Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 31

Discussione: M 33 GdF

  1. #11
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: M 33 GdF

    Ciao, la cuffia mi sembra postbellica anche perche' presenta la tipica colorazione delle cuffie degli elmetti PS postbellici. Sinceramente sono contrario alla sverniciatura degli elmetti. Ne possiedo infatti diversi con piu' stratificazioni di livree e mai mi sognerei di rimuoverle per far riapparire un probabile fregio (che pur so presente). Si verrebbe infatti a snaturare l'elmo della sua storia. Comunque si tratta del mio personale rapporo con i miei cari M33 cui non daro' mai "fastidio" tenendomeli invece cosi' come la storia me li ha fatti pervenire tra le mani. Per quanto riguarda la sverniciatura sinceramente so che l'unico metodo che ha dato buoni frutti consiste nel rimuovere la vernice manualmente con appositi strumenti appuntiti. Alcuni consigliano l'acetone perche' ritenuto meno aggressivo. Sinceramente non l'ho mai fatto ne' so quale sia il metodo migliore e come operare. Bisognerebbe attendere l'intervento di qualche esperto che ha gia' collaudato un suo personale metodo di intervento. Attendiamo pertanto il parere di colleghi esperti in questo campo. Ciao.

  2. #12
    Utente registrato L'avatar di stahlelm16
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,311

    Re: M 33 GdF

    Ti ringrazio
    Lassù pugnammo. Lassù caddero gli eroi fratelli
    per la grandezza della Patria.
    Il più vasto confine a lei consacrato,
    vigila e difendi con la fede dei forti


    Dal monumento al Vecio e al Bocia sito alla caserma Salsa di Belluno, sede del glorioso 7° Alpini

  3. #13
    Utente registrato L'avatar di stahlelm16
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,311

    Re: M 33 GdF

    Ecco un elmetto 33 GdF com'era prima di togliere via l'orrenda vernice verde bottiglia. Questo elmetto era originariamente dipinto nel colore grigio finanza, come si vede all'interno, poi è stato ridipinto all'esterno mi è stato detto per esercitazioni riguardanti le funzioni ordine pubblico/antisommossa. L'elmetto presenta il cerchione della cuffia color verde kaki e il cinturino in canapa che si trova su gran parte degli elmetti post bellici.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Lassù pugnammo. Lassù caddero gli eroi fratelli
    per la grandezza della Patria.
    Il più vasto confine a lei consacrato,
    vigila e difendi con la fede dei forti


    Dal monumento al Vecio e al Bocia sito alla caserma Salsa di Belluno, sede del glorioso 7° Alpini

  4. #14
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: M 33 GdF

    Ciao, sinceramente io non avrei toccato nulla e avrei lasciato l'elmo nel suo stato originario. Salviamo la storia che ciascun elmetto porta su di se. Comunque un bell'elmo postbellico. Ciao.

  5. #15
    Utente registrato L'avatar di stahlelm16
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,311

    Re: M 33 GdF

    Gusto personale.Apprezzo il tuo punto di vista
    Lassù pugnammo. Lassù caddero gli eroi fratelli
    per la grandezza della Patria.
    Il più vasto confine a lei consacrato,
    vigila e difendi con la fede dei forti


    Dal monumento al Vecio e al Bocia sito alla caserma Salsa di Belluno, sede del glorioso 7° Alpini

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di TAITA
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Località
    Castelfiorentino (FI)
    Messaggi
    90
    Proprio belli.... anche se in ritardo... allora:
    Elmo nr. 1: all'epoca in uso agli allievi delle Scuole AA.FF. (Cuneo, Mondovì, Portoferraio, Predazzo);
    Elmo nr. 2: all'epoca in uso al personale delle varie Legioni per "sgombero poligono";
    Elmo nr. 3: in uso fino al 1981 per il personale che frequentava corso S.V.A.T. - P.I., (si evince dalla mancanza di stemma giallo) al posto dei caschi con celata normali (Ordine Pubblico) e pesanti (Antisommossa) che si rovinavano durante l'addestramento.

    Se all'interno ci sono sigle e/o numeri, potrei anche stabilire la provenienza (Legione e/o Reparto).

    Saluti

  7. #17
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041
    Ho questo.E' la prima volta che mi capita col fregio nero su sfondo grigio verde.Non ho al momento le foto
    dell'interno perché mi trovo attualmente in aereo. Poi le postero'. E' il regalo di un amico e mi e' stato garantito come WWII (il fregio a mio parere, sulla parte bassa e' stato ritoccato).Gertro, che mi dici?PaoloMgdf.jpg

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518
    Ciao Paolo, l'elmo e' interessante ma ci vorrebbero migliori foto per una compiuta disamina. Ciao.

  9. #19
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Ne ho uno anch'io g.v. con fregio nero; elmetto vissuto e fregio purtroppo sbiadito ma ancora visibile.
    M33 GdF0010.JPGM33 GdF0019.JPGM33 GdF0026.JPG

  10. #20
    Utente registrato L'avatar di TAITA
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Località
    Castelfiorentino (FI)
    Messaggi
    90
    Nell'elmetto postato da marpo sembra che il fregio contenga la "A"; se così fosse, di sicuro era in dotazione ad uno dei tanti Reparti della Regia Guardia di Finanza distaccati in Albania.

    Il fregio nero, a mia memoria è stato sostituito da quello giallo verso la fine degli anni '50; dovrei fare una ricerca tra i Fogli d'Ordine dei vari anni.

    Ad ogni buon fine, sono sicuro che avevamo in dotazione ed utilizzato rimanenze belliche almeno sino alla primavera del 1983, quando concentrammo materiali di equipaggiamento ed armamento WWII in carico alla 16^ Legione di Ancona in una grande caserma E.I. di Firenze per la distruzione.

    Saluti

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •