Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Lomi. Chi era costui?

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    231

    Lomi. Chi era costui?

    Un caro saluto a tutti
    La manzoniana domanda è relativa ad un interessante revolver a spillo cal. 9 mm, trovato al museo.
    Sul lato destro della canna porta rullato "Fabb. d'armi Lomi - Lecco"
    Solo che Lomi, armaiolo in Lecco, non compare in nessuno dei data-base di armaioli, sia nazionali in generale, che lombardi in particolare!!
    Se qualche frequentatore ha notizie a riguardo, saremmo molto garti, sia io che lo staff del museo.
    Ed ora qualche immagine di questo strano revolver, geniale variante del modello originale Lefaucheux.
    [attachment=3:2lekqqbt]1.JPG[/attachment:2lekqqbt][attachment=2:2lekqqbt]2.JPG[/attachment:2lekqqbt][attachment=1:2lekqqbt]3.JPG[/attachment:2lekqqbt][attachment=0:2lekqqbt]4.JPG[/attachment:2lekqqbt]

    Il sistema è simile quello brevettato da Guerriero, armaiolo milanese, nei primi anni '60 dell'800, ma più semplice.

    Cesare
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Cesare

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Costui rimane costui in quanto non ho trovato niente sul soggetto, l'arma invece è interessante e per essere di un museo neanche massacrata. Come mai?
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    231

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    l'arma invece è interessante e per essere di un museo neanche massacrata. Come mai?
    Forse un piccolo miracolo.
    Le sue consorelle, tra cui un raro "brevetto Priora", milanese ed una costruita da uno dei Marelli, milanesi pure loro, sono decisanmente in pessimo stato.
    Ciao e grazie.
    Cesare

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Italien
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Genova e Massa Carrara
    Messaggi
    4,855

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Domanda da un totale incompetente:
    visto che le lettere iniziali di quel punzone sembrano incomplete (a giudicare dalla foto, la F della prima riga e la L della seconda), non potrebbe essere anche il caso della I finale? Cioè che si trattasse magari di una B?
    La parola LOMI diventerebbe così LOMB e forse (ripeto che non me ne intendo) tutto assumerebbe un diverso significato...
    LA MIA PAGINA "FORTIFICATA" SU FACEBOOK©: http://www.facebook.com/pages/Italien/323925510817

    Nel mezzo del cammin di questa vita, mostrassi alfin la truce metà oscura...
    ché la pazienza mia era finita, e lo baston calassi su ogne testa dura.


    Fatti non fummo, a viver come inermi... bensì pello inimico, far divorar dai vermi.


  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Anch'io non me ne intendo di armi ma la scritta abbreviata non potrebbe essere "fabbrica d'armi lombarda??
    luciano

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Citazione Originariamente Scritto da Italien
    Domanda da un totale incompetente:
    visto che le lettere iniziali di quel punzone sembrano incomplete (a giudicare dalla foto, la F della prima riga e la L della seconda), non potrebbe essere anche il caso della I finale? Cioè che si trattasse magari di una B?
    La parola LOMI diventerebbe così LOMB e forse (ripeto che non me ne intendo) tutto assumerebbe un diverso significato...
    Sarà* come dici ma così come ipotizzato da te qualcosa esce fuori, un archivio di Lecco ne parlerebbe...Se si aprisse
    Ho ingrandito la foto ed in effetti la I sembra incinta , magari è una B
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Per me c'è scritto LOMB soltanto che mezza B è consumata e trae in inganno.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    231

    Re: Lomi. Chi era costui?

    Mi sa che avete ragione
    E' la Fabbrica d'Armi Lombarda !!

    In sintesi la breve storia.
    La Società* Anonima Fabbrica d'Armi Lombarda è nata dall'iniziativa di due leccesi, Carlo Giuseppe Ghislanzoni e Giuseppe Badoni, nel 1860.
    Lo stabilimento era in località* Pradone di Cariggio, vicino al torrente Gerenzone.
    Fin da subito puntò principalmente alle commesse governative con la produzione massiccia di fucili modello 1860 e di baionette. Purtroppo, di pessima qualità*.
    Sulle armi prodotte usava porre la scritta FAB. D'ARMI LOMB. - LECCO, presente sulle cartelle di alcuni fucili modello 1860 ancora esistenti (e sulla pistola in oggetto).
    Dopo incresciose vicende dal sentore alquanto truffaldino (nel 1866 tentarono di rifilare ai volontari di Garibaldi una quantità* molto consistente di fucili modello 1860 scartati dai controllori givernativi !!), nel 1871 dichiarò fallimento.
    Il perito fallimentare fu niente meno che Agostino Marelli, notissimo armaiolo milanese, di cui il museo possiede un revolver a spillo.

    Grazie ragazzi.
    Siete preziosi.
    Cesare
    Cesare

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato