Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 66

Discussione: l'elmetto regio m.33

  1. #11
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    Ciao, i primi 4 elmi postati da Daniele1955 appartengono alla famiglia dei '33 ricondizionati post, giusto?
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Vorrei partecipare anch'io a questa carrellata.
    Devo dire che ultimamente penso di aver avuto abbastanza fortuna con i M33, me ne son capitati diversi discreti e a prezzi piuttosto modesti, per varie circostanze.

    Posto intanto questo "senza fregi" trovato da un americano o canadese che lo vendeva come "elmetto della guerra fredda", insieme a brutte e sfuocate foto, forse per questo è rimasto a un prezzo molto basso.
    Unico neo, manca mezzo soggolo, quello con la fibbia, ne è rimasto solo un pezzetto attaccato all'elmetto, e con gli elmetti italiani non è cosa facile a risolvere, anche avendocene altri.






  3. #13
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Si, mi pare due per la tinta, e due per i rivetti.Le imbottiture
    possono essere anche belliche, dipende da quando venne fatto il
    rimontaggio.Una tantum,ricordiamoci che le vecchie imbottiture, specie
    se nuove, non venivano buttate via, ma vennero applicate fino ad esaurimento fino alla fine degli anni '60.
    [ciao2]PaoloM

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Continuo con un altro che ritengo molto interessante.
    Come vedete è un 33 coi rivetti primo tipo a due linguette.
    Il colore originario è grigio verde chiaro, poi è stato applicato, ma ancora sembrerebbe di fabbrica un grigio verde leggermente più scuro, circostanza comunque già* vista, tanto che mi vien di pensare che il più chiaro sia come un primer, un sottofondo.
    Comunque sul secondo strato c'è anche un'insegna, se ne vedono alcune tracce, coperte da quello che poi è lo strato finale, un rugoso grigio-verde scuro molto "gessoso".
    Quando ho ricevuto l'elmetto (anch'esso presentato male peraltro)da un venditore tedesco, l'aspetto era di u oggetto "calcinoso" più che verniciato; inoltre questo strato di vernice finale era parecchio friabile e inconsistente, tanto da perdersi a pezzetti neanche tanto piccoli; c'ho pensato un po' e poi ho deciso di fare come negli affreschi da recuperare, o nei vecchi intonaci di pregio: una soluzione di acqua e collante vinilico (il semplice vinavil), molto diluito e incolore, a consolidare il tutto.
    L'operazione è avvenuta semplicemente e con successo, anche se diciamo il colore finale si è un po' ravvivato; ma la cosa più interessante è stata che mentre applicavo questa soluzione col pennello nella parte frontale l'acqua ha fatto comparire con stupenda evidenza, in trasparenza, il fregio del Genio nella sua pressoché totale integrità*; il tempo di prendere la macchinetta fotografica per immortalarlo, che però è praticamente scomparso di nuovo: la vernice gessosa si è saturata, asciugandosi quasi istantaneamente, e ora, anche ribagnadola con acqua non ripropone più lo stesso effetto.
    Quindi dovete credermi sulla parola.
    Io ipotizzo un uso RSI di quest'elmetto, non tanto perché mi interessi particolarmente, ma perché mi sembra l'ipotesi più credibile, oppure usato dai tedeschi anche perché all'interno, se pur sbiadite, ci sono delle scritte in gessetto bianco che sembrano tedesche e per la provenienza, appunto Germania, da una persona che si qualificava non collezionista e lo proponeva come russo o americano, presso la sua famiglia da decenni.






  5. #15
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036
    Credo che la tua ipotesi, su quest'ultimo elmo sia giusta.
    [ciao2]PaoloM

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di daniele1955
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Bergamo/Massa
    Messaggi
    367
    Ragazzi vi posto le foto dei rivetti degli elmetti.
    Sono in sequenza giusta.
    Effettivamente il dubbio io lo avrei sul secondo, ma gli altri mi sembrano quelli del secondo tipo.
    L'elmetto nero dei regi carabinieri non l'ho pulito io , ma l'ho acquistato così, l'altro invece l'ho recuperato io sotto due strati di colore e sotto un'altro fregio (fanteria).
    [:I]Perdonatemi per le loro condizioni , li ho solo da luglio e prometto di dedicare a loro le giuste attenzioni.

    Immagine:

    89,65*KB


    Immagine:

    103,58*KB


    Immagine:

    87,79*KB


    Immagine:

    82,44*KB


    Immagine:

    82,19*KB


    Immagine:

    82,47*KB


    Immagine:

    99,03*KB


    Immagine:

    108,69*KB


    Immagine:

    111,58*KB


    Immagine:

    136,22*KB


    Immagine:

    94,52*KB


    Immagine:

    151,45*KB

  7. #17
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Daniele
    dunque secondo me
    - foto 1 e 2, rivetti periodo bellico ma colore di elmetto post; come già* detto, non è che nel 45 hanno buttato via ciò che c'era ma tutto è stato usato fino ad esaurimento, per cui....
    - foto 3 e 4 indubbiamente post sia i rivetti che la tinta
    - foto 5-6-7 stesso discorso: rivetti a scalino anche bellici, ma il colore non sembra, e non è neanche una sovraverniciatura, da far pensare al colore bellico sotto.
    - foto 8-9-10 Carabinieri; anche questo è post, sia i rivetti, che la vernice che il fregio; il fregio bellico ha il simbolo VE (Vittorio Emanuele) nel cerchietto, come del resto il successivo nero.
    - foto 11, questo mi sembra un Regi Carabinieri in regola; però il rivetto non si capisce, o è un primo tipo a due linguette, o ci vuole una foto migliore.

  8. #18
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Ah Daniele, riguardando il primo elmetto comunque potrebbe trattarsi di una riverniciatura esterna su elmetto bellico, almeno così mi vien da pensare dalle foto dell'interno; ma tu che lo hai in mano dovresti poterlo verificare facilmente.

  9. #19
    Utente registrato L'avatar di daniele1955
    Data Registrazione
    Oct 2006
    Località
    Bergamo/Massa
    Messaggi
    367
    Mi sono procurato da poco il libro " M33 analisi di un elmo "
    e nel capitolo dedicato alla colorazione così si esprime " La tinta era in grigioverde chiaro fino a circa la fine 1936, in grigioverde con un aumento della percentuale di verde oppure in verde-bandiera fino al 1940, in grigioverde scuro fino al 1942/43 ed in verde oliva scuro dopo questa data."
    "solo dopo il 1948 fu allestito un nuovo modello di elmetto colore cachi
    che meglio si adeguava al colore delle uniformi......."
    Ora io alla luce di questa spiegazione non riesco più a capire di che periodo posso considerare la colorazione dei miei 33.
    Aiutatemi [?][?]

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    846
    Citazione Originariamente Scritto da piesse
    Vorrei partecipare anch'io a questa carrellata. Devo dire che ultimamente .........italiani non è cosa facile a risolvere, anche avendocene altri.
    Bravo Piesse, bellissimi belli i tuoi 33, mi raccomando se devi venderli prima di buttarti su ... "evai" fammi un fischio!!! [ciao2]

Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato