Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 27 di 27

Discussione: Ma come facevano i sarti?

  1. #21
    Moderatore L'avatar di der graf
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Marche
    Messaggi
    569

    Re: Ma come facevano i sarti?

    Per tornare al discorso.......a parte gli accessori metallici per il vasto mondo uniformologico nazionalsocialista di cui ditte come Assmann und Sohne ( a altre ) ne rappresentavano il leader nella produzione con le loro "ferramenta"
    [attachment=8:1v9qra0r]cat asm.JPG[/attachment:1v9qra0r]
    ..........a parte le sartorie private che , come già* detto, si erano tutte convertite alla produzione di uniformi per i militari in quel "fermento" che regnava nella Germania di quegli anni e che vedeva tutte le maestranze artigianali e non, volte allo sforzo produttivo per la "vittoria finale", farsi un uniforme e avendone i diritti in quanto "militari" ( ufficiali, sottufficiali, truppa che sia ) non era certo cosa difficile; senz'altro il centro ufficiale principale di fornitura di effetti d'abbigliamento per militari e anche per sartorie, in quanto vi si vendevano anche accessori, era la Heeres Kleiderkasse di Berlino.
    [attachment=7:1v9qra0r]cop hklk.JPG[/attachment:1v9qra0r]
    [attachment=9:1v9qra0r]1 di cop.JPG[/attachment:1v9qra0r]
    qui si poteva trovare di tutto, dall'uniforme completa allo Shirmmutze, agli accessori...ecc...con realizzazioni su misura....

    per esempio le stoffe per realizzare uniformi e pantaloni....
    [attachment=6:1v9qra0r]stoffe.JPG[/attachment:1v9qra0r]

    o i vari soprabiti, cappotti, impermeabili...
    [attachment=5:1v9qra0r]cappotti imperm.JPG[/attachment:1v9qra0r]

    e anche accessori come le "Achselband" o cinturoni...
    [attachment=4:1v9qra0r]access akselb prezzi.JPG[/attachment:1v9qra0r]

    in fondo al catalogo una tabella per annotare le proprie taglie poteva essere compilata e consegnata alla HKK per ordinare un capo d'abbigliamento...
    [attachment=3:1v9qra0r]xletg.JPG[/attachment:1v9qra0r]
    [attachment=2:1v9qra0r]tg.JPG[/attachment:1v9qra0r]

    e un'altra tabella permetteva al militare, a seconda del grado, di usufruire degli indennizzi previsti.....anche perchè se il militare si faceva confezionare da una sartoria privata una uniforme, questa sarebbe stata tutta a suo carico...con un certo "esborso" che non tutti avrebbero potuto permettersi...
    [attachment=1:1v9qra0r]kredito.JPG[/attachment:1v9qra0r]
    [attachment=0:1v9qra0r]domanda credito.JPG[/attachment:1v9qra0r].

    In conclusione, i processi di confezionamento di uniformi per militari e anche per i paramilitari seguivano diversi canali produttivi "statalizzati" e standardizzati, dove tante maestanze vi erano impegnate come abbiamo potuto arguire dal presente thread....che mi auguro abbia dissipato quelle lecite curiosità* esposte da Andrea58.

    Un saluto cordiale
    kdg
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    "Unsere Mauern brachen aber unsere Herzen nicht"
    ----------------------------------------------------------------------
    "der graf" ist Carlo Cicconi-Massi

  2. #22
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Ma come facevano i sarti?

    Il postalmarket della roba crucca.
    Con in mano una cosa simile deve essere abbastanza facile scoprire i pezzi falsi, deve essere di grande utilità*.
    Vi ringrazio per avermi tolto "qualche" dubbio.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #23
    Utente registrato L'avatar di leon1949
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Lombardia milano
    Messaggi
    3,706

    Re: Ma come facevano i sarti?

    bei pezzi alla faccia delle mie fotocopie ciao

  4. #24
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    1,569

    Re: Ma come facevano i sarti?

    appena rietrato da una seratina "easy" ....
    vado a dormire più tranquillo ora che ho visto quest'ultima integrazione molto interessante

    dopo me la riguarderò meglio, ora me cala la palpebra

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    508

    Re: Ma come facevano i sarti?

    Citazione Originariamente Scritto da odilo
    le uniformi tedesche costruite a livello sartoriale,
    riportavano i medesimi caratteri di taglio sia in patria nel Reich, sia nei territori d'occupazione.
    Questo grazie alle tavole di costruzione che gli addetti davano ai sarti produttori (anche qui da noi
    a Trieste furono costruite da una grande sartoria che ora non esiste più)
    furono adoperate pezzature di produzione tedesca ma anche innumerevoli altre stoffe che variavano di tipologia a seconda del territorio occupato e del periodo.
    Ricordo qui per esempio le stoffe Francesi, olandesi e poi quelle russe o Italiane dopo il 43.
    Ometto altre per accorciare.

    le attaccaglie ed i bottoni erano di produzione tedesca ed esistevano degli appositi cataloghi di merceria per contribuire allo scopo di creare l'uniforme nella sua completezza finale.
    Esistevano nel Reich innumerevoli mercerie o negozi di accessori per militari, dove i soldati potevano acquistare privatamente sia mostreggiature, medaglie, daghe o spade o copricapi ed accessori vari.

    mentre per le giacche fatte su misura in 40 anni ne ho viste molte fatte da sartorie di territori d'occupazione; viceversa non ho visto molti schirmutze fatti nei soprascritti territori, al massimo in Austria o rep. ceca ( però territori appartenenti già* nel periodo prebellico al Reich).

    Porca miseria , questo topic me l'ero proprio perso , ed allora visto che lo spunto parte da una mia giacca , seppur in ritardo vorrei dare un contributo
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    Quando la barca affonda , i topolini corrono veloci...........veloci.......velocissimi

  6. #26
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Ma come facevano i sarti?

    A questo punto anche i cappelli potevano essere fatti "fuori".
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  7. #27
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Moravia
    Messaggi
    943

    Re: Ma come facevano i sarti?

    Certamente Andrea,molto spesso mi è capitato di vedere copricapi con etichette di sartorie private.Ogni confezionamento aveva le sue peculiarità*,ma tutte con un pregiata fattura.

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato