Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 34

Discussione: Missioni alleate e partigiani

  1. #21
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    A parziale integrazione dei dati, posto questi due estratti dal "summary" delle attività* di volo dei Lysander inseriti nei gruppi di trasporto speciale nel mediterraneo:

    Immagine:

    127,99*KB

    Immagine:

    38,74*KB

    come si vede, le azioni in italia sono state pochine, la maggior parte dei voli hanno riguardato la Francia del sud. Posterò dell'altro materiale aappena lo trovo! (ke kasino nel mio archivio...)
    Mick

  2. #22
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Ciao Micky, bene per i documenti che posti. Parlano di quattro campi di atterraggio adatti al Lysander, uno sicuramente è Vesime, uno lo cita nel testo è vicino ad Udine, si sa dove fossero gli altri due? E comunque, visto che i dati in mio possesso sono confermati da varie fonti, abbiamo 4 voli con successo a Vesime, più un volo con successo ad Udine ed uno perso sempre ad Udine. Siamo già* a sei voli su dodici. Hai altre notizie?
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    Citazione Originariamente Scritto da kanister

    ... ed uno perso sempre ad Udine. Siamo già* a sei voli su dodici. Hai altre notizie?
    una correzione: l'aereo perso non era ad Udine, ma è quello abbattuto vicino ad Alessandria su cui è morto Temple...

    Uno degli altri campi era situato in Val Ceno, vicino a Bardi, un'altro era quello di Tizzano (val parma). Ti darò notizie sugli altri, ciao!
    Mick

  4. #24
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Ciao Micky, grazie per le notizie, però mi vedo costretto ad insistere circa Temple, fu un incidente stradale in quanto restò schiacciato tra il cassone di un camion ed un muro. Se hai il libro alla base di questa discussione puoi controllare a pag 427 e seguenti.
    Comunque la tragica morte di Temple è riportata in numerosi resoconti.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    Citazione Originariamente Scritto da kanister

    Ciao Micky, grazie per le notizie, però mi vedo costretto ad insistere circa Temple, fu un incidente stradale in quanto restò schiacciato tra il cassone di un camion ed un muro. Se hai il libro alla base di questa discussione puoi controllare a pag 427 e seguenti.
    Comunque la tragica morte di Temple è riportata in numerosi resoconti.
    Oh Kanister! sembra che abbiamo trovato una bella gatta da pelare! A me risultava che fosse Hope ad essere morto sotto il camion! Facciamo luce su quest'episodio, ti posto una TERZA VERSIONE!!! :

    da "W. PICKERING - A. HART, THE BANDITS OF CISTERNA, LONDON, LEO COOPER, 1991"
    .<font color="maroon">..L'azione si concentra particolarmente fra le Langhe, ove Pickering e i suoi compagni furono paracadutati, Cisterna e il Roero, fino a Cinaglio d'Asti. Il tempo si raccoglie, dopo gli antecedenti autobiografici (la famiglia, l'infanzia-adolescenza, l'apprendistato militare), fra il 4 febbraio 1945, quando avvenne il lancio, il tragico rastrellamento di Cinaglio (8 marzo 1945), la liberazione di Asti (25 aprile 1945) e di Torino (26 aprile 1945). Seguono come epilogo le ultime vicende militari e la vita successiva di Pickering come "borghese".

    Pickering è narratore e protagonista di questa sua avventura partigiana, di cui ricorda personaggi e fatti, costruendo un ordine cronologico sintetico nel racconto di antefatti ed epilogo, più disteso sugli avvenimenti centrali, ravvivati da interventi riflessivi, osservazioni psicologiche, flashback autobiografici e buoni spunti di humour.

    Nasce a Oldham, Inghilterra, il 21 settembre 1923, da William Albert e da Florence. Ricorda del padre e della madre il patriottismo a lui trasmesso attraverso i canti tradizionali e le storie degli avventurosi eroi britannici, Drake, Wellington, Nelson. Si arruola a 17 anni, falsificando il documento d'identità*, diviene operatore radio B3, viene selezionato per la scuola addestramento paracadutisti Iª Divisione Airburn a Chesterfield, nel luglio 1942 fa un corso di specializzazione a Henley-on-Thames e viene accettato come allievo nel S.O.E. (Special Operation Esecutive). Il 4 febbraio 1945 viene paracadutato nelle Langhe da un DC3 Dakota della base americana di Cecina insieme ad altri cinque ("Operazione Chariton"): Max Salvadori, maggiore, italiano; Adrian Hope, maggiore, sudafricano; John Keany, capitano, irlandese; Giovanni, americano, dell'Ufficio servizi strategici (O.S.S.); Milland detto Busty, caporale, operatore radio, inglese.

    Salvadori, Keany, Pickering dovevano recarsi a Milano e collegarsi alla formazione partigiana "Fiamme verdi", Hope e Milland dovevano unirsi a Cisterna d'Asti con i "banditi di Cisterna". Così Pickering chiama i partigiani di questa zona, appartenenti alla brigata autonoma guidata da Giovanni Toselli "Otello", poi traformata nella VI Divisione alpina "Asti". Giovanni invece doveva svolgere un'imprecisata attività* informativa con agenti americani.

    I paracadutati vengono raccolti da "Mauri" e dai suoi partigiani che, insieme al capitano Hugh Ballard, agente del S.O.E., sudafricano, li conducono prima in una chiesa di Mombarcaro e poi in una cascina poco a nord di Monesiglio di proprietà* dei coniugi Biestro (Tal e Luisa), ove rimangono per tre settimane (probabilmente dal 5 al 25 febbraio). Frattanto viene paracadutato anche "Roccia" (avv. Luigi Cavalieri di Roma), che ben conosce l'inglese e ha il compito di affiancare Hope e Millard. In seguito ad un'imboscata garibaldina ai tedeschi presso Monesiglio, i tre, dopo essersi riuniti a Hope , Ballard e "Roccia", vengono condotti da Settimo Maggiorino, staffetta presso il comando di Mauri, a Cisterna. Salvadori si reca subito a Milano. Pickering e Keany rimangono due giorni a Cisterna (26-27 febbraio?), poi, travestiti da contadini, su di un carretto si dirigono verso Villanova d'Asti per incontrare "Gino" (Gino Paltrinieri, vicecomandante del Gruppo Mobile Operativo, Gmo, di Giustizia e Libertà*), che li accompagna da "Renato" (Riccardo Vanzetti, comandante del G.M.O.). Questi ha poi il compito di condurli a Brusasco e di qui, sulla macchina del dottor Burrino Ferrero di Brusasco, avrebbero dovuto proseguire per Milano e ritrovare Salvadori.

    Assistono a Villanova ad un attentato partigiano che fa saltare e deragliare un treno tedesco. Con "Gino" raggiungono Montafia nel pieno di un rastrellamento di SS e di Brigate nere (8 marzo 1945). Incontrano "Renato", che dispone di un gruppo di 120 partigiani, ma che poi si ritira per non attirare l'attenzione dei nazifascisti, lasciandoli con la scorta di una ventina di uomini. Questi vengono circondati e Keany e quattro partigiani restano uccisi. Pickering ritorna a Cisterna, poiché con la morte di Keany è fallito il progetto di raggiungere Salvadori a Milano, e rimarrà* fino alla fine della guerra con i "banditi di Cisterna". Da Hope e poi da Settimo Maggiorino ascolta la narrazione della battaglia di Cisterna del 6 marzo.

    In questo periodo viene riadattato il campo di aviazione di Vesime (e così gli aviatori inglesi e americani abbattuti e salvati dai partigiani possono ritornare alle loro basi), avvengono vari combattimenti, che mostrano come i partigiani siano ormai in grado di rispondere efficacemente ai rastrellamenti, come l'attacco alla stazione di S. Damiano d'Asti e l'attentato al viadotto di Villafranca. Pickering ricorda anche la morte del maggiore "Temple" (Neville Darewski), caduto col suo aereoplano a Villanova d'Asti, e quella del maggiore Hope, subito dopo il grande lancio del 17 aprile, per una accidentale raffica di sten. Intanto con lo sfondamento della Linea Gotica la guerra in Italia volge all'epilogo, i partigiani liberano una dopo l'altra le città* del nord. La VI divisione punta su Asti, malgrado l'opposizione del Comando alleato e del generale Alexander. Dopo Asti, Pickering è coi "banditi di Cisterna" a Torino (26 aprile) e partecipa al rastrellamento strada per strada dei cecchini nazifascisti. A Torino resterà* sei settimane.

    Pickering, a coronamento della sua vita ardimentosa, riceverà* la Military Medal per "coraggio sul campo", con le motivazioni e congratulazioni del generale Colin Gubbin e una lettera successiva del re d'Inghilterra Giorgio VI."</font id="maroon">


    A questo punto sono curioso, posta i tuoi dati che magari facciamo una scoperta!

    []
    Mick

  6. #26
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Ciao Micky, non ho la traduzione italiana del libro di Pickering ma solo la versione inglese.

    Immagine:

    92,82*KB

    ti allego la pagina in cui una testimone racconta l'incidente. Se per caso c'è bisogno di traduzione dimmelo.

    Tra l'altro, anche se non l'ho, un amico mi ha detto che nella traduzione vi è una nota relativa alla morte di Hope. Secondo le versioni correnti sarebbe morto per un colpo di sten sparato accidentalmente da un maresciallo dei carabinieri. Il traduttore che era un partigiano presente a Cisterna e che l'aveva esaminata afferma invece che l'arma sarebbe stata un Beretta difettoso sin dall'origine. Questo mi piacerebbe poterlo accertare.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  7. #27
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    Fantastico Kanister! Questo chiarisce in parte le cose, ma pone nuovi dubbi: Chi è allora il povero cristo abbattuto a Villanova d'asti? Lunedì scrivo all'Istoreto!
    Mick

  8. #28
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Villanova D'Asti?Caspita!!!Conosco benissimo quella cittadina.Sapete la zona precisa?
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  9. #29
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    Ciao Micky, dato che mi sembra che tu disponga di parecchio materiale ti pongo un'altra domanda su un fatto che mi lascia interdetto. (Se ritenete che sia da aprire una nuova discussione ditelo che mi adeguerò)
    Conosciamo il nome del capitano, poi maggiore, Ballard che faceva il bello e cattivo tempo dopo Temple.
    Nelle cronache delle mie zone si legge di una sua visita nel febbraio 45 a Montenotte (entroterra di Savona) a varie brigate partigiane per controllarne la consistenza e promettere lanci.
    Subito dopo si legge in "San Marco...San Marco" che venne catturato li vicino un "capitano Bell" inglese di una missione. Questo fatto mi viene confermato da un partigiano che venne in possesso della carabina Winchester di un menbro del gruppo catturato.
    Dato che oltre alle cronache savonesi non si hanno notizie di spostamenti del Ballard fuori dalle Langhe è possibile che si trattasse appunto del Bell?
    Sia all'Isrec sia all'Anpi raccontano solo la storia tramandata sempre uguale del Ballard e non sanno niente del Bell.
    Cosa ne pensi?
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  10. #30
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    Per Blaster: No, non so la zona precisa, ma fermando i vecchietti per strada (non ridete! lo faccio sempre e non mi hanno mai tradito!!) non dovrebbe essere difficile trovarlo.

    Per kanister: La tua ipotesi è plausibile, il difficile è la verifica. Se si fosse trattato dell'OSS non ci sarebbero stato problemi, gli archivi sono apertissimi e di facile consultazione. Con gli inglesi è un'altro paio di maniche... In più, come dici tu, per anni ci si è accontentati di spiegazioni "ufficiali" o peggio, per sentito dire che non aiutano certo. Comunque ho un paio di conoscenze vicine al SOE, proviamo a vedere quello che ne viene fuori.
    Non è che poi abbia tantissimo materiale, ho quello raccolto negli anni inseguendo aerei abbattuti, e spesso la Storia Partigiana e quella delle missioni alleate sono strettamente collegate ad essi![]
    Mick

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •