Pagina 2 di 11 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 108

Discussione: MASCHERE ANTIGAS IMPERI CENTRALI,database

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    Ciao a tutti!
    Grazie per le risposte! Quando hai tra le mani un cracker tutto diventa più complicato... La maschera la trovai tempo addietro (un 10 anni) e, devo dire non è che fosse stata una morositas, però si muoveva e si lasciava metter in forma. La riprendo dopo un tot e la trovo perfetta ma, come già* ho scritto pareva un wafer: perfetta ma un "filino" irrigidita e sopratutto mooolto fragile. Solita riga di improperi rivolti nell'ordine ai: termosifoni, smog, polveri sottili (vanno di moda, perlomeno qui a Milano), effetto serra... vabbè.
    In effetti avevo sentito parlare anch'io di acqua calda, solo che la persona a cui l'ho chiesto non mi ha saputo dire gli effetti sul lungo periodo... /dramma... Lafitte mi ha però aperto gli occhi col suo discorso Wafer ristretto. Ho provato quindi col silicone sia in sospensione acquosa che come ha scritto Walzorzi, spray oltre a talco (non Boro) e saponaria (che deve essere nuova non di 10 anni fa) sulla parte esterna (penso poi di o lavarla o pennellarla via; vedremo). In effetti il facciale si sta smollando, tranne sugli zigomi dove permane un vago "effetto Bistefani" Sono riuscito, per fortuna, a non sbriciolare il caucciù interno (nembo [] ). Speriamo []
    Comunque noto che ci sono qualità* molto differenti di gomme/caucciù alcune sono ancora morbidissime, altre meno, altre piombano inesorabilmente alla fine della scala.
    Belle le due gummi!
    Ma internamente come sono? Hanno la solita spalmatura oppure è una tela gommata (tela/gomma/tela)?
    Gli oculari della seconda??? come sono???
    Sempre di zona ?? []

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Eh si Mauro, appena rammollata la metteri in forma con delle stecche o qualcosa di flessibile, il problema non è di per se la tela o la fragilità* della stessa ma in caucciù proprio! e lui che si secca e infragilisce il tutto, una volta in forma la spenellerei con della glicerina finche la gomma assorba quanto più sostanza, e riprenda un po di elasticità*, è un po quello che succede per gli oculari delle M2 francesi il cui rivestimento si scioglie proprio a causa del calore appicicando spesso anche gli oculari, per rammollare il tutto opetrei anche per un allarga scarpe spray che si può trovare in calzoleria previa prova preventiva in un punto localizzato, se rammolla il cuoio dovrebbe farcela anche per un sottile film gommoso, l'inconveniente è che gli effetti di ammorbidimento durano comunque molto poco, per questo consiglio dopo la rimessa in forma la spenellata di glicerina, in ogni caso peò la gommatura tende sempre a screpolarsi anche se conservata in una teca di vetro a temperatura e umidità* costanti, (circa 20 C° con 40% di umidità*) a causa del naturale deperimento del caucciù che è una sostanza tutta naturale! se avessero usato una buona gomma sintetica ciò non sarebbe successo! (ma non esisteva ancora purtroppo!!!!)
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    L'interno è telato come l'esterno con una spalmatura di materiale gommoso impermeabilizzante, gli oculari della seconda sono con lente in celluloide non intercambiabile ma con un sistema di fissaggio alla maschera simile al modello 17 germanico, la provenienza è ruspante in Folgaria (TN).
    Un saluto []
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    31

    Insolito contenitore maschera antigas A.U.



    Vi propongo questo insolito porta maschera antigas austriaco.
    Dico austriaco perchè sul fondo vi è il nome del proprietario con il reparto di appartenenza, preceduto da "K.k." (quindi dovrebbe essere un reparto della Landwehr).
    Dimensioni quasi identiche all'analogo modello senza strozzatura sul fondo e con chiusura ermetica.
    La particolarità* è che è prodotto in lamiera stagnata e senza il passante inferiore.



    In questa foto un paragone con gli altri due modelli austriaci conosciuti.
    Qualcuno sa dare qualche ragguaglio in più?
    Cordialmente

    P.s. Sotto il coperchio i due fili incrociati, non saldati, ma rivettati

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao Kurz2001
    è molto bello il tuo contenitore che non è affatto strano, è effettivamente austriaco ed è la variante c.d. ersatz in lamiera stagnata o zincata.
    Bel pezzo non comunissimo da vedersi.
    Un saluto []



    PS: se non ti piace, a casa mia c'è un piccolo posto dove poterlo accogliere.
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  6. #16
    Utente registrato L'avatar di mauro
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    705
    Molto bello Kurz!, aggiungo che esistono anche (ma probabilmente tedeschi) in compensato (multistrato, sfoglia...) e cartone (quest'ultimo potrebbe anche essere austriaco).

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Umbria
    Messaggi
    1,071

    Protezioni contro il gas.

    Vorrei creare un data base con i vari modelli di maschere in uso durante la grande guerra dagli imperi centrali.
    Iniziamo con i tedeschi.
    Questo è uno sturmtruppen che indossa un elmo mimetico M16 con soggolo ersatz in tela.
    il suo equipaggiamento è costituito da una rara bandoliera supplementare per i colpi del Gew 98, una bomba a mano M17, un pugnale, e pinze tagliafili.
    Sul viso porta una Ledermaske M17,e al collo la custodia per contenerla nella sua ultima versione.

    La prima vera maschera antigas è la Gummimaske M15 con la custodia in tela che fu largamente utilizzata durante le prime fasi della guerra.



    altra Gummimaske, questa con il boccaglio di tipo più largo.

    Gummimaske M15 altra variante con un'altra custodia.

    questa invece è una ledermske m17 conil primo tipo di custodia.

    Ledrmaske con secondo tipo di barattolo.

    Anche gli austriaci utilizzarono le maschere antigas tedesche in tutti i vari modelli, ma ne avevano anche di produzione nazionale.

    MEMENTO AUDERE SEMPER

  8. #18
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    414
    Veramente una carrellata splendida ed istruttiva...complimenti!!!

    Sono stato un mesetto fa al museo di Rovereto e in alcune
    vetrine erano presenti alcuni modelli di maschere tedesche ed italiane;le tue nulla hanno da invidiare per bellezza e conservazione a quelle.

    Se poi hai anche le italiane da postare sara' cosa graditissima...

    Ancora complimenti...[ciao2]
    Pochi sguardi nobili vedran l'aurora.

    Saluti
    Simone

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Stupende Lucas,complimenti.Ti allego un link di un "reportage" mio di qualche tempo fa:
    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=4575

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Umbria
    Messaggi
    1,071
    Purtroppo italiane ho solo due custodie della polivalente, una M2 francese, ed un box respirator inglese con il nome di un soldato italiano.
    MEMENTO AUDERE SEMPER

Pagina 2 di 11 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato