Pagina 2 di 11 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 101

Discussione: Mazze ferrate italiane e dell'Intesa

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Mazze italiane?

    Citazione Originariamente Scritto da fux viktoriya
    Grazie a tutti, ora vedo le immagini .

    a prima vista mi par di riconoscere un maschio usato in falegnameria per filettare grossi travi....perà³ l'impugnatura c'é

    grazie serlilian
    Mi sa che hai ragione, la somiglianza è forte.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  2. #12
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075

    Re: Mazze italiane?

    Si comincio' a parlare di mazze ferrate italiane in un forum britannico, qualche anno fa',ma mentre quelle austro-ungariche sono ben documentate da foto d'epoca, quelle cosi' dette
    'italiane' a me paiono una vera e propria forzatura. Io fui il primo ad occuparmi di mazze ferrate
    nel 1973 sul mensile TAC ARMI e pur avendo ora altri interessi, credo un po' di intendermene
    sebbene non sia il mio argomento preferito. Ora ci sono anche i falsi, e sono fatti anche abbastanza bene, tanto che ne sono stati smascherati diversi esemplari sia qui che in altri
    forum.La prima postata ha qualcosa che non va' e non mi convince affatto, non perché non
    se ne sono mai viste di questo tipo, ma perché e' fatta male. La seconda invece a mio parere
    fatta molto meglio, mi ricorda piu' un frustino con pomello, che non era certo fatto per
    rompere il cranio di nessuno, anche se ovviamente poteva farlo.Come fattura è senz'altro
    piu' accattivante, ma io l'accosterei se l'oggetto venne realizzato in Italia, piu' all'epoca del
    fascismo (quindi anni '20) che all'epoca della 1^GM. Parlare di mazze ferrate italiane è un po'
    come parlare di mazze ferrate inglesi o francesi:qualcuno, per venderle ne ha cominciato a
    parlare anche in aste rinomate (non quelle di ora su internet), tuttavia, per vendere si fa'
    questo ed altro, ma questo e' un altro discorso, specie se non esiste il benché minimo riscontro
    fotografico d'epoca. Tuttavia siamo qui per imparare, non per sentenziare, ma se c'è la documentazione e' sicuramente meglio.Se non c'è,tutto quello che diciamo ha un valore relativo. PaoloM

    20051115233150_Immagine.jpg

  3. #13
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Mazze italiane?

    Paolo:
    ... Tuttavia siamo qui per imparare, non per sentenziare, ma se c'è la documentazione e' sicuramente meglio. Se non c'è, tutto quello che diciamo ha un valore relativo.




    F.M. :P
    E' la somma che fa il totale.

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Mazze italiane?

    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    Tuttavia siamo qui per imparare, non per sentenziare, ma se c'è la documentazione e' sicuramente meglio.Se non c'è,tutto quello che diciamo ha un valore relativo. PaoloM
    E fin qui il tuo ragionamento fila, però dobbiamo dire che queste mazze vengono da un museo e la prime due dovrebbero risalire come acquisizione agli anni 30.
    A questo punto dato che hai detto di avere una certa esperienza la mia domanda spontanea è sono buone o no?
    Oppure giriamola così sono riproduzioni degli anni 30 o dei falsi appioppati in quegli anni al collezionista?
    Senza scherzare se fossero state usate un poco di luminol ed una lampada uv potrebbero dare la risposta certa. Un poco macabro come sistema per accertare la bontà* del pezzo ma incontestabile.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  5. #15
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,075

    Re: Mazze italiane?

    La prima non mi da' alcun affidamento perché ne ho viste altre rifatte in questo modo, anche se ovviamente e' solo una mia idea, ma vedo che anche altri hanno espresso dubbi.La seconda,potrebbe anche non essere una mazza ed e' quella, sicuramente artigianale piu'
    attendibile.Italiane? E come si fa' a dire con tutto il rispetto per il museo? PaoloM

    Attribuita agli italiani, ma per me fortemente sospetta:
    b951d838ba6509c2d39dd2dca0970328.jpg

  6. #16
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Mazze italiane?

    Marpo:
    ... E come si fa' a dire con tutto il rispetto per il museo ?
    prendo solo questa frase alla quale aggiungo che ci sono ancora certi musei dove i Vetterli 70/87 sono definiti fucili garibaldini pertanto immaginatevi il resto ...

    Certo, ci sono musei e musei, ma in questo campo siamo ancora "culturalmente" (molto) indietro rispetto agli altri Paesi ...

    Ciao

    F.M. :P
    E' la somma che fa il totale.

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046

    Re: Mazze italiane?

    ...consentitemi, un po' come l'so dei coltelli d'ardimento così anche per le mazze nasceva la necessità* di atrezzarsi alla maniera degli austriaci di oggetti utili alle funzioni. Così come i coltelli da caccia, da cucina da falegname furono i precursori
    dei pugliali da ardito ottenuti industrialmente utilizzando pezzi di baionette in disuso, alla stessa maniera, nella considerazione che finire il gasato con il calcio del fucile o a calci non era cosa umanamente sopportabile, ci si attrezzo alla meglio per quella barbara esigenza.
    Questo per dimostrare che quelle qui postate non necessariamente sono dei falsi ma solo una italica soluzione a un problema nascente e che la fine del conflitto non aveva fatto in tempo a risolvere. Ciao Sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  8. #18
    Moderatore L'avatar di Furiere Maggiore
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    3,848

    Re: Mazze italiane?

    Sal, quanto tu dici potrebbe essere plausibile... ma a tutt'oggi sappiamo che gli italiani nella Grande Guerra non utilizzarono mai questo tipo di arma che, all'epoca, fu definita "barbarica" dai nostri mezzi di comunicazione/propaganda.

    Pertanto io sarei cauto e imputerei al collezionista degli anni '30 che, magari, se la sia fatta costruire lui vedendo le illustrazione ad esempio sulla Domenica del Corriere...

    Ciao

    F.M. :P
    E' la somma che fa il totale.

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046

    Re: Mazze italiane?

    ....certo, amico mio anche questa è una lettura delle cose, sta di fatto, appunto, che mai l'Italia ha usato attrezzi simili ufficialmente, ma ciò non toglie che qualche sprovveduto combattente non l'abbia costruita autonomammente ad imitarne l'uso dei contrapposti austroungarici. Ciao Sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  10. #20
    Moderatore L'avatar di serpico
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    2,648

    Re: Mazze italiane?

    Personalmente le prime due mazze non mi piacciono per niente!Anche tecnicamente parlando,non mi sembrano affatto utili al combattimento;troppo pesanti e sbilanciate.Mi sembra di aver capito che siano realizzate in metallo pieno.
    Il fatto che arrivino da un museo....bhe,questo è un dettaglio.Non sarebbe la prima volta che in un museo si vedono oggetti palesemente falsi oppure oggetti comuni scambiati per altro.
    VEDO TUTTO, OSSERVO MOLTO, DISSIMULO POCO!

Pagina 2 di 11 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato