Pagina 3 di 16 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 158

Discussione: Mod.1917 americano.

  1. #21
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Paolo, per carità*, ho capito e conosco bene il tuo punto di vista e modo di ragionare, che condivido peraltro.

    Ci sono tantissime cose in questo campo che forse non potranno mai essere dimostrate ne' in positivo ne' in negativo; c'è chi, giustamente per carità*, ragiona da manuale, c'è chi è un po' per "rischiare" come faccio io, tutto qui.

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,790
    Spero si veda qualcosa è un'ingrandimento di un ingrandimento però l'elmetto dell'ufficiale sembrerebbe proprio avere il fregio.

    <center>
    </center>

  3. #23
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Citazione Originariamente Scritto da marpo

    Blaster, non concordo con quanto affermi sul distintivo divisionale
    di cui in oggetto e non concordo ovviamente con quanti concordano con te.Io credo che prima di parlare, bisogna documentarsi non una ma cento volte. A pagina 486 di ELMETTI/Helmets io ho pubblicato un manifesto del 1919 dal Recruiting Officer di Lake Bronson, Minnesota e il manifesto non l'ho fatto io.Ci sono tutti i fregi divisionali a colori della WWI incluso quello della 34^ che e' senza numero ovviamente. Se non vuoi credere, basta che ti diverti ad esaminare un paio di volumi sulle patches USA WWI e WWII in cui puoi trovare anche la storia.
    Il N°34 'poteva' anche esserci, ma non e' vero che 'doveva' esserci.
    Penso di essermi spiegato.
    Quanto all'elmo di Piero, mi pare un bellissimo M.17.In combattimento
    io so che non vennero mai adoperati distintivi divisionali.
    Al rientro in USA, quelle divisioni per cui furono subito previste
    le patches di stoffa, le cucirono sul lato sinistro della giubba e la
    34^era una di queste.Con l'occasione,in genere sulla parte frontale,
    ma puo' trovarsi anche sulla parte sinistra dell'elmetto, vennero dipinti a mano i trofei divisionali di cui al mio manifesto.Non se ne trova uno identico all'altro.Non entro nell'argomento dell'originalita' o meno dell'insegna sull'elmetto di Piero:certo e' che e' splendida e per conto mio puo' essere stata anche fatta ieri,
    tuttavia questa e' solo una mia impressione non suffragata da nulla.
    Saluti[8D]PaoloM
    Io ciò che ho scritto l'ho preso da un libro.Se vuoi ti cito la fonte.Poi magari colui che ha scritto il libro non è una fonte autorevole come te,magari è un libro proprio alla buona,però è da un libro che ho preso questa cosa e di conseguenza non mi si può dire che non mi sono documentato.Magari ho ricevuto informazioni sbagliate da questo libro,ma mi sono documentato.Ad ogni modo acquisterò questo libro dove mi dici che hai pubblicato un manifesto del 1919,così magari imparerò qualcosa ed uscirò da questa mia ignoranza.
    [ciao2]
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  4. #24
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Località
    liguria
    Messaggi
    1,100
    Occhio ragazzi a non confondere lo stemma ufficiale della divisione, con tanto di numero e scritta da dipingere sul muro della caserma, col disegno del patch che, nel disegno originale del 29 ottobre 1918 qui sotto, riporta solo il teschio. Il fante che si dipingeva l'elmetto non aveva voglia di andare nel difficile e dipingeva quello che era sul patch. Ma dopo il 29 ottobre 1918.
    Comunque nel collezionismo vale la massima mai dire mai.


    Shot at 2007-07-27

    Per Norby73: mi sa che i tuoi soldati siano inglesi. Oltre le facce e le pipe guarda la giacca.

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Blaster, sta tranquillo che di autorevoli nel campo della militaria ci sono solo coloro che la guerra l'hanno fatta e certi oggetti o indumenti gli hanno indossati. Gli altri, chi più o chi meno sono solo onesti manovali del collezionismo. Sia chiaro!

    Saluti
    Corrado

    p.s.: e per manovali non intendo offendere nessuno...anzi..è un modo per specificare che tutti siamo umili amanti di conoscere..ma la storia purtroppo non l'abbiam fatta noi, l'hanno fatta altri. Noi non facciamo altro che cercare di interpretare quello che ci è stato lasciato.
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  6. #26
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,790
    é da quando ho scannerizzato la foto che sto cercando di capire chi sono, non sono inglesi ma neo-zelandesi, perdonate l'errore

  7. #27
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,091
    Citazione Originariamente Scritto da norby73

    Spero si veda qualcosa è un'ingrandimento di un ingrandimento però l'elmetto dell'ufficiale sembrerebbe proprio avere il fregio.

    <center>
    </center>
    Ciao Norby, i due soggetti illustrati sono presumibilmente canadesi,uno di essi ha infatti l'insegna della Royal Artillery.
    Non e' purtroppo quel fregio.Sarebbe un grosso scoop trovare una
    foto 'al fronte' con un'insegna divisionale americana sull'elmetto!
    Il fregio e' quello che ha riportato Artu44.
    Per Ado: nessuno si inventa nulla e nessuno credo sia qui né per
    far prevalere le proprie idee su quelle degli altri.Se hai capito
    questo penso che ho sbagliato a porre la risposta.Cio' che contano sono i dati di fatto e sono semplicemente quelli che umilmente studiamo.Quindi ottimo l'accostamento al 'manovale'.
    Per Blaster:non e' necessario che tu acquisti il libro che ti ho
    indicato io.E' probabile, che entro stasera,io riesca a postare la
    foto.Ed inoltre il tuo autore avra' sicuramente scritto tutto in
    perfetta buionafede,senza pero' confrontarsi con altre esperienze.
    Come dice Artu44, ...mai dire mai.
    saluti a tutti[ad]PaoloM

  8. #28
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,091
    Immagine:

    168,85*KB

    [ciao2]PaoloM

    PS:si l'ufficiale di destra nella foto di Norby e' neo zelandese della Royal NZ Artillery.
    L'ufficiale di sinistra e' canadese cosi' come il soldato al centro
    che porta tra l'altro un cinturone tedesco. La foto si riferisce al
    ritrovamento di un fucilone anti-carro nel settore canadese del fronte.

  9. #29
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090
    Se mi fornisci gentilmente le specifiche(Autore/i,Case Editrice,Anno di pubblicazione e via dicendo)provvedo a procurarmelo.Mi faresti davvero un favore.Va bene sia in chiaro sia in mp.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  10. #30
    Utente registrato L'avatar di piesse
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Toscana
    Messaggi
    3,700
    Da semplice apprendista che cerca di imparare a diventare manovale, direi che qualcosa fra tutti è venuto fuori:

    - mi pare sia possibile affermare che dopo il 29/10/1918 qualcuno abbia dipinto qualche stemma sugli elmetti della 34;

    - a quel momento la guerra era praticamente finita e quindi tornerebbe il discorso che le insegne di reparto sugli elmetti USA all'epoca della 1gm sul campo di battaglia erano raririssime, se non addirittura mai presenti, e risalgono al periodo immediatamente successivo alla fine delle ostilità*;

    - sappiamo inoltre che per tutto il restante 1918 e per una parte non ben definita del 1919 la 34 div. restò in Francia, per poi rientrare in Patria, ed essere smobilitata;

    - si può ipotizzare che in base a questi fatti gli elmetti in carico a quest'unità* hanno avuto uso breve e non "stressante" per cui teoricamente possono anche essersi conservati bene;

    - purtroppo ascoltare dalla viva voce di chi "c'è stato" ritengo non sia più possibile, possiamo solo far affidamento su libri e documentazione varia, e possibilmente incrociare le notizie e quando coincidono ritenenerle ragionevolmente affidabili, ed è quello che personalmente ho fatto.

Pagina 3 di 16 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima

Tag per questa discussione

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato