Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: L'ultima uniforme

  1. #1
    Moderatore L'avatar di der graf
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    565

    L'ultima uniforme

    Quella che in gergo collezionistico si chiama Feldbluse Modello ‘43 fu tradizionalmente l’ultima uniforme derivante dall’evoluzione delle Feldbluse tedesche dal lontano 1933 in poi. Essa fu prodotta fino a tutto il 1944 e probabilmente fino agli inizi del’45. In realtà questa giacca fu sempre la stessa e sempre dotata genericamente di 4 tasche pettorali e delle principali caratteristiche delle sue progenitrici; nel corso del conflitto ha dovuto subire quelle ovvie modifiche derivanti dall’adattamento della produzione alla scarsità progressiva delle risorse e dalla velocizzazione produttiva rispetto i quantitativi contrattuali richiesti Come i collezionisti sanno, tali modifiche sono consistite nei nuovi assetti delle tasche, nel numero dei bottoni e nel deterioramento progressivo del panno, venendo a caratterizzare cosi’ quei modelli tipologicamente diversi tra loro che oggi conosciamo e abbiamo codificato. Se la “modello 43” fu l’ultima figlia della gloriosa serie delle Feldbluse tedesche di tradizione, non fu comunque l’ultima “uniforme” in senso completo del termine ad essere portata dai soldati tedeschi durante l’ultimo conflitto mondiale. Al suo porto, negli ultimi bagliori della guerra, le si affiancò infatti la cosiddetta “Felduniform 44” di nuova e radicale concezione e di moderna iniziativa perquanto ironicamente somigliante alla giacca indossata dai vincitori. La Felduniform 44 va letta quindi come oggetto a sé stante e segna davvero una rottura con le tappe del passato, basti pensare che tutto ciò si inquadrava in una riforma globale che comprendeva l’unificazione uniformologica di tuttte le forse armate germaniche e che oltre un nuovo “look” comprensivo di pantalone, nuove calzature e di un maglione a collo alto specifico inclusi nella Felduniform, avrebbe previsto anche un nuovo tipo di elmo e nuove armi già in parte in essere (Sturmgewehr ecc) .

    La Felduniform 44 fu ovviamente il capo meno prodotto nella storia uniformologica tedesca del Terzo Reich e anche il meno eterogeneo in virtù dei numerosi materiali impiegati e della produzione spesso differente nella costruzione di questi effetti.
    Anche il colore denominato feldgrau 44 marcava una rottura quasi definitiva con il tono di verde Feldgrau della tradizione del passato. Alcuni collezionisti inquadrano questa nuova denominazione di colore nell’ultima tipologia di panno utilizzato (anche per le Fldbl 43) il cui colore tendeva al verde-ocra-giallastro, cio’ primariamnete per la difficoltà di essere tinto causa la fortissima presenza di fibre sintetiche, altri localizzano il “Feldgrau 44” in quel panno marronastro (con forte riciclo di stoffa russa) che fu impiegato in grossi quantitativi nella produzione di queste uniformi, altri ancora intendono globalmente con questa denominazione tutta la produzione di questo particolare effetto nella sua singolare peculiarità. La Feldbluse Modell ‘43 non fu mai soppiantata del tutto dalla nuova “Felduniform 44” e ad essa si sovrappose per quanto i primi ad esserne equipaggiati furono i reparti Panzergrenadieren, i reparti Infanteriepionieren e le truppe impiegate in prima linea. Anche le WSS la KM la Polizei la LW dovevano essere equipaggiate con la nuova uniforme, ad eccezione dei carristi che manterranno la loro specifica’uniforme nera. Tutto ciò, come già detto, voleva inquadrarsi in una riforma dettata dagli eventi alla ricerca di un prototipo di soldato “moderno”che caratterizzerà comunque il milite europeo degli anni ’50, gettando le basi del soldato attuale.

    Di seguito le foto, a specchio di quanto sopra descritto.
    La feldbluse 43 presentata in questo contesto è un ottimo esemplare in condizioni pari al nuovo realizzato a Stettino nel ‘44, in panno “ortica” di italica derivazione. Il taglio perfettamente regolamentare mantiene comunque ottimi standard costruttivi. I bottoni sono di colore “grigio unificato” come la fibbia del cinturone. L’utilizzo di questo colore dal ‘43 in poi si inquadrava anch’esso in quella riforma “moderna” che tendeva ad unificare e a standardizzare soldati ed equipaggiamenti. Ho immaginato il “manichino”armato con fucile automatico Stg44 e con equipaggiamento nella consueta configurazione prevista per la fanteria

    pf 007.jpgpf 011.jpg

    pf 009.jpg

    pf 008.jpg
    Le mostrine sono le regolamentari litzen di tipo standard grigie, istituite nel’40, l’aquila è grigia su fondo feldgrau
    pf 029.jpg
    L’interno della Bluse è foderato nella consueta seta artificiale, sono presenti i marchi delle taglie e del fabbricante
    pf 034.jpgpf 036.jpg



    pf 037.jpg pf 038.jpg

    Il soldato, un fante, è equipaggiato con fucile automatico Stg44, ha ricevuto l’apposito portacaricatori e mantiene nell’altro lato una Patronentasche di modello ordinario. Per distribuire il peso e mantenere l’affardellamento posteriore, indossa sospensioni ad Y
    pf 019.jpgpf 012.jpg

    pf 013.jpgpf 016.jpg

    pf 018.jpg

    Un distintivo infanterie Sturmabzeichen campeggia sulla tasca pettorale della Feldbluse
    pf 031.jpg

    Anche negli ultimi anni di guerra era previsto per i soldati della fanteria la configurazione con il triangolo tattico modello “A” che serviva per il trasporto del telo tenda, del tascapane tattico, dell’attrezzatura inerente al telo tenda e della gavetta oltre al tascapane (qui di modello‘44) e borraccia nella consueta posizione. La baionetta non veniva distribuita ai soldati armati con Stg44, cosi’ come sempre meno era invalso l’uso del trasporto della maschera antigas e del suo contenitore cilindrico, spesso quest’ultimo serviva a trasportare nel suo interno razioni e effetti personali con gravi sanzioni da parte dei superiori
    pf 040.jpgpf 041.jpg

    pf 020.jpgpf 021.jpg


    La vanghetta , qui di tipo pieghevole, continuò ad essere distribuita sino alla fine rivelandosi oggetto utile e pratico
    pf 022.jpg

    In seguito e dopo alcuni test da parte dell’esercito, l’affardellamento tattico campale fu sostituito progressivamente nel ‘44 da un pratico zainetto (Rucksack-Sturmgepack) destinato al rimpiazzo del basto ad “A”non più in produzione, pur svolgendone la medesima funzione
    2mod.JPG
    pf 025.jpg
    pf 027.jpg

    L’Einheitsfeldmutze in panno, copricapo tipico a due bottoni frontali fu l’ultimo copricapo ad essere distribuito e tipico del soldato di fine guerra
    pf 032.jpg

    La nuova “Felduniform 44”in forma di giacchino corto a due tasche e non più quattro, venne introdotto nel settembre 1944 segnando una rottura con la tradizione passata delle uniformi tedesche, era comprensivo di pantaloni specifici, stivaletti corti,maglione a collo alto
    unif.wh heer 44 001.jpg
    unif.wh heer 44 003.jpg

    L’interno era foderato in seta artificiale seguendo i consueti criteri di confezionamento dell’industria manufatturiera tedesca del tempo, gli esemplari giunti fino a noi mostrano grande eterogeneità nella sua costruzione, l’aquila venne prodotta in forma triangolare onde rendere più agevole il montaggio
    unif.wh heer 44 006.jpg

    tra i vari tessuti impiegati per la Felduniform 44, va ricordato l'impiego di panno italiano a doppia faccia, con trama diagonale,(già peraltro utilizzato anche nelle Feldbluse modell 43) nella foto un completo giacca e pantaloni realizzato in questo materiale
    a.unif.wh heer 44 010.jpg

    Sulle foto di parte dell’equipaggiamento (tipico del periodo trattato) utilizzato per i manichini del thread di cui sopra porgo i miei saluti e rimango a disposizione per i consueti commenti
    kdg
    pf 042.jpgpf 043.jpgpf 044.jpg


    "Unsere Mauern brachen aber unsere Herzen nicht"
    ----------------------------------------------------------------------
    "der graf" ist Carlo Cicconi-Massi

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Waffen
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    FIRENZE
    Messaggi
    3,111
    Io non ho parole,cè tanto di quel ben di Dio che non so da dove cominciare.Davvero davvero complimenti,quella 43 me lo sto "finendo" con gli occhi.
    kappa

  3. #3
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858
    text book ! materiale incredibile!
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di leon1949
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Lombardia milano
    Messaggi
    3,706
    Tutto stupendo e in condizioni strepitose complimenti .

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    Alpi Occidentali
    Messaggi
    101
    Veramente complimenti per tutto il materiale che hai, e soprattutto grazie delle spiegazioni allegate, utilissime a chi come me, non ha ancora tutto questo ma punta a ''conquistarlo''.! Verso la fine del conflitto quindi sia la maschera che il contenitore spesso non venivano portati? A chi non rispettava le direttive sull'equipaggiamento (per esempio non portando la maschera) spettavano sanzioni? grazie.
    Attila

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Antonio S
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    North Italy
    Messaggi
    84
    Grandi pezzi in condizioni top e soprattutto grande presentazione e preparazione. Questo è quello che fa la differenza sul serio.
    Ancora una volta i miei più sinceri complimenti Carlo.
    I MIEI LIBRI:



  7. #7
    Collaboratore L'avatar di milit73
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Località
    Verona,Italia
    Messaggi
    1,422
    Ciao a tutti,

    ottimi pezzi,complimenti sinceri per la grande qualità del materiale presentato e per la tua preparazione.

    Ciao
    Michele

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di Nicola.M
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Messaggi
    78
    Bhe senza nulla togliere alla descrizione perfetta
    Gli oggetti son fantastici e in condizioni ideali
    complimenti per questo post
    "Il mio onore si chiama fedeltà"

  9. #9
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,395
    E' come andare ad una splendida lezione di storia delle uniformi corredata da pezzi veramente spettacolari.
    sven hassel
    duri a morire

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Hetzer
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Bassa reggiana
    Messaggi
    1,810
    Rimango sempre senza parole, nel vedere tanto bellissimo materiale, raccolto con passione e competenza!...come ha scritto Tiziano è come essere stati ad una interessantissima lezione di storia, con uniformi, equipaggiamenti e armi spettacolari!!
    Visto che hai citato il particolare del contenitore della maschera antigas usato come "porta vivande", ho salvato una foto curiosa circa tale utilizzo...

    Foto gas maske.jpg

    ...notare i volti divertiti dei due soldati russi!!
    Io non ho girato il mondo ma il mondo ha girato intorno a me.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato