribuita alla necessità*.

  4. #74
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Visto che ho aperto io il topic, vorrei dire la mia.
    Sono d'accordo con Kanister sull'idea di cambiare il titolo del topic, quando ho aperto questa discussione le mie intenzioni erano solo per le mimetiche policrome, infatti nei primi interventi quando mi è stato chiesto di postare quelle "mono" sono stato un po titubante se metterle o meno (cosa che è anche stata me scritta e intuita anche da Blaster), ma mi dispiaceva disattendere alle richieste visto l'interesse (che non mi aspettavo) che aveva suscitato questo argomento, cosa di cui sono solo felice!
    Quanto agli acronomi inglesi non sono d'accordo con Kanister, "il politically correct" non c'entra nulla, qui si parla di militaria italiana, non inglese, come post-bellica e non della prima guerra mondiale.
    Sono d'accordo con Jolly46 con il titolo da lui ipotizzato "uniforme da servizio e combattimento", perchè in questo modo comprende tutte quelle da combattimento, in ogni caso, quali moderatori della stanza, lascio a lui o a Lord Acton, la decisione sul da farsi.
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  5. #75
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da silent brother
    Quanto agli acronomi inglesi non sono d'accordo con Kanister, "il politically correct" non c'entra nulla, qui si parla di militaria italiana, non inglese, come post-bellica e non della prima guerra mondiale.
    Ciao, il mio "politically correct" si riferiva non all'uso di termini inglesi ma all'eventualità* di parlare di "divise da combattimento". Eliminato il ministero della guerra in favore del ministero della difesa, visto che si svolgono solo "missioni di pace", che assolutamente non dobbiamo avere aerei che possono portare offese ad un avversario, e tanti begli ammenicoli simili, temevo che le divise fossero anch'esse state epurate del termine "combattimento", troppo scorretto.

    Vorrei aggiungere che se non mi piace usare termini stranieri quando esistono quelli italiani è solo perchè vedo in questo uso continuo due motivi: 1° è una dimostrazione che non conosciamo l'italiano, 2° a mio parere è un appiattirsi e uno scimmiottare gli stranieri come se facessero sempre la cosa migliore.
    Aggiungiamo il fatto che se non riusciamo a tradurre in italiano un termine straniero vuol dire che non conosciamo nemmeno la lingua estera.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  6. #76
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Ciao Kanister! Non credo che siano problemi che ci riguardano e personalmente non ci penso nemmeno, qui di militaria se ne parla per passione della storia, collezionismo, modellismo, rievocazione ecc... Quelli che sono i problemi o le faccende del ministero della difesa non ci riguardano. In quello che si è scritto fino ad ora non c'è nulla di scorretto, quanto ai termini ognuno è libero di usare quelli che vuole, solo che sulle etichette delle divise e degli equipaggiamenti italiani c'è scritto in italiano, tutto qua.
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  7. #77
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da silent brother
    solo che sulle etichette delle divise e degli equipaggiamenti italiani c'è scritto in italiano, tutto qua.
    Ciao, è proprio quello che intendevo io! Impariamo ad usare l'italiano almeno per il materiale italiano!
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  8. #78
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da kanister
    Citazione Originariamente Scritto da silent brother
    solo che sulle etichette delle divise e degli equipaggiamenti italiani c'è scritto in italiano, tutto qua.
    Ciao, è proprio quello che intendevo io! Impariamo ad usare l'italiano almeno per il materiale italiano!


    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  9. #79
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1,177

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Citazione Originariamente Scritto da kanister


    Vorrei aggiungere che se non mi piace usare termini stranieri quando esistono quelli italiani è solo perchè vedo in questo uso continuo due motivi: 1° è una dimostrazione che non conosciamo l'italiano, 2° a mio parere è un appiattirsi e uno scimmiottare gli stranieri come se facessero sempre la cosa migliore.
    Aggiungiamo il fatto che se non riusciamo a tradurre in italiano un termine straniero vuol dire che non conosciamo nemmeno la lingua estera.
    come non quotare questo intervento?
    <Sleep, my friend, and you will see
    That dream is my reality
    They keep me locked up in this cage
    Can't they see it's why my brain says “rage”>

    Metallica - Welcome home (Sanitarium)




    Photobooks fortificazioni <----- NEW! : Fortezze nascoste


    THOR, ODIN'S SON, PROTECTOR OF MANKIND, RIDE TO MEET YOUR FATE, YOUR DESTINY AWAITS!
    Amon Amarth - Twilight of the thunder god

  10. #80
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: Le mimetiche italiane nel dopoguerra

    Visto che non è ancora stato postato aggiungo il cappello da fatica ( noto come " Stupida " ) abbinato alla policroma, alla Roma 92.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

Pagina 8 di 21 PrimaPrima ... 67891018 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato