Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25

Discussione: L'eccidio di Barletta in Puglia

  1. #1
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,519

    L'eccidio di Barletta in Puglia

    Ciao, posto le foto del luogo dove il 12 settembre 1943 vennero ammazzati 11 vigili urbani e due netturbini da parte dei paracadutisti tedeschi per rappresaglia. Nel muro sono ancora visibili i fori dei proiettili della mitragliatrice. Un vigile soltanto si salvo' dall'eccidio grazie ai corpi dei compagni che cadendo gli fecero da scudo.
    Di seguito la storia di questo eccidio che fu il primo in Italia dopo l'armistizio.
    Tratto da Wikipedia:
    "L'8 settembre 1943 l'Italia firma l'armistizio con gli Alleati, che sarà reso pubblico solo qualche giorno più tardi.

    Nel frattempo, per le giornate del 9 e 10 settembre regna il caos tra le truppe italiane che non sanno come comportarsi con gli angloamericani e con i tedeschi.
    Alla fine si deciderà di aiutare gli angloamericani e di combattere contro i nazisti che, sentendosi traditi, risponderanno con vari massacri di militari disarmati e civili per tutta la durata dell'occupazione della penisola italiana.

    L'11 settembre a Barletta erano di stanza oltre tremila italiani, tra ufficiali e soldati, appartenenti al 15º reggimento costiero ed ai reparti di fanteria, artiglieria, e marina.

    L'incertezza e la confusione che segnarono le giornate del 9 e 10 settembre, vennero spazzate via nelle prime ore dell'11 quando, dal comando territoriale del IX Corpo d'Armata, giunse un fonogramma che ordinava di "considerare le truppe germaniche come truppe nemiche et agire di conseguenza".

    Le parole del generale Caruso accesero la resistenza delle milizie italiane che durante tutta la mattinata dell'11 settembre lottarono strenuamente per impedire ai tedeschi d'impadronirsi del Deposito Misto Egeo.

    Mentre attorno alla città si verificavano questi scontri all'interno dell'abitato iniziava il dramma che avrebbe determinato il massacro del giorno seguente: due motocarrozzette porta ordini tedesche cadono in un'imboscata nei pressi di Piazza Roma. Due soldati tedeschi restano uccisi.

    La reazione tedesca all'evento fu incontenibile. Con violenza spietata, colpendo senza il minimo scrupolo obiettivi civili e militari, le truppe nemiche piegarono la resistenza della città, entrarono nel centro abitato con 400 uomini della divisione "Goering" ed un reparto di SS, guidate dal capitano Brunn.
    Le direttive dell'alto comando tedesco imponevano di riportare l'ordine e per farlo occorreva un esempio: un manipolo di soldati tedeschi fu incaricato di scovare i responsabili della morte dei portaordini di Piazza Roma, tre si recarono presso l'Ufficio Centrale dei Vigili Urbani, in Via Vecchia Cappuccini n. 2, oggi via Renato Coletta, probabilmente convinti che lì qualcuno conoscesse i nomi dei responsabili.
    Il maresciallo dei vigili, Francesco Capuano, prima che i tre tedeschi facessero il loro ingresso, ordinò ai suoi uomini di liberarsi delle pistole di ordinanza per evitare qualsiasi rappresaglia. Gli undici vigili e i due netturbini presenti, furono fatti uscire e condotti al monumento dei caduti, dove erano presenti altri soldati che bloccavano ogni via d'accesso.

    I prigionieri furono fatti disporre lungo il lato sinistro dell'Ufficio Postale, quindi fu sparata la prima raffica di colpi.
    Feriti in modo più o meno grave, i tredici martiri, si strinsero l'uno all'altro per cercare una futile protezione, ma seconda raffica di colpi non lasciò superstiti, almeno in apparenza. Sotto il cumulo di cadaveri, infatti, il giovane vigile urbano aggiunto Francesco Paolo Falconetti, era ancora vivo. Ad accorgersene fu una donna, Addolorata Sardella, che aiutata da altre persone, riuscì a portare al sicuro il ferito.
    L'episodio di Barletta fu il primo eccidio per rappresaglia che i tedeschi misero in atto, nel nostro Paese, subito dopo l'armistizio. I segni di quel giorno sono ancora visibili, nel muro sinistro dell'Ufficio Postale: i buchi lasciati dai proiettili, infatti, non sono mai stati ricoperti a perenne ricordo di quel tragico avvenimento". (Tratto da Wikipedia)
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  2. #2
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,519
    Foto dei 13 martiri, reperita nel web, poco prima di essere ammazzati.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



  3. #3
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468
    Uno dei tanti crimini commessi dopo l'armistizio italiano! Poveri ragazzi!

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,421
    la foto reperita dal web è veramente un documento storico importante!

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di LAUF
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    MI
    Messaggi
    555
    Uno dei 13 malcapitati era un mio parente alla lontana.
    Comunque nell'articolo tratto dal web c'è un errore riguardante le unità coinvolte strage: a Barletta non ci fu nè la divisione HG, nè fantomatiche SS. Si trattava del II./FJR1 e del Fallschirm-Panzejaeger-Abteilung 1.
    ---

  6. #6
    Collaboratore L'avatar di Il Cav.
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    4,502
    Confermo, esiste presso il Bundesarchiv un rullo di foto scattato da un PK della FJ dove si vede la drammatica sequenza dei vigili addossati al muro prima della fucilazione, e poi dopo. Spesso quelle foto sono scambiate per Via Rasella o Cefalonia. Comunque si vedono distintamente i parà tedeschi in uniforme tropicale ed elmetto tipico...
    "Chissà a quale di questi alberi ci impiccheranno..."

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275
    Grazie per il reportage e le info... ma non si vede la foto dei martiri. Cmq questi parà presero belle legnate a Bari...

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di LAUF
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    MI
    Messaggi
    555
    Ecco la foto:
    ---

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di LAUF
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    MI
    Messaggi
    555
    Questa è un'altra foto: è erroneamente riportata come Roma, in realtà è Barletta, anzi, l'edificio sullo sfondo è lo stesso della fucilazione.
    ---

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,275
    Immagini decisamente drammatiche. Chissà se nella foto delle vittime ammucchiate è visibile il superstite....

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato