Pagina 10 di 19 PrimaPrima ... 89101112 ... UltimaUltima
Risultati da 91 a 100 di 184

Discussione: M-1 carbine

  1. #91
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: m1 carbine

    Bellissimi, Sal!!!
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  2. #92
    Utente registrato L'avatar di cipolletti vincenzo
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    1,863

    Re: m1 carbine

    ..riprendendo la discussione,la inland ha prodotto circa 400.000
    m2,la winchester 17.500, i calci inland sono marcati con"0I,Ri.
    i calcioli hanno un numero ricavato all'interno,i rivetti che
    sostengoni il guanciolo in cuoio devono essere di ottone pieno o ferro
    all'origine dipinti di nero.

  3. #93
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Toscana
    Messaggi
    342

    Re: m1 carbine

    Salve a tutti, concordo con cipolletti: purtroppo il calcio M1A1 delle foto qui sopra è una riproduzione commerciale, quasi sicuramente di marca italiana, disponibile dagli anni Ottanta in poi. Invece quello postato da marpo è militare.

    Per il resto: confermo che l'attacco per la baionetta fu montato sulle carabine alla produzione dalla primavera del 1945. Fu utilizzato (in guerra) solo su un numero limitato di carabine nelle battaglie finali del Pacifico. L'attacco è stato poi montato su tutte le carabine in servizio nell'US Army nei tardi anni Quaranta; la carabina di cipoletti è dunque a standard per la Corea e successivi conflitti (le altre modifiche standardizzate riguardano il tipo di sicura, l'alzo regolabile al posto di quello a foglietta, etc.).

    Per la ricarica, W296, come già* consigliato, oppure H110 (quest'ultima a mio avviso è preferibile, trattandosi di polvere replicata da quella originariamente utilizzata dall'US Army). Comunque hanno caratteristiche di combustione quasi sovrapponibili (la W296 è di un capello più lenta). Lasciate perdere tutto il resto: ci sono altre polveri pure utilizzabili (es: N110) ma non danno il meglio in questa cartuccia. Non fornisco dosi perché non posso sapere come ricarica il mio prossimo! Comunque si trovano su qualsiasi manuale di ricarica.

    In ogni caso, al giorno d'oggi le munizioni reperibili sono molto economiche, la ricarica non è un'opzione obbligata. Oltretutto è un po' noiosa, per il 30M1, perché i bossoli in concreto vanno lubrificati (uno ogni due-quattro a seconda dei casi) anche se si usano matrici al carburo di tungsteno, e la lunghezza del bossolo va RIGOROSAMENTE controllata ad ogni ricarica (le carabine M1, talvolta anche se in condizioni pari al nuovo, hanno il brutto vizio di sparare anche ad otturatore non in chiusura completa e un bossolo lungo può portare spiacevoli conseguenze!).
    Kilroy

  4. #94
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Località
    Toscana
    Messaggi
    342

    Re: m1 carbine

    Aggiungo alcune note che possono risultare utili sull`argomento delle calciature M1A1. Putroppo data la nostra legislazione si tratta di argomento di interesse solo storico, ma tant'è.

    Tutte le carabine M1A1 furono originariamente prodotte utilizzando azioni Inland. Non si distinguevano dalle altre carabine Inland coeve, se non per la calciatura.

    Le M1A1 non avevano serie matricolare distinta, ricadendo solo, per numero di matricola e data sulla canna, nei due periodi di produzione noti: circa 71.000 M1A1 furono assemblate alla Inland tra novembre 1942 e ottobre 1943, ulteriori 69.000 circa tra maggio e dicembre 1944, per un totale di circa 140.000 M1A1 "di fabbrica".

    à? ovvio, poi, che una calciatura M1A1 può essere montata su qualsiasi carabina, quindi è ragionevole che armi di altri fabbricanti fossero utilizzate, dai reparti, in configurazione M1A1.

    Inoltre, il numero di calciature M1A1 prodotte durante la guerra fu molto più alto del totale delle carabine M1A1 assemblate dalla Inland. Il totale delle calciature prodotte è infatti stimato in circa 240.000, il ché implica l`esistenza di circa 100.000 calciature di ricambio prodotte per l`US Army tra 1942 e 1945. Le impugnature a pistola furono altresì prodotte separatamente, come ricambio, in gran numero.

    Le parti in legno furono prodotte, per la Inland, dalla S.E. Overton Company, le componenti metalliche dalla Royal Typewriters, Inc. Quest`ultima era anche responsabile dell`assemblaggio delle calciature M1A1 per la Inland, ma in realtà* passò l`incombenza alla Overton nel 1944.

    Agli inizi del 1944, la Overton subappaltò la produzione di circa 178.000 impugnature a pistola alla Richardson Furniture Company, la quale produsse ulteriori 8.000 impugnature a pistola per l`arsenale di Springfield alla fine del 1944. La Springfield Armory produsse direttamente circa 7.300 calciature M1A1 complete nel 1945-46.

    In presenza di tale "surplus" di calciature, non tutte le carabine M1A1 del secondo blocco di produzione (dal maggio 1944) presentano le caratteristiche tipiche dei calci delle coeve M1 Inland (es: lo scasso ribassato in corrispondenza dell`asta di armamento, adottato sulle M1 Inland verso la fine del 1943- inizi 1944). Al contempo, le calciature M1A1 prodotte dal 1944 montano spesso un`impugnatura a pistola di profilo più concavo di quelle precedenti, ciò che con molta probabilità* corrisponde al subappalto delle dette impugnature alla Richardson Forniture Co. Le calciature M1A1 prodotte dalla Springfield Armory nel `45-46 hanno tutte scasso ribassato e utilizzano lo stesso tipo (concavo) di impugnatura.

    Nessuna calciatura M1A1 prodotta durante la guerra presentava gli intagli per il montaggio del selettore di tiro a raffica delle M2. Non si hanno dati sull`eventuale produzione postbellica di calciature M1A1 (a parte quella alla Springfield Armory nella prima metà* del 1946). Con circa 100.000 calci di ricambio, è improbabile che essa abbia avuto luogo. Tuttavia, alcune fonti riportano che alcune carabine M2 in configurazione A1 sono state utilizzate dalle Special Forces nella fase iniziale della guerra in Vietnam, quindi è possibile che esistano calci così modificati per uso militare. Non è neppure escluso che analoghe modifiche di reparto siano state utilizzate già* in Corea.

    Infine, quantomeno le parti in legno delle calciature M1A1 furono prodotte in Italia nel dopoguerra per l`uso nelle nostre Forze Armate (credo Paracadutisti e Alpini), direttamente alla Fabbrica d`Armi di Terni o comunque previa sua ispezione / accettazione.

    Da quanto sopra conseguono le seguenti tipologie di calciature M1A1 militari:

    A 1) calciature M1A1 di produzione 1942-1943
    Non hanno scasso ribassato per l`asta di armamento, hanno impugnatura a pistola del primo tipo (profilo anteriore meno concavo), sono marcate OI (per Overton Inland) nella cassa e sotto l`impugnatura a pistola. Se la calciatura proviene da una carabina assemblata alla Inland, l`impugnatura a pistola recherà* anche il timbro dell`Ordnance Department e, anche se non sempre, una "P" (a volte cerchiata, a volte no) sempre sull`impugnatura a pistola. Se la calciatura era un ricambio e non è stata utilizzata su un`arma ricondizionata da un arsenale dell`US Army non recherà* l`emblema dell`Ordnance né la "P".

    A 2) idem come sopra ma utilizzata durante ricondizionamento armi
    La calciatura presenterà* il marchio distintivo dell`Arsenale (es: AA per Augusta Arsenal, etc.), di solito sul lato sinistro della cassa, e sarà* stata modificata sbassando l`apertura dell`asta di armamento. Talvolta presenterà* anche la "P", di solito non cerchiata, della prova forzata;

    B 1) calciature M1A1 del secondo periodo di produzione Inland (dal maggio 1944)
    Possono presentare le stesse caratteristiche di quelle precedenti oppure (per lo più) monteranno impugnatura a pistola prodotta dalla Richardson Forniture Co (marcata "RI" sopra un numero "3", con profilo anteriore concavo. Col tempo, la cassa diviene del tipo con scasso ribassato, ma la data di introduzione della modifica sulle M1A1 non è accertata;

    B 2) calciature come sopra utilizzate in ricondizionamento d`armi
    Vedi quanto già* detto al punto A2;

    C 1) calciature M1A1 prodotte dalla Springfield Armory nel 1945-46
    Queste hanno tutte cassa con scasso ribassato. Dovrebbero recare il marchio "SA" nella cassa (perlomeno, così sono maracte tutte le claciature convenzionali prodotti dall`Arsenale dopo la guerra, ma non ho conferma diretta sulla questione). Di sicuro, il marchio "SA" si ritrova invece suelle impugnature a pistola: quindi, o la Richardson Forniture Co. Inviò all`arsenale impugnature non marcate, oppure l`arsenale ne produsse un lotto ulteriore per suo conto;

    C 2) come sopra utilizzate su armi ricondizionate
    Vedi sopra A2;

    D 1) una qualsiasi delle precedenti tipologie modificata per l`uso del selettore di tiro a raffica negli anni Sessanta (e forse in Corea)
    Presenterà* intaglio laterale a sinistra per la leva di comando del selettore, nonché fresatura della traversa della cassa davanti alla scatola dello scatto. Trattasi di modifiche di sicuro numericamente insignificanti;

    E 1) calciature M1A1 militari prodotte in Italia nel dopoguerra
    Le casse che ho a suo tempo osservato in armeria di solito recano i tipici punzoni della FAT (ovale con lettere/simboli); inoltre hanno profilatura posteriore visibilmente più squadrata di quelle di produzione USA (N.B.: le casse di produzione Springfield Armory sono già* a loro volta più squadrate di quelle Overton, ma sempre meno di quelle italiane). Da notare infine che dette casse italiane sono del vecchio tipo senza scasso ribassato, quindi possono essere erroneamente confuse con casse Overton del primo periodo di produzione.

    Tutto ciò con riguardo alle parti in legno. Per quanto riguarda le parti in metallo, si applica quanto segue.

    Tutti le estensioni in metallo di produzione USA erano fosfatate e assemblate per saldatura convenzionale (non per brasatura); l`accoppiamento del cuoio al metallo è accurato; i rivetti, che sono sempre a livello con il cuoio, mai sporgenti, possono essere di ottone annerito o di acciaio fosfatato, sia di tipo tubolare che (secondo alcune fonti) pieno. Alcune fonti sostengono che i rivetti di ottone erano tipici delle calciature più vecchie, ma ritengo sia un`affermazione da prendere con cautela, dato che l`ottone, nel `42-43, era classificato materiale critico negli USA; infine, i calcoli metallici sono prodotti per fusione (non stampaggio) e recano impressi (sempre per fusione) il numero di inventario e il codice dello stampo di fusione, separati da un asterisco (es: B257614 – asterisco – numero di stampo; osservati numeri da 1 a 12). Trattasi di scritte talvolta a malapena leggibili.

    I calci metallici che ho visto utilizzati con casse di produzione militare italiana erano identici a quelli USA, e potrebbero essere effettivamente di produzione americana. Talvolta mostravano lavori di sostituzione del cuoio etc. presentando in quel caso rivetti di ottone installati con minore uniformità* della produzione USA.

    Le copie commerciali, infine, si riconoscono facilmente dagli originali, dato che hanno caratteristiche palesemente diverse da quelle sinora illustrate (parti brunite, e assemblate a brasatura, calciolo stampato, legno predisposto per il selettore di tiro a raffica, etc.). Si noti comunque che negli USA sono disponibili anche calciature commerciali che sono state abilmente rifinite e riassemblate da abili artigiani (senza inganno all`origine, ma una volta passate di mano...) per assomigliare agli originali. Pare che la maggior parte delle calciature commerciali disponibili anche all`estero siano prodotte in Italia, non so da quale ditta. Ne ho viste circolare in armeria a partire dagli anni Ottanta, ma potrebbero esisterne anche di più vecchie. Ultimamente, la Auto Ordnance Corp. Americana ha messo in commercio una sua versione M1A1 ma ignoro se utilizzi dette calciature "nazionali" o abbia provveduto a produrne ex novo in proprio.

    Saluti!
    Kilroy

  5. #95
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Depressione di Al Qattara ????? ???????
    Messaggi
    533

    Re: m1 carbine

    Ciao a tutti,è da un sacco di tempo che non postavo su WW Volevo contibuire alla gallery con la mia International Business Machine del '44 purtroppo non ho la baionetta relativa....





    Qui con "grenade launcher sight M15" montato



    [center:28kubiwb]"Li ho visti i ragazzi del '99.Andavano in prima linea cantando.Li ho visti tornare in esigua schiera.Cantavano ancora" (Armando Diaz)[/center:28kubiwb]
    [center:28kubiwb]...chi non ha spada,venda il mantello e ne compri una... (Luca,22 1 71)[/center:28kubiwb]
    [center:28kubiwb]Socio F.I.S.A.T. www.fisat.us[/center:28kubiwb]

  6. #96
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046

    Re: m1 carbine

    ...bella la dissertazione di Kilroy, nonostante mi abbia indotto a buttare via la mia M1, sul calcio non ho trovato nessuna indicazione particolare, senza contare che molto probabilmente anche sui ferri qualche pezzo spurio si trova, debbo dire però che l'impiego a fuoco sia in poligono che alle volpi è soddisfacente, non me ne vogliano gli animalisti a loro chiedo scusa, personalmente non ho mai curato i monomatricola è stato sufficente che il pezzo apparisse in modo piacevole senza difetti estetici e di buona resa al fuoco, almeno per quelli che ho potuto provare, ho apprezzato e letto con piacere il tuo scritto mio caro Kil, sei sempre molto esauriente, per questo grazie.
    Quello che non ho mai visto e che mi piacerebbe vedere è il Kit completo per la funzione di "automatico" a prescindere dallo scasso sul calcio ritengo possa essere applicato a tutte le carabine, vi prego di darmene conferma e mostrami una immagine del Kit, bella e giustamente vissuta quella di Paolone un complimento, per la bella Mis, anche a lui. Un saluto Sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  7. #97
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: m1 carbine

    Citazione Originariamente Scritto da savoia1948
    ...bella la dissertazione di Kilroy, nonostante mi abbia indotto a buttare via la mia M1, sul calcio non ho trovato nessuna indicazione particolare, senza contare che molto probabilmente anche sui ferri qualche pezzo spurio si trova, debbo dire però che l'impiego a fuoco sia in poligono che alle volpi è soddisfacente, non me ne vogliano gli animalisti a loro chiedo scusa, personalmente non ho mai curato i monomatricola è stato sufficente che il pezzo apparisse in modo piacevole senza difetti estetici e di buona resa al fuoco, almeno per quelli che ho potuto provare, ho apprezzato e letto con piacere il tuo scritto mio caro Kil, sei sempre molto esauriente, per questo grazie.
    Quello che non ho mai visto e che mi piacerebbe vedere è il Kit completo per la funzione di "automatico" a prescindere dallo scasso sul calcio ritengo possa essere applicato a tutte le carabine, vi prego di darmene conferma e mostrami una immagine del Kit, bella e giustamente vissuta quella di Paolone un complimento, per la bella Mis, anche a lui. Un saluto Sal
    Invece a me la discussione è servita per riesumare la calciatura originale che dopo una bella pulizia ha cominciato a mostrare i suoi marchi.
    Appena finito di passare il True oil farò delle foto.
    Ti confermo che a quanto mi risulta il gruppo raffica è montabile su tutte le M1 a patto di avere i pezzi che sono visibili su un sito belga con tanto di esploso nel settore ricambi per M1. La ditta si chiama AMS, il link lo cerchi tu così non violiamo i regolamenti.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  8. #98
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046

    Re: m1 carbine

    ...Ti ringrazio Caro Andrea seguirò le tue indicazioni, Ti saluto e aspetto di vedere il tuo calcio, Saluti Sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  9. #99
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: m1 carbine

    Ciao, vi mando un paio di pagine che ho scannerizzato da dei libri relativi alla M1, mi spiace ma non ho un diagramma completo del selettore, solo queste foto.
    Vi segnalo anche quello che dice il secondo libro circa i paraguancia della versione pieghevole.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  10. #100
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    100

    Re: m1 carbine

    Bellissimo pezzo!
    Io ne avevo una con la scritta undewood del 1942 (il nome credo sia della fabbrica di produzione)su un sito puoi scaricare il manuale d'istruzione per l'uso originale

Pagina 10 di 19 PrimaPrima ... 89101112 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato