Pagina 4 di 39 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 388

Discussione: Mazze ferrate Imperi Centrali

  1. #31
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Vedi Dimonios,
    onestamente ti dirò che in passato ne ho viste altre identiche alla tua su Ebay : Italia - Germania e America.
    Comunque quello che mi fà* drizzare le orecchie, sono queste constatazioni:
    -ho visto questa variante di mazze solo su Ebay, mai in un museo, pubblicazione o altro;
    -la lavorazione non è confacente alla manifattura d`epoca (artigianale o d`arsenale che sia);
    -ha dei piastroni di grosso spessore con testa piena saldata e snussata sugli spigoli a formare un blocco unico (l`esatto contrario delle originali);
    -ha gli spuntoni disposti su tre file di cui la fila centrale con gli spuntoni piu lunghi;
    -orrore, gli spuntoni, compreso quello di testa sembrano saldati con l`intero blocco (mai visto nulla di simile)
    -ricorda molto una fantasia medioevale.
    Non sò che dire, non la reputo genuina, potreì comunque sbagliarmi.
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  2. #32
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    991
    Grazie warzorzi,
    le tue argomentazioni sembrerebbero ben motivate ed accettabilissime, anche se a me resta ancora qualche dubbio (o speranza?)[:I].
    Certo che trovandone una uguale in un museo o foto d'epoca il problema sarebbe risolto!
    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa drapponero...
    Ancora grazie e ciao.
    dimonios

  3. #33
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    504
    concordo con le affermazioni di walzorzi, inoltre la ruggine è più che sospetta, sembra molto più da cantina che da scavo.
    altro fatto che desta sospetto è che ne siano state trovate 4 di scavo esattamente con la stessa ruggine. chi va a scavare per monti, penso sappia benissimo quanto sia difficile trovare mazze ferrate di scavo e, di sicuro non le venderebbe a 100 euro...
    a mio parere sono false.
    D'avere il "barilotto"
    l'austriaco si vanta
    ma il bombardier d'Italia
    ha la "duecenquaranta"
    Bombardier, bombardier!

  4. #34
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Salve collezionisti sfegatati! si concordo con Walzi in effetti così non se ne sono mai viste o trovate sul campo prima d'ora, in effetti così come è fatta la mazza è inutilizzalibe perchè priva di fori per viti di fissaggio o piastrine forate per assicurarla al legno, al primo colpo la testa si sarebbe sicuramente sfilata dal legno se un po lasco, forse la utilizzavano solo con l'umido! in effetti poi all' epoca un oggetto simile era quasi irrealizzabile perchè non esisteva la saldatrice a filo o elettrica ma solo la saldatura ossiacetilenica a cannello e in questo caso si dovebbero vedere dei riporti sullo smussi superiore anche per quanto rifiniti possano essere, in effetti per realizzare questo oggetto si è partiti da 4 grosse lame che successivamente sono state forate per alloggiarvi gli spuntoni (o saldati o ribattuti sull' interno), il tutto poi è stato assemblato con una piccola piastrina quadra superiore e poi smussata, cio mi fa propendere sicuramente per uno dei soliti falsoni internettiani!
    Fate conto che la S michele (quella realizzata con 2 o 3 anelli con spuntoni) è realizzata saldando per martellatura (con borace) le piastine ad anello e non saldate a cannello, neppure si sono utilizzati segmenti di tubo per ottenere lo scopo, si preferiva o il metodo del ferro battuto o la fusione.
    Quanto a un catalogo vero e prorio non esiste i tipi classici sono:
    S. Michele in 2 varianti a 2 0 3 anelli con o senza spuntone superiore:
    S Martino (dal distintivo) come quella di Walzi e Drappo in fusione con bullette quadre fuse direttamente sul corpo
    i tipi tedeschi a molla (con testa quadra o a pera)
    la conchiglia o shell o mazza da baseball (con piccola testina conspuntoni fusi) se ne conoscono con 2 tipi di fusione una mediana all' altezza della metà* degli spuntoni e una assiale, di tipo meno comune, praticamente la testa era divisa in 2 metà* simmetriche
    La Lakos (fatta con una bomba a mano Lakos forata in cui sono stati inseriti dei frammenti tranciati di grosso fil di ferro)
    in questa categoria inserirei anche le altre varianti tipo la liscia con i chiodi a testa piramidale quella con chiodi tipo scarponi di forma troncoidale (sulle foto di Walzi) e il tipo con i chiodi quadrati a cuspide del tipo utilizzato per i ramponi da mulo, si tratta però di tutte realizzazioni semiartigianali che possono variare parecchio.
    Oltre esistono la Morgenstern in 2 varianti a 4 o 5 lame spuntonate, quelle con grossa testa a palla quadrellata, e quelle con la testa ricavata da una zeit zunder svotata, un esemplare da scavo l'ho recuperato personalmente in una discarica au, probabilmente buttato in quanto la ghisa si era rotta, comunque il resti del legno e il tappo superiore sostituito da una piastina circolare con foro centrale e vite ancora infissa nel legno ne testimoniano l'uso come mazza, la vite superiore impediva lo scivolamento del corpo in ghisa dal manico ligneo.
    Sicuramente dimentico qualche esemplare ma come partenza direi che è abbastanza accurata!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  5. #35
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    425
    Io avevo capito che l'avevi trovata tu di scavo!
    La questione allora cambia, pensavo che veniva da uno scavo,non comprerei mai una testa cosi' se non trovata personalmente col metal.
    Non so' dire se e' genuina o no ma non la comprerei mai.
    Ma non mi va' nemmeno di dire che e' una copia da due foto cosi' piccole: come era agganciata al legno nessuno lo puo' sapere dato che si vedono due dei quattro lati e nemmeno il buco: non capisco come si possa dire che e' falsa quando la mazza da baseball ( o testa di stella) ha un piccolissimo foro per l'inchiodatura solo su un lato.

    Non sono assolutamente d'accordo sulla catalogazione: sul libro "Emperor's Coat" ci sono mazze mai viste prima (sempre siano originali) e da Regimentals ce n'era una 4 anni fa' che era assolutamente inedita, ovvero una testa fatta a forma di botte piena di punte (era nel lotto dal quale ho preso le mie prime due, penso fossero originali...).
    Penso di possa dire che ne esistono un certo numero di "appurati come originali" , come detto da Lafitte per la Lakos e la Morgensterne ad esempio, ma non si possono elencare tutte dato che la produzione artigianale non era soggetta a nessuna regolamentazione ne canone di produzione.

    T
    Cerco tutto cio' che riguarda la 24 SS-Div. "Karstjäger", il libro "Bandenkampf" originale di Bosgard-Schneider, tutto riguardante la Lotta alle Bande nell'OZAK e tutto su Sturmtruppen / Mazze Ferrate

  6. #36
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    991
    Bene,
    grazie a tutti per le ottime e chiarificatrici considerazioni.
    A questo punto, leggendo quelle di warzorzi prima e poi l'amplio resoconto di lafitte (i miei complimenti, ho già* salvato nel mio archivio personale![]), non posso non convenire su tutti quei punti che, con molta competenza avete evidenziato.
    Elogi, elogi! Molto bravi.

    A presto
    dimonios

  7. #37
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Beh si le affermazioni di Drappo sono giuste ma in effetti è il tipo di realizzazione della testa postata che mi da da pensare, per la baseball il forellino (in realtà* spesso ce n'erano due) bastava a fermare la testa sul manico, di varianti di fissaggio sicuramente originali ne ho viste parecchie (con perno passante ribattuto da foro a foro con viti a testa piana e bombata), quanto alle varianti poi la produzione artigianale tutto poteva mettere in campo ad esempio da noi si trovano delle mazze (o almeno considerate tali dai rinvenitori) realizzate con del grosso fil di ferro (o meglio tondino) ripiegato a spirale (probabilmente a caldo su un tubo di ferro) e fissato su dei manici di legno, oggetto assolveva egregiamente allo scopo, ma è una realizzazione da campo e certo non può essere presa a paragone rispetto ai modelli codificati e fotografati addirittura all' epoca dalla nostra intendenza militare! Per assurdo anche delle strane scuri ungheresi furono utilizzate come armi da combattimento corpo a corpo o per finire i feriti, i Fokos (così si chiamano) avevano un lungo manico e si contraddistinguono per via di un grosso scudetto ungherese punzonato sulla penna. Questo è ciò che veniva usato in ambito locale, poi da Regimentals capita anche altro materiale, ovviamente non conoscendo la fonte potrebbe trattarsi di esemplari tedeschi, francesi o inglesi tutti buoni comunque a far male agli altri senza esclusione di colpi (vedi i coltellacci francesi fatti con il ferro dei paletti dei reticolati! Direi che per chi volesse iniziare la collezione di questa tematica si dovrebbe concentrare su esemplari ben codificati anche se ovviamente spesso i più sosfisticati da falsari senza troppi scrupoli! A questo proposito ricordo che l'evidenza fotografica (ahime molto rara e costosa) in questi casi fa testo, certamente si possono contraddistinguere vari tipi di produzione, da fabbrica, semiartigianali (prodotti in vari esemplari e di realizzazione simile) e artigianali (produzione di singoli) in questo ultimo caso per assurdo un soldato fantasioso avrebbe potuto costruirsi anche una mazza di tipo medioevale con tanto di palle chiodate e catene!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  8. #38
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Messaggi
    425
    Bhe' si sono in linea di massima d'accordo con Lafitte.
    Voglio pero' anche ricordare che all' Imperial War Museum a Londra ci sono due mazze ferrate allucinanti, mai viste prima d'ora, una delle quali e' praticamente una mazza medievale costruita su una radice di albero.
    Poi del resto si puo' dire di tutto: tutti sanno che gli arditi usavano come mazze i picozzini degli alpini, le vanghe ecc.ecc.
    Tutto puo' essere utilizzato come mazza ferrata, basta che si presti all'uso.
    Per riconoscere i falsi si deve averli in mano, annusarli e vederne tutti i particolari.
    Se vi va'potremmo cominciare a postare i nostri esemplari uno per uno per formare un piccolo archivio on line.
    Che ne dite Walzorzi e Lafitte (e tutti gli altri?)....

    T
    Cerco tutto cio' che riguarda la 24 SS-Div. "Karstjäger", il libro "Bandenkampf" originale di Bosgard-Schneider, tutto riguardante la Lotta alle Bande nell'OZAK e tutto su Sturmtruppen / Mazze Ferrate

  9. #39
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    769
    Eh si io posterei ma non ne ho! a parte la zeit trasformata, ne ho viste parecchie comunque e le riconosco abbastanza bene, una baseball è stata trovata anche in un orto del mio paese evidentemente fu utilizzata in ambito famigliare nel dopoguerra su innocenti porcelli! Poi nel giro di conoscenze collezionistiche so di vari esemplari recuperati in trincea praticamente su tutta la linea Isontina, i modelli più utilizzati furono comunque la baseball e i tipi tedeschi a molla, questo per evidenti motivi di praticità*, provate a strisciare con una serie di spuntoni accuminati che pungono i fianchi! indubbiamete poi i tipi tedeschi con manico corto e forza di inerzia data dalla molla erano molto più pratici dei tipi austriaci! Successe quel che accadde ai famosi sturmmesser più adatti ad affettare i salami in retrovia (ammesso e non concesso che gli imperiali nel 17 ne avessero ancora da affettare) che come pugnali d'assalto, erano troppo fragili di lama! Fu sempre preferita la baionetta del 95 in tutte le varianti!
    Cerco "avidamente" copricapi italiani, soprattutto Alpini, ed austro-tedeschi fino al 1945 nonchè foto italiane e austriache della Zona Carnia, Alto Isonzo e occupazione austro tedesca del Friuli I° guerra mondiale, foto Alpini divisione Julia e occupazione tedesca Friuli fino al 1945.

  10. #40
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Estero
    Messaggi
    991
    Appoggio incondizionatamente la proposta di drapponero: creiamo questo benedetto archivio e cominciamo a catalogare...
    postate, postae. Io purtroppo non posso contribuire, ho avuto due mazze a molla ed ho pensato bene di usare per scambi clamorosamente infelici! []
    E via con le immagini...
    dimonios

Pagina 4 di 39 PrimaPrima ... 2345614 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato