Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Memoria di un veterano in Francia

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    liguria
    Messaggi
    1,100

    Memoria di un veterano in Francia

    Sul mio forum USA è apparso un topic dove un membro aveva raccolto le memorie di un veterano dell'89° in Francia, a riguardo dell'equipaggiamento e dell'organizzazione della vita quotidiana. Ho trovato la cosa interessante, specialmente per i rievocatori che spesso sono equipaggiati come un Manuale ambulante mentre la realtà* spesso era diversa. Ecco la traduzione.

    Io ero nell` 89° divisione di fanteria, 353° reggimento, compagnia D armi pesanti.
    Quando era freddo indossavamo pantaloni e giacca da lavoro sopra i mutandoni e gli scarponi da combattimento. Sopra questo mettevamo la giacca dell`uniforme da campagna di tessuto spesso e sopra tutto il cappotto lungo. Avevamo guanti di cotone e berretto da mettere sotto l`elmetto. Ci veniva data una maschera antigas da portare sempre con se, però se la situazione faceva pensare che non ve ne fosse bisogno non la portavamo. La maggior parte di noi non portava haversack o pack, tenevamo tutto nelle tasche della giacca o piegato sul cinturone che a sua volta portava la borraccia e il pacchetto di medicazione. All`inizio portavo un impermeabile ripiegato sul cinturone, ma più tardi l`ho rimpiazzato con un poncho inglese o canadese molto più pratico. Quando venne più caldo si potè lasciare il cappotto nel sacco che andavamo ogni tanto a controllare e che era portato da un camion che seguiva i nostri spostamenti. Quando non potevamo avere un rancio caldo ci portavamo razioni C e K. Le K contenevano anche qualche oggetto da toilette e carta igienica.
    All`inizio portavamo l`haversack che teneva il bed roll formato da due coperte, un cambio di biancheria, quattro picchetti da tenda, due corde da tenda, il tutto arrotolato in un telo da tenda.
    Il necessario per la barba era un rasoio che assomigliava ai moderni Bic. Avevamo un pezzo di sapone e due fazzoletti, se invece portavamo l`haversack avevamo anche un piccolo asciugamano.
    Per lavarci, fare il bucato e sbarbarci si metteva l`acqua nell`elmetto. Dopo qualche tentativo riuscivo a farmi la barba a secco e la faccia man mano si induriva. Avevo anche uno spazzolino da denti e un piccolo tubo di dentifricio. La gavetta stava quasi sempre nel sacco sul camion e mi portavo dietro solo le posate ma quando ho scoperto che affilando un lato del cucchiaio potevo avere tre posate in una, portavo solo il cucchiaio nel taschino della giacca. Quando il tempo consentiva di indossare solo la giacca da campagna, la maggior parte di noi portava solo lo stretto necessario.
    A parte i periodi di riposo, il cibo consisteva di razioni C e K. Una volta siamo stati una trentina di giorni senza un pasto caldo. Le razioni arrivavano con la stessa cadenza delle munizioni. Nei giorni buoni riuscivamo ad avanzare così tanto che era impossibile essere raggiunti dalle cucine da campo. Le unità* di docce mobili facevano il possibile per raggiungere almeno una volta la settimana le compagnie per il cambio di vestiario e la doccia. Ma più spesso ci riuscivano ogni due settimane. Il tempo per la doccia era poco per le difficoltà* di portare sufficiente acqua calda. I vestiti sporchi venivano messi in contenitori per la lavanderia e prelevavamo quelli puliti che ci sembravano adati alla nostra taglia. Dato che la pulizia era un problema, abbiamo dovuto imparare a conoscere la scabbia e i rimedi per combatterla. Quando era possibile ci davano un giorno o due di riposo in cui potevamo avere un pasto caldo e provvedere alla nostra pulizia e a quella dell`equipaggiamento.
    .
    Prima di lasciare la Francia ci vennero dati sacchi a pelo leggeri al posto delle coperte di lana pesanti e che erano molto più pratici da portarsi dietro-

  2. #2
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Questo non fa che confermare quello che ho sempre pensato e cioè che la guerra sia una cosa "sporca" nel vero senso del termine.
    Al soldato servono veramente solo acqua, le armi, le munizioni e la volontà* di andare avanti. E qui si parla di americani abituati ad un certo standard. Se no non si capirebbe come i nostri alpini abbiano potuto fare la famosa ritirata quando i rifornimenti di cibo erano solo un sogno.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    liguria
    Messaggi
    1,100

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Questo non fa che confermare quello che ho sempre pensato e cioè che la guerra sia una cosa "sporca" nel vero senso del termine.
    Al soldato servono veramente solo acqua, le armi, le munizioni e la volontà* di andare avanti. E qui si parla di americani abituati ad un certo standard. Se no non si capirebbe come i nostri alpini abbiano potuto fare la famosa ritirata quando i rifornimenti di cibo erano solo un sogno.
    Hai notatio che avevano le unità* di docce mobili? Da noi sarebbe stata roba da Guerre Stellari.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    Trieste
    Messaggi
    65

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Complimenti ... penso che queste testimonianze siano veramente utili ed importanti.


  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Una testimonianza interessante, certo che questi comfort ai nostri soldati erano totalmente sconosciuti. Le docce mobili, il camion che li seguiva con l'equipaggiamento, il vestiario sempre pulito etc...
    Mio nonno che ha combattuto in africa mi ha raccontato che le poche volte che si è lavato, è stato con l'acqua di mare quando si trovavano vicino alla costa. Non avevano neanche l'acqua da bere, figuriamoci le docce mobili.

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Citazione Originariamente Scritto da artu44
    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Questo non fa che confermare quello che ho sempre pensato e cioè che la guerra sia una cosa "sporca" nel vero senso del termine.
    Al soldato servono veramente solo acqua, le armi, le munizioni e la volontà* di andare avanti. E qui si parla di americani abituati ad un certo standard. Se no non si capirebbe come i nostri alpini abbiano potuto fare la famosa ritirata quando i rifornimenti di cibo erano solo un sogno.
    Hai notatio che avevano le unità* di docce mobili? Da noi sarebbe stata roba da Guerre Stellari.
    Ho notato si, io ho il ricordo di un documentario sul Vietnam dove con un elicottero veniva calata, alle immediate spalle della prima linea, una rete piena di bottiglie di birra e di Coca Cola per il ristoro dei soldati. Invece i viet se riuscivano a mettere le mani su un topone grasso erano già* felici.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Citazione Originariamente Scritto da artu44
    Hai notatio che avevano le unità* di docce mobili? Da noi sarebbe stata roba da Guerre Stellari.
    Ciao, in via teorica avevamo anche noi mezzi simili. Un amico, ormai deceduto, nella sua collezione di mezzi militari aveva un Bianchi Miles autodoccia, quindi un mezzo sicuramente del periodo immediatamente precedente lo scoppio della guerra. Il guaio per noi era che probabilmente era uno dei pochi esistenti o che era utilizzato solo dalle alte gerarchie, quando non erano in qualche accantonamento più lussuoso.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Nitro90
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3,886

    Re: Memoria di un veterano in Francia

    INTERESSANTISSIMO!

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    387

    Re: Memoria di un vetrano in Francia

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea58
    Questo non fa che confermare quello che ho sempre pensato e cioè che la guerra sia una cosa "sporca" nel vero senso del termine.
    Al soldato servono veramente solo acqua, le armi, le munizioni e la volontà* di andare avanti. E qui si parla di americani abituati ad un certo standard. Se no non si capirebbe come i nostri alpini abbiano potuto fare la famosa ritirata quando i rifornimenti di cibo erano solo un sogno.
    Testimonianza veramente interessantissima, ma permettetemi di fare un'osservazione: al soldato non serve soltanto avere acqua, munizioni e la volontà di combattere. I soldati americani erano sicuramente abituati a uno standard di vita superiore a quello, per esempio, dei soldati italiani, tedeschi o sovietici e le forze armate americane erano dotate di un apparato logistico straordinario se paragonato a quello di molti altri eserciti belligeranti. Ma non si trattava solo di questo: l'esercito americano aveva capito che la capacità di combattimento di un esercito si basava anche sul relativo benessere dei suoi soldati e che l'importanza di un pasto caldo, di indumenti puliti, di periodi di svago o di riposo avevano la stessa importanza della disponibilità di munizioni o di rifornimenti. Un soldato ben equipaggiato, ben nutrito e in buona forma fisica è in grado di combattere sicuramente meglio di un soldato male equipaggiato, stanco, ammalato o affamato. Le forze armate USA furono probabilmente le prime al mondo ad affiancare alle truppe combattenti uno staff di psicologi con il compito di studiare e analizzare il comportamento dei soldati in condizioni di stress e a diagnosticare la sindrome da stress post-traumatico come una grave condizione invalidante non dissimile a quella provocata da una ferita da combattimento: nell'esercito sovietico il solo manifestarsi di un "disturbo" di questo genere avrebbe portato dritti dritti in un battaglione di disciplina o davanti al plotone d'esecuzione. I soldati italiani non furono i soli a soffrire di grandi privazioni nel corso della guerra: secondo alcune testimonianze, i soldati giapponesi nel Pacifico spesso non ricevevano rifornimenti per settimane e molti di loro finirono per nutrirsi di bacche, radici e d'insetti, morendo letteralmente d'inedia o falcidiati dalle malattie tropicali; la maggior parte di essi finì per combattere sino all'estremo sacrificio sorretta da un codice d'onore che rasentò il fanatismo, ma ciò non li salvò comunque dalla sconfitta, così come l'eroismo mostrato dai nostri alpini nel corso della ritirata sul Don non fu comunque sufficiente per evitare il disastro e la morte di migliaia di nostri uomini. Nella guerra l'eroismo e il coraggio non sono tutto: possono costituire la scintilla per il compimento di grandi imprese, collettive o individuali, ma specialmente nella guerra moderna gli aspetti tecnologici e materiali hanno spesso (per quanto non sempre) il sopravvento. Le lezioni apprese dall'esercito americano costituiscono oggi patrimonio di tutti gli eserciti professionali e l'attenzione per il benessere materiale e psicologico dei combattenti rappresenta un aspetto fondamentale nella pianificazione di qualsiasi operazione militare, specialmente se protratta nel tempo, che possa ambire a una quale speranza di successo.

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di gotica68
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Località
    toscana
    Messaggi
    1,422

    Re: Memoria di un veterano in Francia

    ...testimonianza molto interessante, emozionante ed affascinante! Bella!!!

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •