Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: M33 Marcati.

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    11

    M33 Marcati.

    Vorrei capire, visto che nella mia piccola collezione ho un M33 non marcato sul bordo con i numeri del costruttore, se tutti gli elmetti devono avere questo codice di produzione o non era obbligatorio averlo.
    Grazie

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821

    Re: M33 Marcati.

    Hai provato a dare un occhiata alla stanza dedicata agli elmetti italiani? Quasi in ogni topic si parla di questi famosi marchi...

    viewforum.php?f=17

    Generalmente se un 33 non era marcato poteva essere un 33 destinato alla UNPA..i famosi 4 fori..

    Saluti
    Corrado
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    11

    Re: M33 Marcati.

    Ciao e grazie per la risposta.
    Con non poca vergogna ammetto di avere una vista da talpa. Togliendo la polvere in modo un pò più energico è uscita la sigla MM 95.
    Il codice dice qualcosa ? Appartiene a qualche codice conosciuto ??
    Grazie ancora e scusate il mio errore.
    Grazie

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: M33 Marcati.

    Ciao Neapel, almeno per i postbellici sono stati riscontrati elmetti senza alcun codice alfanumerico (io stesso ne possiedo un esemplare nuovo di zecca in collezione). Difficile dare una spiegazione sul perche' tale codice non sia presente. Forse si tratta di elmetti appartenenti agli ultimi lotti di produzione prima di andare definitivamente in pensione? Magari lo stimatissimo Marpo potrebbe avere una spiegazioni piu' plausibile al riguardo. Per quanto riguarda la tua domanda sul codice MM certo che si tratta di un codice conosciuto per gli M33 ma si ignora quale fabbrica lo utilizzasse. Personalmente posso dirti di aver riscontrato tale codice con una certa frequenza sugli M33 dell'aereonautica (almeno quelli verniciati di blu). Ciao.

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: M33 Marcati.

    La mancanza dei codici alfanumerici, sembrerebbe essere una particolarità* anche degli elmi della P.S. dall'immediato dopoguerra in poi: viewtopic.php?f=120&t=9907. I motivi poi restano un mistero....
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  6. #6
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: M33 Marcati.

    Ciao Silent Brother non ero a conoscenza che ci fossero elmetti privi di codice risalenti all'immediato dopoguerra. Mi e' capitato un unico esemplare con tale caratteristica peraltro nuovo di zecca. Per valutare se, magari, fosse un elmo vecchio opportunamente restaurato ho controllato tutto il bordo dell'elmo per vedere se vi erano ammaccature ma nulla. E' perfetto quasi fosse uscito l'altro ieri dalla fabbrica. Quindi e' effettivamente nuovo. Che dire allora? Che si tratti di produzioni di ditte subappaltarici prive degli appositi macchinari per la rullatura del codice? Forse l'utilizzo del codice era prerogativa della sola fabbrica madre? Forse sono elmi appartenenti a partite prive di codice perche', magari, per un motivo o per un altro non fu possibile punzonare i gusci? Possono essere tante le ipotesi e tutte discutibili o meno. Non dimentichiamo, tra l'altro, che i codici sono alquanto enigmatici di per se. Si consideri, ad esempio, lo stranissimo codice rilevato dal libro del Bosi: T 000. Che ipotesi fare su quest'ultimo? Ciao.

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821

    Re: M33 Marcati.

    Probabilmente bisogna cercare in altre strade e non per forza attribuire certe lettere a determinate fabbriche...
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di silent brother
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Emilia Romagna - Modena
    Messaggi
    5,286

    Re: M33 Marcati.

    Difficile dire e/o sapere i motivi per cui esistono elmi privi di codice alfanumerico. Gli unici che ho riscontrato fino ad ora sono quelli che erano in uso alla P.S., il motivo poi di tale mancanza non lo so.....
    Forse perchè, pur trattandosi di elmi in acciaio o metallici, si tratta di elmi non balistici? ....in quanto questi elmi alla P.S. venivano forniti per la difesa della caserma e quindi non destinati alla "prima linea" come quelli per l'esercito?
    Purtroppo questo argomento rimane sconosciuto.
    DANIELE
    "Ad unum pro civibus vigilantes"

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700

    Re: M33 Marcati.

    Io ho visto pochissimi M33 non marcati, forse non più di due, su diverse centinaia avuti per le mani.

    Sbaglierò, ma per me è semplice difetto di produzione o dimenticanza.

    Del resto mi è capitato non molto tempo fa perfino un M40 tedesco privo del marchio del produttore, non nascosto da vernice o usura, come a volte succede, ma proprio mancante, e considerata la pignoleria teutonica, altro non può considerarsi che una svista.

    Che magari, se qualcuno se ne accorse all'epoca, sarà* costata il campo di prigionia, o peggio, al malcapitato operaio che si dimenticò di "timbrare" il pezzo....

  10. #10
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: M33 Marcati.

    Ciao Piesse, la tua ipotesi e' piu' che plausibile. Magari poteva verificarsi questa "non punzonatura" quando il macchinario che doveva porovvedervi era guasto. Certo la circostanza che la punzonatura non fosse al momento possibile non poteva di certo bloccare la produzione e il completamento degli elmetti. Vi erano dei tempi e delle consegne da rispettare, perbacco! L'arcano, pertanto, potrebbe spiegarsi proprio cosi'. Posso chiederti poi cosa ne pensi del codice T 000 rilevato dal libro del Bosi? Sarebbe interessante conoscere il tuo parere al riguardo. Per quanto riguarda l'elmo tedesco senza codice se il responsabile era un militare sicuramente sara' stato punito con il fronte russo. Ciao.

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato