Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: M35 Partigiani Francesi

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700

    M35 Partigiani Francesi

    Questo elmetto pur non bellissimo, ritengo sia un interessante esempio di elmetto catturato e riutilizzato dalla Resistenza.
    Tecnicamente si tratta di un NS62 lotto E116, originariamente verniciato nel cosiddetto verde mela, probabilmente bidecal, con cerchio in alluminio non rinforzato datato 1937 (sono riuscito a intravedere il marchio); il controcerchio è anch'esso in alluminio e la pelle, a causa suppongo di polvere, è divenuta bianco-grigiastra.
    Il soggolo è piuttosto irrigidito, ma in buone condizioni e marcato con un marchio che non mi sembra tanto comune; l'anno è 1940.
    Successivamente l'elmetto è stato sovracolorato, come da norma, con vernice più scura e opaca, poi col tempo e l'uso buona parte se n'è andata; il verde mela, piuttosto lucido, non consentiva una buona presa, fenomeno già* riscontrato molte volte.
    Il soldato tedesco aveva anche scritto il proprio nome sulla falda posteriore, prassi molto comune, che è giunto ai giorni nostri.

    A questo punto interviene il nostro "Maquis" che trova/cattura questo copricapo, lo utilizza e lo decora a sua fantasia.
    Mi chiedo spesso se queste scritte e decorazioni che si vedono siano effettivamente operative, o un vezzo esibizionistico nelle giornate di trionfo e di sfilate, o addirittura reducistico, ma sono domande sostanzialmente poco importanti.
    Il significato storico è comunque questo.
    Le scritte come vedete sono le classiche Liberté e Victoire, sulla calotta, oltre al simbolo V e Croce di Lorena, tipico delle FFI, il nostro ha aggiunto un minaccioso teschio piratesco con tibie incrociate.
    Inoltre doveva essere un ragazzo pignolo e preciso poiché pare aver rimosso con cura certosina e maniacale i due scudetti tedeschi, non col solito sistema del "gratta e vinci" ma evidentemente con un altro metodo, per esempio solvente, perché l'impronta degli stemmi appare piuttosto nitida, ma la sottostante vernice verde mela è quasi intatta e degli scudetti non è rimasto il benché minimo frammento.

    Infine, i due attacchi del soggolo sono stati leggermente spostati dalle posizioni originali, anche qui comunque con un lavoro piuttosto preciso e accurato, poiché evidentemete per qualche motivo che può essere un violento strappo il cerchio in alluminio si era rotto in corrispondenza di detti attacchi, quindi è stato nuovamente forato il cerchio, spostando di circa un cm. per lato i due reggisoggolo e applicando nuovi rivetti, o utilizzando gli stessi, non lo so; dalle foto si dovrebbe capire quello che dico.























  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Piero,è semplicemente stupendo,complimenti davvero.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    301
    Ciao Piero!
    Mi sembra ottimo il tuo elmo! Non mi soffermo nemmeno a discutere sull'originalità* che è fuori discussione. Mi piace invece molto la particolarità* del tutto! Approfitto per farti una domanda: ho visto in alcuni filmati del 1945 anche partigiani italiani indossare elmetti tedeschi (immagino lo abbiano fatto pure i titini dalle mie parti). Anche loro mettevano scritte o distintivi particolari? Se si hai qualche esempio da mostrare? Ho ammirato nell'altro topic il tuo elmo con insegne polacche e vedo che ti interessano parecchio questi utilizzi particolari degli elmetti tedeschi.
    Fammi, anzi, facci sapere!
    Complimenti
    Silvio/Terry

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Bellissimo,Piero!!!Devo dire che ne ho visti sul Kibler della resistenza danese e devo dire che è veramente belli.Tutti ricchi di significato.Questo tuo dei maquis francesi è uno spettacolo.Bello,bello,bello.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Davvero un bellissimo elmo, molto particolare. Complimenti [ciao2]

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Citazione Originariamente Scritto da Terry
    ... ho visto in alcuni filmati del 1945 anche partigiani italiani indossare elmetti tedeschi (immagino lo abbiano fatto pure i titini dalle mie parti). Anche loro mettevano scritte o distintivi particolari? Se si hai qualche esempio da mostrare? ...
    Si, qualche volta si vedono anche Partigiani italiani con elmetti tedeschi, ma non è così frequente come che so i francesi, i polacchi, i cecoslovacchi e via dicendo.
    In verità* non è che siano moltissime le foto di Partigiani italiani con elmetti in genere, e nel caso sicuramente un po' più spesso coi nostri 33 o con qualche vetusto Adrian.
    Non saprei dire il motivo, forse non era poi così facile procurarseli; i Maquis francesi, almeno secondo la vulgata classica, erano più organizzati e forse agguerriti, i nostri senz'altro un po' più approssimativi e con meno mezzi a disposizione.
    Per cui, io non ho nessun elmetto tedesco riconducibile con certezza ai Partigiani italiani, ma non ne ho neppure mai visti, soprattutto con insegne seppur artigianali, che li caratterizzano come tali, come invece mi è successo con i nostri M33 (un paio li ho a suo tempo anche illustrati in queste pagine):
    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=4786
    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=3207

    Mi piacerebbe trovare qualche stahlhelm tedesco riconducibile alla Resistenza, ma, ripeto, fino ad oggi non mi è capitato; a dir la verità* tempo fa ho avuto per le mani un M42 con la pelle italiana montata su controcerchio tedesco e dentro c'era scritto un nome (che ora mi sfugge) e una località*, che invece ricordo, precisamente Bagnara di Romagna.
    L'elmetto veniva dalla Francia e il venditore asseriva di averlo trovato in Italia ed era appartenuto ad un Partigiano; però sinceramente la pelle mi sembrava postbellica, però, chissà*...se ben ricordo ci misi un interno tedesco corretto, e forse la pelle con la scritta ce l'ho ancora, da qualche parte.
    L'elmetto invece mi sembra di averlo venduto (non era male in verità*).

    Infine, una foto in tema, 183^ Brigata Garibaldi, Mendola, Autunno 1944.
    Notare anche il secondo soldato, la foto non è chiarissima, comunque indossa un elmetto britannico, che a rigor di logica è un Mk.II, però dalla forma si potrebbe pensare anche ad un Mk.III o un Mk.IV, il cosiddetto "tartaruga", cosa altamente improbabile, ma non si sa mai:

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,517
    Piero devo dire che hai fatto bingo!!!!!!!!!!
    Mi piace molto davvero bello!!!
    Sopratutto le scritte lo rendono particolare!!

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Beh, vorrei ringraziarvi per i pareri; sinceramente non pensavo che quest'elmetto avrebbe riscosso questo successo, non prendetelo per snobismo.

    A me aveva lasciato parecchio freddino, l'avevo preso in una delle mie solite trattative globali, e perché ho un amico-fornitore che mi propone spesso oggetti più o meno interessanti e io, per mia politica, cerco di prendere sia ciò che mi piace come, a volte, anche quello che mi piace un po' meno, perché credo che questo sia un buon modo per avere un rapporto un pochino privilegiato; poi magari mi sbaglio.

    Però i vostri commenti me l'hanno fatto rivalutare, questo elmetto; grazie ancora.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Ripeto,Piesse,hai un elmetto che non sfigurerebbe per nulla tra gli elmetti tedeschi utilizzati dalla Resistenza proposti nei libri di Kibler.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  10. #10
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Complimenti anche da parte mia veramente un elmetto unico e originale..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato